Silverstone, Libere 1: Bottas esalta la Mercedes, Ferrari in difficoltà

condivisioni
commenti
Silverstone, Libere 1: Bottas esalta la Mercedes, Ferrari in difficoltà
Franco Nugnes
Di: Franco Nugnes
14 lug 2017, 09:40

Bottas infrange il record della pista nel primo turno di prove libere del GP di Gran Bretagna: il finlandese con le Soft precede Hamilton di 78 millesini. Seguono le due Red Bull Racing che stanno davanti a Raikkonen e Vettel non ancora a posto.

Valtteri Bottas infrange il record di Silverstone nel primo turnno di prove libere del GP di Gran Bretagna: con il tempo di 1'29"106 ottenuto con le gomme a mescola Soft il vincitore in Austria conferma di essere in gran forma. Il finlandese ha rifilato 78 millesimi al compagno di squadra Lewis Hamilton.Bottas, quindi, non si vuole limitare a essere lo scudiero del tre volte campione del mondo, ma sta entrando nei panni di chi vuole essere protagonista della stagione incrociando i guanti anche con il compagno di squadra che a inizio stagione era dato per il grande favorito.

Le due Mercedes hanno già fatto il vuoto sul resto della concorrenza rivelando una netta superioritò della W08 che adotta il terzo motore stagionale sui veloci curvoni di Silverstone. La sorpresa è che dietro alle frecce d'argento non ci sia una Rossa, ma le due Red Bull Racinh che continuano la graduale, quanto costante, crescita della RB13, la monoposto che è stata ripresa in mano da Adrian Newey dopo che ha ridotto l'impegno sulla hipercar dell'Aston Martin alla quale si è dedicato nell'inverno.

Max Verstappen con 1'29"604 è arrivato a quasi mezzo secondo da Bottas, ma l'olandese la prestazione l'ha ottenuta con le gomme Supersoft che sono di una mescola più morbida. Alle spalle di Max si è inserito Daniel Ricciardo rivelando che la RB13 si adatta bene alla pista britannica e potrebbe diventare la sorpresa del weekend, mentre non ha entusiasmato la Ferrari.

Sebastian Vettel ha portato al debutto in F.1 lo Shield sulla sua SF70H: il tedesco ha effettuato solo l'installation lap con il cupolino, lamentando una visibilità centrale non perfetta, prima di tornare ai box per togliere la soluzione innovativa. Il tedesco ha effettuato anche un testacoda, mostrando una Rossa che per la prima volta nella stagione non sembra adattarsi facilmente al tracciato.

Seb con 1'30"517 è a 1"4 da Bottas: un margine esagerato che non è quello che solitamemte divide la SF70H dalle fracce d'argento. Ci deve essere qualcosa di sbagliato sulla Rossa che monta la terza power unit su entrambe le vetture. I due ferraristi hanno passato molto tempo ai box per cercare delle soluzioni di assetto più adatte. E così Raikkonen si è rimesso davanti a Vettel, facendo meglio di mezzo secondo, con il tempo di 1'30"137.

Buona la prestazione di Daniil Kvyat settimo con la Toro Rosso: il russo ha girato in 1'30"895, precedendo di un decimo Fernando Alonso con la McLaren MCL32 e Felipe Massa che nel primo giro ha visto esplodere letteralmente alcune parti aerodinamiche a causa di un violento contatto con i cordoli: i tecnici della Williams hanno prontamente riparato la FW40 del brasiliano che ha girato con il nuovo muso e le barge board, mentre ha rinunciato ai deviatori di flusso a ponte che ha utilizzato, invece, Lance Stroll insieme al muso vecchio.

La squadra di Grove ha deciso di fare delle prove comparative visto che i tecnici di Paddy Lowe non avevano capito come mai al Red Bull Ring le gomme non avessero funzionato al netto delle modifiche arodinamiche.

Buona la prestazione di Stoffel Vandoorne decimo con la seconda McLaren sebbene il belga abbia accusato un calo di potenza alla power unit Honda. Fuori dalla top 10 Carlos Sainz che è stato ammesso alle prove dopo che la sua STR12 ha superato le verifiche tecniche dopo che è stato brillantemente risolto il caso di ieri, quando era stato trovato un cavo di ritenzione delle ruote danneggiato.

Ci si aspettava di più dalle Force India, con Esteban Ocon davanti a Sergio Perez, uno in fila all'altro. Da segnalare il debutto di Antonio Giovinazzi sulla Haas di Kevin Magnussen: il pilota pugliese ha chiuso 16esimo a quattro decimi da Romain Grosjean che si è classificato due posizioni più avanti: l'approccio con la squadra americana è parso positivo.

Male le Renault con Nico Hulkenberg e Jolyon Palmer davanti solo alle Sauber di Pascal Wehrlein e Marcus Ericsson...

Cla#PilotaChassisMotoreGiriTempoGapDistaccokm/h
1 77 finland Valtteri Bottas  Mercedes Mercedes 29 1'29.106     238.004
2 44 united_kingdom Lewis Hamilton  Mercedes Mercedes 29 1'29.184 0.078 0.078 237.796
3 33 netherlands Max Verstappen  Red Bull TAG 26 1'29.604 0.498 0.420 236.681
4 3 australia Daniel Ricciardo  Red Bull TAG 19 1'29.942 0.836 0.338 235.791
5 7 finland Kimi Raikkonen  Ferrari Ferrari 19 1'30.137 1.031 0.195 235.281
6 5 germany Sebastian Vettel  Ferrari Ferrari 19 1'30.517 1.411 0.380 234.294
7 26 russia Daniil Kvyat  Toro Rosso Renault 21 1'30.895 1.789 0.378 233.319
8 14 spain Fernando Alonso  McLaren Honda 20 1'30.993 1.887 0.098 233.068
9 19 brazil Felipe Massa  Williams Mercedes 26 1'30.999 1.893 0.006 233.053
10 2 belgium Stoffel Vandoorne  McLaren Honda 27 1'31.041 1.935 0.042 232.945
11 55 spain Carlos Sainz Jr.  Toro Rosso Renault 24 1'31.200 2.094 0.159 232.539
12 31 france Esteban Ocon  Force India Mercedes 32 1'31.210 2.104 0.010 232.513
13 11 mexico Sergio Perez  Force India Mercedes 33 1'31.297 2.191 0.087 232.292
14 8 france Romain Grosjean  Haas Ferrari 24 1'31.610 2.504 0.313 231.498
15 18 canada Lance Stroll  Williams Mercedes 24 1'31.684 2.578 0.074 231.311
16 50 italy Antonio Giovinazzi  Haas Ferrari 24 1'32.031 2.925 0.347 230.439
17 27 germany Nico Hulkenberg  Renault Renault 19 1'32.171 3.065 0.140 230.089
18 30 united_kingdom Jolyon Palmer  Renault Renault 16 1'32.450 3.344 0.279 229.395
19 94 germany Pascal Wehrlein  Sauber Ferrari 23 1'33.029 3.923 0.579 227.967
20 9 sweden Marcus Ericsson  Sauber Ferrari 26 1'33.399 4.293 0.370 227.064

 

Prossimo Articolo
Ferrari: solo un giro per Vettel con lo Shield sulla SF70H

Articolo precedente

Ferrari: solo un giro per Vettel con lo Shield sulla SF70H

Prossimo Articolo

Sollievo in Toro Rosso: la STR12 di Sainz ha passato le verifiche

Sollievo in Toro Rosso: la STR12 di Sainz ha passato le verifiche
Carica commenti