Shovlin: "Senza bandiera rossa Hamilton si sarebbe ritirato"

Il pilota inglese ha subìto un danno al cerchio anteriore sinistro nello scontro iniziale con Max Verstappen ed Andrew Shovlin ha ammesso come la bandiera rossa sia stata provvidenziale per consentire al team di sostituirlo ed evitare ad Hamilton il ritiro.

Shovlin: "Senza bandiera rossa Hamilton si sarebbe ritirato"

Il primo giro del Gran Premio di Silverstone passerà alla storia per il contatto che ha infiammato la lotta mondiale tra Lewis Hamilton e Max Verstappen. Quando i due sono arrivati affiancati alla Copse, il pilota inglese ha colpito con l’anteriore sinistra la posteriore destra del portacolori della Red Bull.

Ad avere la peggio è stato proprio Max, finito contro le barriere a gran velocità ma uscito fortunatamente illeso dai rottami della RB16B.

La direzione gara ha immediatamente fatto scendere in pista la safery car per poi interrompere la corsa con bandiera rossa per consentire ai commissari di rimuovere la Red Bull di Verstappen e riparare le barriere danneggiate nell’urto.

La sospensione della gara ha consentito alla Mercedes di ispezionare la monoposto di Hamilton per verificare quali danni avesse riportato nell’impatto ed i meccanici della scuderia di Brackley hanno avuto la possibilità di sostituire le componenti danneggiate.

A sottolineare quanto questa interruzione sia stata fondamentale per il successo di Hamilton è stato Andrew Shovlin: “Il cerchio anteriore sinistro si era danneggiato nell’impatto e se la gara non fosse stata sospesa Lewis sarebbe stato costretto al ritiro”.

“Gli altri danni erano di poca entità. Si era staccato un sensore di temperatura degli pneumatici, la componente meno importare dell’ala anteriore e l’unica che è stata danneggiata”.

Hamilton è stato ritenuto responsabile per il contatto con Verstappen e punito dal collegio dei commissari con una penalità di 10 secondi. Nonostante ciò è riuscito a conquistare ugualmente il successo grazie ad una grande rimonta ai danni di Leclerc completata a due giri dal termine.

“Dalle nostre simulazioni eravamo certi che lo avremmo raggiunto a due giri dalla fine” ha proseguito Shovlin.

“Pensavamo che a cinque tornate dal termine Lewis potesse avere un calo delle gomme, ma è riuscito a mantenere un vantaggio di 8 decimi su Charles ad ogni giro. Non stava perdendo performance ed era soddisfatto dell’equilibrio della vettura”.

“E’ stato bello ammirare quello stint finale. È stata una grande e meritata vittoria”.

condivisioni
commenti
Bel gesto di Vettel: raccoglie i rifiuti dopo il GP a Silverstone
Articolo precedente

Bel gesto di Vettel: raccoglie i rifiuti dopo il GP a Silverstone

Prossimo Articolo

Report Live: ora tra Max e Lewis è guerra aperta

Report Live: ora tra Max e Lewis è guerra aperta
Carica commenti
Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche"

Andiamo a commentare le prime prove libere del GP d'Arabia Saudita in compagnia di Giorgio Piola e Franco Nugnes. Il tracciato di Jeddah, che non spicca per selettività, si prefigura come potenzialmente ricco di safety car

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche"

Viviamo l'antipasto del Gran Premio dell'Arabia Saudita in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola. La prima volta della F1 a Jeddah sarà su un tracciato cittadino ultra-rapido, con medie previste superiori ai 250 km/h e con i muretti ben presenti ai bordi della pista

Formula 1
2 dic 2021
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Formula 1
1 dic 2021
Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica" Prime

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica"

Un atleta è come una macchina: ogni componente deve essere perfettamente funzionante per rendere al meglio. In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine affrontano l'importanza dell'allenamento psico-fisico.

Formula 1
1 dic 2021
Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

Formula 1
30 nov 2021
La top 10 delle Williams più famose della storia Prime

La top 10 delle Williams più famose della storia

Williams è una delle squadre più leggendarie della Formula 1, in cui ha una storia ricchissima. Come tributo a Sir Frank Williams, tristemente scomparso all’età di 79 anni, Motorsport ripercorre la storia del marchio attraverso le 10 monoposto più importanti.

Formula 1
29 nov 2021
Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi Prime

Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi

Il tempismo al limite delle capacità umane in cui i meccanici di Formula 1 riescono a completare un pit stop è uno degli aspetti più interessanti del circus iridato. Ecco come si arriva a tali risultati

Formula 1
29 nov 2021