Scoperto un piano terroristico contro il GP di Singapore

La polizia della capitale asiatica ha arrestato sei terroristi che avevano programmato un attentato missilistico con obiettivo il paddock di Formula 1.

La polizia di Singapore ha scoperto un piano terroristico che aveva programmato un attacco al sito del Gran Premio di Formula 1 in programma il prossimo mese di settembre. Nella giornata di ieri nella capitale asiatica sono stati eseguiti sei arresti che hanno bloccato altrettanti presunti terroristi islamici accusati di aver elaborato un piano che prevedeva un lancio di missili sul lungomare di Marina Bay, dove viene allestito il paddock di Formula 1.

Gli organizzatori della gara in notturna sono sempre stati molti attivi sul fronte della sicurezza, e già nelle scorse edizioni del Gran Premio tutti gli addetti ai lavori erano soggetti a rigidi controlli per accedere all’interno dell’area in cui è ricavato il tracciato cittadino.

Ma le informazioni arrivate dalla polizia locale parlano di un piano che prevedeva il lancio di missili dalla vicina isola di Batam, che si trova proprio davanti le coste di Singapore su cui si snoda il tracciato che ospita il Gran Premio. Si prevede quindi un Gran Premio blindato, con massime misure di sicurezza che interesseranno tutta l’area cittadina.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Evento GP di Singapore
Circuito Singapore Street Circuit
Articolo di tipo Ultime notizie