Silverstone, Libere 2: Vettel con il caldo esalta la Ferrari che è davanti alle Mercedes

Le Mercedes di Hamilton e Bottas devono inchinarsi alla Rossa di Vettel nella seconda sessione di prove libere del GP di Gran Bretagna. Se il margine è stato limitato nel giro secco, è diventato importante nelle simulazioni di gara. Crash di Verstappen.

Silverstone, Libere 2: Vettel con il caldo esalta la Ferrari che è davanti alle Mercedes

 C'è una sorpresa a Silverstone con Sebastian Vettel davanti alle due Mercedes! Nel secondo turno di prove libere del Gran Premio di Gran Bretagna il grande protagonista del pomeriggio è stato il caldo: sull'asfalto, infatti, si sono misurati fino a 52 gradi contro i 32 del mattino e la Ferrari dotata del nuovo pacchetto aerodinamico è venuta allo scoperto.

Il tedesco ha chiuso la giornata con il tempo di 1'27"552 ottenuto con la mescola soft e in simulazione da qualifica: il ferrarista non ha migliorato il tempo di Lewis Hamilton del mattino (1'27"487), ma la pista era nettamente più lenta a causa della calura, per cui Sebastian ha lasciato il rivale per il mondiale a 187 millesimi, visto che l'inglese non è andato oltre 1'27"739.

Insomma, la squadra del Cavallino ha spazzato via i dubbi della mattinata (quando la SF71H ha pagato mezzo secondo dalle frecce d'argento mentre stava facendo solo delle prove comparative): Sebastian ha promosso le novità della Rossa che sono state trasferite anche sulla macchina di Kimi Raikkonen. Il finlandese, però, ci ha dovuto prendere la mano alla nuova configurazione per cui con 1'28"045 è finito dietro a Valtteri Bottas con la seconda Mercedes di un decimo e mezzo.

La prestazione nel giro secco della Rossa sembra confermata anche nei long run, con le Ferrari che con questa temperatura sembrano più consistenti delle Mercedes. L'insolita calura inglese gioca a favore delle monoposto di Maranello che ha fatto suonare un campanello d'allarme nel box di Toto Wolff, tanto che Bottas ha fatto una simulazione di gara con la mescola Hard, la più dura nella gamma degli pneumatici della Pirelli, che sarà usata solo a Silverstone e non si vedrà più nel corso del campionato.

E la Red Bull? E' staccata dalle due pretendenti al titolo: Daniel Ricciardo ha lasciato 856 millesimi dalla Ferrari con un tempo di 1'28"408. La RB14 forse è troppo scarica aerodinamicamente per affrontare i curvoni veloci di Silverstone e non sembra in grado di giocare il ruolo della terza incomoda.

Tanto più che Max Verstappen al suo secondo giro con la Red Bull gommata con le Hard è finito contro le barriere all'uscita della Curva 7:  il vincitore dell'Austria non è riuscito ad andare in corda all'ingresso della curva e poi è finito largo in uscita con la RB14 in sovrasterzo. L'olandese ha provato a riprendere la macchina, ma gli ha fatto da "pendolo" nel richiamo dello sterzo ed è andato a sbattere contro le protezioni all'esterno, danneggiando in particolare la ruota posteriore destra. Verstappen, quindi, non ha potuto chiudere nemmeno un tempo e, soprattutto, ha scombinato i piani della squadra di Milton Keynes perché non ha potuto effettuare nemmeno un long run.

Leggi anche:

Non ha potuto partecipare alla seconda sessione nemmeno Romain Grosjean perché il francese ha bucato la scocca con un braccio della sospensione anteriore nell'urto contro le barriere verso la Curva 2 dopo l'impatto causato dall'aver perso la VF-18 quando non ha fatto in tempo a chiudere l'ala mobile alla Curva 1. La squadra americana ha dovuto iniziare ad allestire la scocca nuda di scorta per cui era impossibile vederlo in pista: un vero peccato perché il transalpino nei pochi giri percorsi era di nuovo il primo degli inseguitori dopo i tre top team. Insomma, una giornata buttata via...

E così il primo degli "altri" è stato Fernando Alonso con la McLaren: lo spagnolo, probabilmente ha già usato il motore in mappatura del sabato, ma la sesta posizione nella lista dei tempi ha restutuito il sorriso a Gil De Ferran e all'ingegner Stella capo dei tecnici in pista di Woking.

Positivo anche il "risveglio" di Nico Hulkenberg settimo con la Renault, mentre Carlos Sainz è rimasto impastoiato all'11esima piazza con la seconda R.S.18. Le due Force India che viaggiano sempre di conserva sono ottava con Esteban Ocon e nona con Sergio Perez.

Eccellente la prestazione di Charles Leclerc decimo con la Sauber C37: il monegasco continua a stupire perché ha rifilato mezzo secondo a Marcus Ericsson che è 14esimo. Il talento della FDA si sta abituando a respirare l'aria del centro gruppo e le sirene Ferrari sembrano caricarlo ancora di più.

