Formula 1
12 mar
-
15 mar
Evento concluso
G
GP del Canada
11 giu
-
14 giu
02 lug
-
05 lug
FP1 in
102 giorni
G
GP di Gran Bretagna
16 lug
-
19 lug
FP1 in
116 giorni
G
GP d'Ungheria
30 lug
-
02 ago
FP1 in
130 giorni
G
GP del Belgio
27 ago
-
30 ago
FP1 in
158 giorni
03 set
-
06 set
FP1 in
165 giorni
G
GP di Singapore
17 set
-
20 set
FP1 in
179 giorni
G
GP degli Stati Uniti
22 ott
-
25 ott
FP1 in
215 giorni
G
GP del Messico
29 ott
-
01 nov
FP1 in
222 giorni
G
GP del Brasile
12 nov
-
15 nov
FP1 in
236 giorni
G
GP da Abu Dhabi
26 nov
-
29 nov
FP1 in
249 giorni

Scandalo: Verstappen resta il vincitore del GP d'Austria. La Ferrari rinuncia all'appello

condivisioni
commenti
Scandalo: Verstappen resta il vincitore del GP d'Austria. La Ferrari rinuncia all'appello
Di:
30 giu 2019, 18:03

Il collegio dei commissari sportivi formato da Tom Kristensen, Silvia Bellot, Nish Shetty e Walter Jobst non ha preso alcun provvedimento contro Verstappen ritenendo quanto è accaduto al giro 69 un normale incidente di gara. Si è persa l'uniformità di giudizio con Canada e Francia.

Uno scandalo: è finita come non era lecito aspettarsi con queste regole FIA. Max Verstappen non è stato penalizzato di cinque secondi e il vincitore del GP d’Austria resta l'olandese. Così la Ferrari deve rinviare il primo successo di Charles Leclerc e della SF90. Due pesi e due misure rispetto al recente passato.

L’olandese non è stato sanzionato a seguito dell’attacco portato con la Red Bull RB15 alla curva 3 (Remus Kurve) durante il giro 69 dei 71 in programma al Red Bull Ring: Max ha accompagnato all’esterno la Ferrari dopo aver affiancato la Rossa, costringendo Leclerc ad andare ben oltre il limite della pista e il cordolo. Le due monoposto si sono anche leggermente toccate prima che la RB15 prendesse un vantaggio con cui tagliare in testa il traguardo allo sventolio della bandiera a scacchi.

Tom Kristensen, Silvia Bellot, Nish Shetty e Walter Jobst, i quattro commissari sportivi del collegio a Spielberg hanno agito in totale discontinuità con i colleghi che erano in servizio al GP del Canada (quando a essere penalizzato era stato Sebastian Vettel a vantaggio di Lewis Hamilton) e al GP di Francia (quando Daniel Ricciardo si è assicurato una doppia penalità nell’ultimo giro al Paul Ricard) sostenendo che si è trattato di un normale incidente di gara.

 

La Ferrari così passa per cornuta e mazziata: comunque si muova per la FIA ha sempre torto. E' evidente che c'è qualcosa nel sistema che non funziona se non si riesce ad avere una uguale serenità di giudizio. La Scuderia ha ufficializzato che non appellerà la decisione, ma la squadra di Maranello a questo punto farebbe bene a prendere azioni clamorose, perché è evidente che le regole si possono adeguare ad ogni situazione: il collegio dei commissari non se l'è sentita di andare contro il padrone del circuito di Spielberg e titolare della Red Bull Racing...

 

Prossimo Articolo
Primo punto per Giovinazzi in F1: "Meritato. Perez mi ha pressato tutto il tempo!"

Articolo precedente

Primo punto per Giovinazzi in F1: "Meritato. Perez mi ha pressato tutto il tempo!"

Prossimo Articolo

Fotogallery F1: tutto lo spettacolo del GP d'Austria 2019

Fotogallery F1: tutto lo spettacolo del GP d'Austria 2019
Carica commenti