Singapore, Libere 1: due Red Bull e poi c'è Vettel con la Ferrari

condivisioni
commenti
Singapore, Libere 1: due Red Bull e poi c'è Vettel con la Ferrari
Franco Nugnes
Di: Franco Nugnes
16 set 2016, 11:41

Verstappen è stato il più veloce nel primo turno di libere del GP di Singapore, risultando di 49 millesimi più veloce di Ricciardo. Vettel è terzo a quattro decimi, mentre le Mercedes seguono a sei decimi ma con le gomme Soft

La Red Bull Racing porta i suoi piloti al comando della prima sessione di prove libere del GP di Singapore: Max Verstappen è risultato il più veloce con il tempo di 1'45"823, lasciando il compagno di squadra, Daniel Ricciardo, ad appena 49 millesimi di secondo. La RB12 ha confermato le previsioni che la davano grande favorita sul circuito cittadino di Marina Bay: i due conduttori di Milton Keynes hanno ottenuto la loro prestazione con le gomme Ultrasoft, vale a dire la mescola più morbida fra quelle disponibili nel carnet della Pirelli.

Verstappen è stato di oltre due secondi più veloce rispetto al miglior tempo del primo turno di prove libere dello scorso anno (1'47"995), ma nel paddock si domandano quale sia l'effettivo valore della Mercedes che ha portato Lewis Hamilton e Nico Rosberg a sei decimi dalla vetta girando con la mescola più dura, vale a dire la Soft, ottenendo una prestazione straordinaria.

Nico nell'ultimo quarto d'ora è stato autore di un brutto dritto alla curva 18 finendo frontalmente contro le barriere: il tedesco ha distrutto l'ala anteriore, ma è riuscito a tornare ai box con i suoi mezzi con la gomma anteriore sinistra forata. Un errore grave di valutazione in staccata, visto che si è accorto di essere troppo lungo quando non era più in grado di infilare l'ampia via di fuga.

In mezzo si è inserita la Ferrari: Sebastian Vettel è terzo con la SF16-H con il tempo di 1'46"287 a meno di mezzo secondo dall'olandese. Il tedesco è stato il primo fra i piloti top a ottenere la prestazione, mentre il sole stava calando per lasciare il posto alla notte di Singapore, favorendo un calo della temperatura dell'asfalto.

Il quattro volte campione del mondo ama il tracciato di Marina Bay e non è parso troppo preoccupato quando ha toccato il muro con la posteriore sinistra mentre cercava di prendere le misure all'impegnativo circuito cittadino. Più problematica la sessione di Kimi Raikkonen costretto a restare a lungo fermo nei box per un problema elettronico: il finlandese, una volta tornato in pista, ha faticato con una Rossa molto nervosa nel traffico. Iceman si è accontentato del settimo tempo a un secondo dalla Red Bull e a sei decimi dal compagno di squadra.

Tre piloti sono scesi in pista con l'Halo: si tratta di Lewis Hamilton (Mercedes), Nico Hulkenberg (Force India) e Fernando Alonso (McLaren). Il tedesco in particolare ha dedicato un intero run per valutare la protezione della testa che la FIA ne ha rinviato l'adozione comunque al 2018.

La sorpresa della sessione è stata la Toro Rosso che si rilancia dopo gli ultimi due GP molto difficili per la squadra di Faenza: Carlos Sainz si è arrampicato al settimo posto con un ottimo 1'47"683, corroborato dall'ottavo posto del redivivo Daniil Kvyat, per quanto staccato di sette decimi dallo spagnolo.

La top ten è completata da Felipe Massa a suo agio con la Williams, davanti a Esteban Gutierrez con la Haas che può fare affidamento su un nuovo pacchetto aerodinamico. Non ha tempi Romain Grosjean perché la vettura del francese si è ammutolita con un problema alla batteria: il transalpino ha ingannato il tempo giocando a carte nel box, perché il timore è che il guaio tecnico sia più serio...

Fernando Alonso piazza la McLaren all'11esimo posto: anche l'asturiano ha dato una strisciata al muro con la MP4-31 senza conseguenze: i 2"3 di distacco dalla Red Bull, però, evidenzia che la macchina di Woking non sembra a suo agio su una pista che invece dovrebbe esaltarne le carattristiche.

Jenson Button è 16esimo: l'inglese ha accusato dei problemi all'alimentazione della motore Honda ed è rimasto molto nel garage. Hanno iniziato in modo guardingo le due Force India con Sergio Perez. 12esimo, davanti a Nico Hulkenberg.

La Sauber si consola con la 15esima piazza di Felipe Nasr, dietro a Valtteri Bottas con la Williams, mentre Jolyon Palmer sta davanti al compagno di squadra Kevin Magnussen in Renault. In difficoltà Esteban Ocon con la Manor: i sei secondi di distacco del francese non sono realistici...

Cla#PilotaChassisMotoreGiriTempoGapDistaccokm/h
1 33  Max Verstappen  Red Bull TAG 25 1'45.823     172.306
2 3  Daniel Ricciardo  Red Bull TAG 27 1'45.872 0.049 0.049 172.226
3 5  Sebastian Vettel  Ferrari Ferrari 22 1'46.287 0.464 0.415 171.554
4 44  Lewis Hamilton  Mercedes Mercedes 24 1'46.426 0.603 0.139 171.330
5 6  Nico Rosberg  Mercedes Mercedes 22 1'46.513 0.690 0.087 171.190
6 7  Kimi Raikkonen  Ferrari Ferrari 20 1'46.890 1.067 0.377 170.586
7 55  Carlos Sainz Jr.  Toro Rosso Ferrari 28 1'46.936 1.113 0.046 170.513
8 26  Daniil Kvyat  Toro Rosso Ferrari 29 1'47.683 1.860 0.747 169.330
9 19  Felipe Massa  Williams Mercedes 27 1'48.044 2.221 0.361 168.764
10 21  Esteban Gutierrez  Haas Ferrari 23 1'48.109 2.286 0.065 168.663
11 14  Fernando Alonso  McLaren Honda 21 1'48.202 2.379 0.093 168.518
12 11  Sergio Perez  Force India Mercedes 28 1'48.214 2.391 0.012 168.499
13 27  Nico Hulkenberg  Force India Mercedes 28 1'48.359 2.536 0.145 168.273
14 77  Valtteri Bottas  Williams Mercedes 26 1'48.453 2.630 0.094 168.128
15 12  Felipe Nasr  Sauber Ferrari 16 1'49.595 3.772 1.142 166.376
16 22  Jenson Button  McLaren Honda 20 1'49.615 3.792 0.020 166.345
17 30  Jolyon Palmer  Renault Renault 27 1'49.794 3.971 0.179 166.074
18 20  Kevin Magnussen  Renault Renault 29 1'50.263 4.440 0.469 165.368
19 94  Pascal Wehrlein  Manor Mercedes 23 1'51.112 5.289 0.849 164.104
20 9  Marcus Ericsson  Sauber Ferrari 16 1'51.479 5.656 0.367 163.564
21 31  Esteban Ocon  Manor Mercedes 33 1'52.379 6.556 0.900 162.254
22 8  Romain Grosjean  Haas Ferrari 2      

 

Prossimo Articolo
Il caso: quanti team copieranno il telaio più basso della Mercedes?

Articolo precedente

Il caso: quanti team copieranno il telaio più basso della Mercedes?

Prossimo Articolo

McLaren: le paratie dell'ala posteriore hanno i soffiaggi aperti

McLaren: le paratie dell'ala posteriore hanno i soffiaggi aperti
Carica commenti