Seidl: "Hartley resta comunque pilota ufficiale Porsche"

condivisioni
commenti
Seidl:
Francesco Corghi
Di: Francesco Corghi
17 nov 2017, 17:19

Il team principal della Casa di Weissach ha rivelato che il contratto firmato con loro dal neozelandese resta ugualmente valido nonostante sia stato ingaggiato da Red Bull/Toro Rosso per correre in Formula 1 nel 2018.

Andreas Seidl, Porsche Team LMP leader
Andreas Seidl, Team Principal Porsche Team
Andreas Seidl, Team Principal Porsche Team, Fritz Enzinger, Vice Presidente LMP1 Porsche Team, Timo
#2 Porsche Team Porsche 919 Hybrid: Timo Bernhard, Earl Bamber, Brendon Hartley
#2 Porsche Team Porsche 919 Hybrid: Timo Bernhard, Earl Bamber, Brendon Hartley
Brendon Hartley, Scuderia Toro Rosso, Pierre Gasly, Scuderia Toro Rosso
Brendon Hartley, Scuderia Toro Rosso STR12, Marcus Ericsson, Sauber C36
Brendon Hartley, Scuderia Toro Rosso STR12

La Porsche non ha nessuna intenzione di mollare Brendon Hartley, nonostante il neozelandese sia appena stato confermato come pilota Toro Rosso per la stagione di Formula 1 2018.

Il biondo 28enne ha debuttato sulla STR12 ad Austin, proseguito la sua avventura in Messico guadagnandosi poi al termine del Gran Premio del Brasile la riconferma anche per l'annata che verrà.

Con l'uscita di scena di Porsche dal programma LMP1 del WEC, dove Hartley ha vinto anche il titolo, sembrava che il legame fra i due andasse ad interrompersi. Invece no, come ha confermato il team principal di Weissach Andreas Seidl parlando con Motorsport.com.

"E' chiaro che questo accordo fra lui e Red Bull/Toro Rosso ci costringerà a tenere conto dei grandi impegni che avrà e il suo tempo per noi sarà limitato, ma per quello che abbiamo costruito assieme vogliamo che la nostra storia prosegua - rivela Seidl - Il programma nel motorsport di Porsche è grande e ci sono tante possibilità per Brendon di correre con noi nei prossimi anni".

Porsche resterà attiva fra GT e Formula E e non è detto che Hartley non possa trovare spazio su una vettura in futuro per uno dei vari eventi che si svolgono non solo nel WEC, ma in tutto il mondo.

"Potremo sfruttarlo negli eventi-tributo con la 919 Hybrid o cose del genere legate al marchio, mentre per le corse si vedrà. Comunque resta sotto contratto come uomo ufficiale", ha concluso Seidl.

Dal canto suo, il pilota nativo di Palmerston North non ha voluto sbilanciarsi più di tanto circa quello che sarà il proprio futuro motoristico al di là della Formula 1.

"Sinceramente non ho avuto modo di pensarci, resto interessato a tutto, ma per ora non voglio parlarne. Nella prima stagione di Formula 1 dovrò imparare tante cose. Correre ogni weekend mi interesserebbe anche se potessi, ma la priorità resta comunque la Formula 1".

Informazioni aggiuntive di Valentin Khorounzhiy e Frankie Mao

Prossimo articolo Formula 1
Red Bull chiede 4 motori per il 2018. Ferrari non cambia le regole

Previous article

Red Bull chiede 4 motori per il 2018. Ferrari non cambia le regole

Next article

La Ferrari F2001 di Schumi venduta all'asta per oltre 7 milioni di dollari

La Ferrari F2001 di Schumi venduta all'asta per oltre 7 milioni di dollari

Su questo articolo

Serie Formula 1
Piloti Brendon Hartley
Team Toro Rosso , Porsche Team
Autore Francesco Corghi
Tipo di articolo Intervista