Seidl contro Masi: "Non capisco la mancata indagine su Tsunoda"

Andreas Seidl, team principal della McLaren, svela il suo malcontento riguardo la mancata indagine della Direzione Gara del GP d'Azerbaijan nei confronti di Tsunoda dopo l'esposizione della doppia bandiera gialla in seguito all'incidente di Max Verstappen.

Seidl contro Masi: "Non capisco la mancata indagine su Tsunoda"

Il Gran Premio d'Azerbaijan è finito ormai da diversi giorni, eppure ciò che proseguono nel tempo sono le polemiche. Questa volta a sollevare dubbi sulle decisioni prese dai commissari di gara è stata la mancata penalizzazione di Yuki Tsunoda, reo di non aver rallentato dopo l'esposizione delle bandiere gialle per via dell'incidente di Max Verstappen.

McLaren ha presentato un esposto contro Tsunoda per i fatti descritti poco sopra. L'incidente di Verstappen era stato "protetto" con una doppia bandiera gialla, poi è stato richiesto l'intervento della Safety Car e, infine, con la bandiera rossa.

La regia internazionale ha trasmesso il messaggio radio della McLaren diretto al direttore di gara della F1 Michael Masi, in cui il team si è detto "sorpreso" del fatto che Tsunoda non fosse stato messo sotto indagine.

"Semplicemente, per me, l'intera griglia dovrebbe essere penalizzata per non aver rallentato in regime di doppia bandiera gialla, come da regolamento", ha risposto Masi.

Il team di Woking ha proseguito dicendo che la violazione di Tsunoda era "ovvia ed evidente", ma Masi ha risposto: "Sono tutte ovvie", ma anche che avrebbe discusso della questione con i piloti durante il briefing che precederà il Gran Premio di Francia.

Dopo la gara, Andreas Seidl, team principal della McLaren, ha ritenuto che la regola non avesse bisogno di chiarimenti in quanto era chiaro ciò che i piloti avrebbero dovuto fare e che non comminare alcuna sanzione fosse la decisione sbagliata.

"Dal nostro punto di vista sono accadute cose che per noi non andavano bene. Anche inserendolo nel contesto di ciò che per cui abbiamo ricevuto una penalità, ad esempio dopo le qualifiche di sabato. Ma ancora una volta tutto quello che possiamo fare è segnalare la cosa".

"Se il direttore di gara pensa che non siano necessrie indagini perché tutti stavano andando oltre la regola, cosa con cui non sono assolutamente d'accordo, allora devi chiedere a Michael Masi cosa sta cercando".

Dopo la gara a Seidl è stato chiesto se, a suo avviso, Masi stesse facendo un buon lavoro. La risposta è stata chiara: "In generale siamo molto contenti del lavoro che sta facendo Michael, che è un lavoro molto difficile".

"Ma la cosa più importante da parte nostra è la trasparenza e la coerenza. Di solito abbiamo un buon dialogo con lui. Certo, di tanto in tanto ci sono situazioni che non ci trovano d'accordo. E' normale. Noi siamo dalla parte dei concorrenti, lui della FIA".

"Immagino però che se si guarda indietro, nel momento in cui è subentrato nel ruolo che ricopre ora, penso che abbia fatto un ottimo lavoro", ha concluso Seidl.

condivisioni
commenti
Bottas: senza rinnovo l'opzione è il ritiro dalla F1
Articolo precedente

Bottas: senza rinnovo l'opzione è il ritiro dalla F1

Prossimo Articolo

Perez: l'alfiere di re Max nella partita a scacchi per il titolo

Perez: l'alfiere di re Max nella partita a scacchi per il titolo
Carica commenti
La top 10 delle Williams più famose della storia Prime

La top 10 delle Williams più famose della storia

Williams è una delle squadre più leggendarie della Formula 1, in cui ha una storia ricchissima. Come tributo a Sir Frank Williams, tristemente scomparso all’età di 79 anni, Motorsport ripercorre la storia del marchio attraverso le 10 monoposto più importanti.

Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi Prime

Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi

Il tempismo al limite delle capacità umane in cui i meccanici di Formula 1 riescono a completare un pit stop è uno degli aspetti più interessanti del circus iridato. Ecco come si arriva a tali risultati

La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1 Prime

La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1

Una forza mentale incredibile. Questo è quello che appare ascoltando il racconto di Robert Kubica a Ben Anderson sulle sfide che ha dovuto affrontare per tornare al volante di una monoposto di F1.

Formula 1
28 nov 2021
Cosa sono e come nascono le strategie in Formula 1 Prime

Cosa sono e come nascono le strategie in Formula 1

Si fa presto a criticare una strategia stando comodamente sul proprio divano, lontano dallo stress di un muretto box in gara. Ecco come nascono e come vengono studiate le strategie di Formula 1, con parametri incredibili che non lasciano davvero nulla al caso

Formula 1
28 nov 2021
Video F1 | Verstappen, quante occasioni perse! Prime

Video F1 | Verstappen, quante occasioni perse!

In questo nuovo video di Motorsport.com, andiamo ad analizzare le occasioni perse di Max Verstappen nel combattutissimo duello contro Lewis Hamilton nel mondiale 2021. Forse, senza di quelle, avremmo già un campione del mondo?

Formula 1
27 nov 2021
Video F1 | Hamilton, quante occasioni perse! Prime

Video F1 | Hamilton, quante occasioni perse!

Andiamo ad analizzare insieme le occasioni perse da Lewis Hamilton nel corso del mondiale 2021 di Formula 1. In questo video, riassumiamo gli errori dell'inglese durante l'anno e le occasioni nelle quali ha performato al di sotto delle sue potenzialità, ottenendo risultati che alla fine dell'ultimo GP potrebbero decretarne la sconfitta iridata

Formula 1
26 nov 2021
F1 | Ceccarelli: "Alonso si sente integro e vuole dimostrarlo" Prime

F1 | Ceccarelli: "Alonso si sente integro e vuole dimostrarlo"

In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine analizzano la figura del "giovanotto" Fernando Alonso, reo di aver conquistato un podio in Formula 1 dopo sette anni. Eppure, nonostante l'età, ha ancora tanta voglia di dimostrare il suo valore...

Formula 1
24 nov 2021
F1 | Quando la lotta sportiva diventa peggio di Forum Prime

F1 | Quando la lotta sportiva diventa peggio di Forum

In Qatar abbiamo assistito all'ennesima, stucchevole situazione in cui i toni dei contendenti al titolo iridato si sono alzati in maniera esagerata. Oltre a quello, situazione che avevamo preso in esame, all'indice va messo il comportamento di chi governa il Circus iridato, più simile a quello di sceneggiatori alle prese con una serie tv anziché con una pagina clamorosa di storia dello sport.

Formula 1
23 nov 2021