Shanghai, Libere 2: Hamilton fa scintille, ma Raikkonen è a un soffio

condivisioni
commenti
Shanghai, Libere 2: Hamilton fa scintille, ma Raikkonen è a un soffio
Franco Nugnes
Di: Franco Nugnes
13 apr 2018, 07:34

La Ferrari di Kimi è staccata di appena 7 millesimi di secondo dalla Mercedes di Lewis nella seconda sessione di prove libere del GP della Cina. Ci sono quattro macchine in un decimo con Bottas davanti a Vettel, mentre Verstappen è più staccato.

Quattro vetture in appena un decimo di secondo! Lewis Hamilton si conferma leader anche nella seconda sessione di prove libere del GP della Cina con il tempo di 1'33"482 colto con le gomme Ultrasoft, ma Kimi Raikkonen gli è arrivato ad alitare sul collo con un distacco di soli 7 millesimi con la Ferrari.

Se il campione del mondo non ha ancora trovato l'assetto migliore (spira un vento fastidioso che rende difficile la messa a punto delle monoposto), anche perché la Ultrasoft fa fatica ad arrivare in fondo al giro senza una piccola perdita di competitività, il finlandese del Cavallino ha trovato traffico (la Sauber di Marcus Ericsson) all'inizio dell'ultimo tratto della pista.

La Mercedes, quindi, rimane al comando, ma la Ferrari è a un soffio. Con le basse temperature ambientali (17 gradi di aria e 20 gradi di asfalto) e un vento molto fastidioso che ha anticipato la pioggia nel finale, ci si aspettava che le freccie d'argento potessero avere un vantaggio che in pista, invece, non si è visto.

A inseguire Hamilton tocca ancora a Iceman che sembra interpretare la SF71H meglio di Sebastian Vettel, meno istintivo, ma più pragmatico del finlandese nel cercarsi le soluzioni di assetto adatte per la gara. Kimi è riuscito a infilarsi fra le due W09, lasciando Valtteri Bottas in terza posizione con un distacco dalla testa di soli 33 millesimi di secono. Parliamo di niente, o quasi.

Leggermente più staccato è proprio Sebastian Vettel a 108 millesimi, ma il tedesco non è riuscito a chiudere un giro pulito come avrebbe voluto. La sensazione è che due squadre duellanti per il titolo si giochino la partita anche in Cina sui dettagli, perché le monoposto hanno rendimenti quasi identici tanto sul giro secco che nel passo di gara.

Nella sfida manca, per ora, la Red Bull: Max Verstappen è riuscito a portare la RB14 al quinto posto con un distacco di 341 millesimi, risultando l'ultimo pilota che ha sfondato il muro dell'134" con 1'33"823, mentre ha accusato dei problemi Daniel Ricciardo costretto ad abortire il giro buono, per cui l'australiano si è dovuto accontentare del nono tempo a un secondo da Hamilton. Le macchine di Milton Keynes hanno sempre un ritmo altalenante in versione da qualifica, mentre sembrano molto competitive nei long run.

Nico Hulkenberg con la Renault ha simulato la qualifica con il serbatoio vuoto per scoprire qual è l'effettivo potenziale della R.S.17 e si è messo al sesto posto con 1'34"313: la monoposto di Enstone ha preceduto la Haas del sorprendente Kevin Magnussen che ha preso per mano la squadra americana portandola costantemente nei primi dieci, mentre Romain Grosjean è precipitato nelle retrovie dopo un lungo nel quale ha danneggiato alcune parti aerodinamiche sul lato destro.

Carlos Sainz con la seconda Renault è ottavo davanti a Daniel Ricciardo e Fernando Alonso con la migliore McLaren che ha lasciato la MCL33 di Stoffel Vandoorne a mezzo secondo al 14esimo posto. Il belga ha dovuto interrompere l'ultimo long run a causa della ruota posteriore destra che non è stata serrata a dovere. Un problema che si sta ripetendo con troppa frequenza e che costerà una multa alla squadra di Woking per unsafe release.

Pierre Gasly, 12esimo con la Toro Rosso, si è infilato fra le due Force India con Sergio Perez, 11esimo, e Esteban Ocon, 13esimo. La macchina di Silverstone sembra in leggera ripresa, anche se non fa vedere le cose meravigliose dello scorso anno.

Brendon Hartley con la STR13 si prende mezzo secondo dal compagno di squadra e precede Sergey Sirotkin con la Williams che è 16esimo: il russo è riuscito a creare uno strappo con Lance Stroll relegato in fondo alla lista dei tempi, mentre Marcus Ericsson è tornato a stare davanti a Charles Leclec con l'Alfa Sauber C37, anche se lo svedese non ha evitato un testacoda sul bagnato con le Intermedie.

Cla#PilotaChassisMotoreGiriTempoGapDistaccokm/h
1 44 united_kingdom Lewis Hamilton  Mercedes Mercedes 26 1'33.482     209.918
2 7 finland Kimi Raikkonen  Ferrari Ferrari 26 1'33.489 0.007 0.007 209.902
3 77 finland Valtteri Bottas  Mercedes Mercedes 27 1'33.515 0.033 0.026 209.844
4 5 germany Sebastian Vettel  Ferrari Ferrari 27 1'33.590 0.108 0.075 209.676
5 33 netherlands Max Verstappen  Red Bull TAG 26 1'33.823 0.341 0.233 209.155
6 27 germany Nico Hulkenberg  Renault Renault 30 1'34.313 0.831 0.490 208.068
7 20 denmark Kevin Magnussen  Haas Ferrari 26 1'34.458 0.976 0.145 207.749
8 55 spain Carlos Sainz Jr.  Renault Renault 28 1'34.473 0.991 0.015 207.716
9 3 australia Daniel Ricciardo  Red Bull TAG 26 1'34.557 1.075 0.084 207.531
10 14 spain Fernando Alonso  McLaren Renault 23 1'34.632 1.150 0.075 207.367
11 11 mexico Sergio Perez  Force India Mercedes 30 1'34.792 1.310 0.160 207.017
12 10 france Pierre Gasly  Toro Rosso Honda 33 1'34.849 1.367 0.057 206.893
13 31 france Esteban Ocon  Force India Mercedes 30 1'34.874 1.392 0.025 206.838
14 2 belgium Stoffel Vandoorne  McLaren Renault 22 1'35.163 1.681 0.289 206.210
15 28 new_zealand Brendon Hartley  Toro Rosso Honda 37 1'35.333 1.851 0.170 205.842
16 35 russia Sergey Sirotkin  Williams Mercedes 31 1'35.340 1.858 0.007 205.827
17 9 sweden Marcus Ericsson  Sauber Ferrari 29 1'35.624 2.142 0.284 205.216
18 16 monaco Charles Leclerc  Sauber Ferrari 26 1'35.916 2.434 0.292 204.591
19 8 france Romain Grosjean  Haas Ferrari 26 1'36.471 2.989 0.555 203.414
20 18 canada Lance Stroll  Williams Mercedes 19 1'37.147 3.665 0.676 201.999

 

Prossimo Articolo
Mercedes: nelle libere provate le ali più scariche per Baku

Articolo precedente

Mercedes: nelle libere provate le ali più scariche per Baku

Prossimo Articolo

Vettel: "Siamo piuttosto vicini, ma possiamo anche migliorare"

Vettel: "Siamo piuttosto vicini, ma possiamo anche migliorare"
Carica commenti