Sepang, Libere 1: Verstappen maestro dell'acqua con la Red Bull

condivisioni
commenti
Sepang, Libere 1: Verstappen maestro dell'acqua con la Red Bull
Franco Nugnes
Di: Franco Nugnes
29 set 2017, 05:16

Le due Red Bull sul bagnato hanno fatto il vuoto nella prima sessione di prove libere del GP della Malesia con l'olandese davanti a Ricciardo di 7 decimi. Terzo è Alonso con la McLaren davanti alle due Ferrari di Raikkonen e Vettel.

La pioggia ha caratterizzato la prima sessione di prove libere del GP della Malesia, nel 15esimo appuntamento del mondiale di Formula 1 che si preannuncia bagnato. Max Verstappen è subito salito in cattedra risultando l'unico pilota capace di sfondare il muro dell'1'49" con le gomme intermedie: l'olandese ha ottenuto uno strepitoso 1'48"962 che ha tenuto a distanza Daniel Ricciardo di 757 millesimi di secondo.

Sull'acqua le RB13 hanno rivelato una superiorità imbarazzante: i due piloti di Milton Keynes man mano che le condizioni della pista andavano migliorando sono riusciti ad abbassare progressivamente i tempi tenendo sempre la testa della tabella dei tempi. La sessione è iniziata in ritardo perché l'iniziale scroscio d'acqua è stato violento e ha consigliato il direttore di prova Charlie Whiting di posticipare l'inizio di mezz'ora.

Il terzo tempo è stato ottenuto da Fernando Alonso che dispone di una McLaren aggiornata nell'aerodinamica: lo spagnolo ha colto un buon 1'50"597 proprio alla fine del turno quando il grip è andato migliorando. Il distacco dalla vetta, però, è pesante visto che si parla di 1"6. Il due volte campione del mondo si è messo alle spalle le due Ferrari che hanno lavorato sull'assetto rain. Kimi Raikkonen è quarto con 1'50"734 davanti a Sebastian Vettel che ha preso tre decimi dal compagno finlandese. I due piloti della SF70H hanno fatto una divagazione nelle vie di fuga entrambi, senza incorrere in alcun danno.

La sensazione, ancora una volta, è che la Rossa non sia stata portata in pista con il miglior setup, ma il potenziale non è affatto male, visto che le Mercedes sono comunque a mezzo secondo dalla prestazione di Vettel. Lewis Hamilton ha azzardato un tempo nel finale, mentre per la maggior parte del turno era solo a ridosso dei primi dieci.

Il leader del mondiale, autore solo di 8 giri per risparmiare le gomme, si è portato nella scia Valtteri Bottas con la seconda W08: il finlandese ha chiuso in 1'52"007 al settimo posto, ma è staccato di mezzo secondo dal tre volte iridato inglese.

Positiva la prestazione di Lance Stroll che conferma di essere a suo agio con la Williams sull'acqua: il canadese ha confermato il buono che aveva mostrato nelle qualifiche di Monza e si è preso l'ottava piazza con la FW40, mentre Felipe Massa ha dovuto rinunciare a chiudere un giro cronometrato per un problema idraulico sulla sua monoposto.

Incoraggiante anche il debutto di Pierre Gasly in Formula 1: il francese è nono con la Toro Rosso che era di Daniil Kvyat ed è stata accreditata di 1'52"380. Alle spalle del transalpino è spuntato un consistente Sergey Sirotkin, tester della Renault che si è messo alle spalle Jolyon Palmer di un decimo, mentre Nico Hulkenberg è rimasto a riposo.

Fuori dalla top ten Stoffel Vandoorne con la seconda McLaren: il belga, 12esimo, ha fatto un lavoro diverso da quello di Alonso terzo. E' parsa in difficoltà la Force India con Esteban Ocon 13esimo e Sergio Perez 15esimo: anche i piloti di Mallya hanno girato poco pensando a risparmiare le intermedie visto che i piloti avranno a disposizione di soli cinque treni di gomme per tutto il week end (a inizio turno la Pirelli  ha consegnato quello aggiuntivo in caso di pista bagnata).

Fra le due VJM10 si è infilato Sean Gelael con la seconda Toro Rosso, mentre ha destato subito sensazione la prestazione di Charles Leclerc. Il monegasco, leader della F.2, al debutto nel Circus con la Sauber e si è subito messo in luce rifilando quattro decimi a Pascal Wehrlein. Il pilota della FDA ha avuto un approccio molto positivo con la Formula 1 perché ha schiodato la C36 dall'ultima fila con un imprevedibile 16esima posizione.

Chiudono la lista dei tempi le due Haas con Romain Grosjean davanti di un decimo rispetto ad Antonio Giovinazzi: il pugliese ha percorso solo sei giri e ha svolto alla perfezione il lavoro che gli è stato programmato dal team diretto da Gunther Steiner.

Cla#PilotaChassisMotoreGiriTempoGapDistaccokm/h
1 33 netherlands Max Verstappen  Red Bull TAG 11 1'48.962     183.135
2 3 australia Daniel Ricciardo  Red Bull TAG 12 1'49.719 0.757 0.757 181.871
3 14 spain Fernando Alonso  McLaren Honda 6 1'50.597 1.635 0.878 180.428
4 7 finland Kimi Raikkonen  Ferrari Ferrari 12 1'50.734 1.772 0.137 180.204
5 5 germany Sebastian Vettel  Ferrari Ferrari 12 1'51.009 2.047 0.275 179.758
6 44 united_kingdom Lewis Hamilton  Mercedes Mercedes 8 1'51.518 2.556 0.509 178.937
7 77 finland Valtteri Bottas  Mercedes Mercedes 10 1'52.007 3.045 0.489 178.156
8 18 canada Lance Stroll  Williams Mercedes 9 1'52.295 3.333 0.288 177.699
9 10 france Pierre Gasly  Toro Rosso Renault 14 1'52.380 3.418 0.085 177.565
10 46 russia Sergey Sirotkin  Renault Renault 10 1'53.521 4.559 1.141 175.780
11 30 united_kingdom Jolyon Palmer  Renault Renault 10 1'53.625 4.663 0.104 175.619
12 2 belgium Stoffel Vandoorne  McLaren Honda 10 1'53.771 4.809 0.146 175.394
13 31 france Esteban Ocon  Force India Mercedes 6 1'53.896 4.934 0.125 175.201
14 38 india Sean Gelael  Toro Rosso Renault 13 1'54.610 5.648 0.714 174.110
15 11 mexico Sergio Perez  Force India Mercedes 4 1'54.669 5.707 0.059 174.020
16 37 monaco Charles Leclerc  Sauber Ferrari 10 1'55.280 6.318 0.611 173.098
17 94 germany Pascal Wehrlein  Sauber Ferrari 10 1'55.652 6.690 0.372 172.541
18 8 france Romain Grosjean  Haas Ferrari 8 1'56.211 7.249 0.559 171.711
19 50 italy Antonio Giovinazzi  Haas Ferrari 6 1'56.339 7.377 0.128 171.522
20 19 brazil Felipe Massa  Williams Mercedes 3        

 

Prossimo Articolo
Carica commenti