In difficoltà Kevin Magnussen con la Haas: il danese non si sta adattando al veloce circuito inglese ed è insidiato da Pierre Gasly. Il francese è stato costretto a interrompere il long run con la Toro Rosso perché si è rotto il motore Honda di rotazione che ormai era arrivato al limite del chilometraggio.

Lance Stroll è 15esimo con la Williams seguito a ruota dal compagno di squadra Sergey Sirotkin, mentre in fondo alla lista dei tempi ci sono Stoffel Vandoorne in difficoltà con la seconda MCL33 e il deludente Brandon Hartley inconsistente con la Toro Rosso...

Cla # Pilota Chassis Motore Giri Tempo Gap Distacco km/h
1 5 Germany Sebastian Vettel  Ferrari Ferrari 36 1'27.552     242.228
2 44 United Kingdom Lewis Hamilton  Mercedes Mercedes 32 1'27.739 0.187 0.187 241.712
3 77 Finland Valtteri Bottas  Mercedes Mercedes 30 1'27.909 0.357 0.170 241.244
4 7 Finland Kimi Raikkonen  Ferrari Ferrari 34 1'28.045 0.493 0.136 240.872
5 3 Australia Daniel Ricciardo  Red Bull TAG 31 1'28.408 0.856 0.363 239.883
6 14 Spain Fernando Alonso  McLaren Renault 31 1'29.306 1.754 0.898 237.471
7 27 Germany Nico Hulkenberg  Renault Renault 35 1'29.354 1.802 0.048 237.343
8 31 France Esteban Ocon  Force India Mercedes 33 1'29.467 1.915 0.113 237.043
9 11 Mexico Sergio Perez  Force India Mercedes 32 1'29.522 1.970 0.055 236.898
10 16 Monaco Charles Leclerc  Sauber Ferrari 30 1'29.557 2.005 0.035 236.805
11 55 Spain Carlos Sainz Jr.  Renault Renault 36 1'29.563 2.011 0.006 236.789
12 20 Denmark Kevin Magnussen  Haas Ferrari 33 1'29.617 2.065 0.054 236.647
13 10 France Pierre Gasly  Toro Rosso Honda 16 1'29.831 2.279 0.214 236.083
14 9 Sweden Marcus Ericsson  Sauber Ferrari 32 1'30.046 2.494 0.215 235.519
15 18 Canada Lance Stroll  Williams Mercedes 34 1'30.069 2.517 0.023 235.459
16 35 Russian Federation Sergey Sirotkin  Williams Mercedes 36 1'30.103 2.551 0.034 235.370
17 2 Belgium Stoffel Vandoorne  McLaren Renault 31 1'30.121 2.569 0.018 235.323
18 28 New Zealand Brendon Hartley  Toro Rosso Honda 36 1'30.404 2.852 0.283 234.586
19 33 Netherlands Max Verstappen  Red Bull TAG 2

 

condivisioni
commenti
Silverstone, Libere 1: le due Mercedes rifilano mezzo secondo alla Ferrari di Vettel
Articolo precedente

Silverstone, Libere 1: le due Mercedes rifilano mezzo secondo alla Ferrari di Vettel

Prossimo Articolo

Silverstone, Libere 3: Hamilton di un soffio su Kimi, spaventoso crash per Hartley

Silverstone, Libere 3: Hamilton di un soffio su Kimi, spaventoso crash per Hartley
Carica commenti
Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche"

Andiamo a commentare le prime prove libere del GP d'Arabia Saudita in compagnia di Giorgio Piola e Franco Nugnes. Il tracciato di Jeddah, che non spicca per selettività, si prefigura come potenzialmente ricco di safety car

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche"

Viviamo l'antipasto del Gran Premio dell'Arabia Saudita in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola. La prima volta della F1 a Jeddah sarà su un tracciato cittadino ultra-rapido, con medie previste superiori ai 250 km/h e con i muretti ben presenti ai bordi della pista

Formula 1
2 dic 2021
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Formula 1
1 dic 2021
Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica" Prime

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica"

Un atleta è come una macchina: ogni componente deve essere perfettamente funzionante per rendere al meglio. In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine affrontano l'importanza dell'allenamento psico-fisico.

Formula 1
1 dic 2021
Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

Formula 1
30 nov 2021
La top 10 delle Williams più famose della storia Prime

La top 10 delle Williams più famose della storia

Williams è una delle squadre più leggendarie della Formula 1, in cui ha una storia ricchissima. Come tributo a Sir Frank Williams, tristemente scomparso all’età di 79 anni, Motorsport ripercorre la storia del marchio attraverso le 10 monoposto più importanti.

Formula 1
29 nov 2021
Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi Prime

Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi

Il tempismo al limite delle capacità umane in cui i meccanici di Formula 1 riescono a completare un pit stop è uno degli aspetti più interessanti del circus iridato. Ecco come si arriva a tali risultati

Formula 1
29 nov 2021