La Sauber rinuncia ad ampliare la partnership tecnica con la Ferrari

condivisioni
commenti
La Sauber rinuncia ad ampliare la partnership tecnica con la Ferrari
Di:
Tradotto da: Chiara Rainis, Motorsport.com Switzerland
28 ott 2017, 14:05

Per non rallentare lo sviluppo della monoposto 2018 e per non comprometterne il design complessivo, la scuderia di Hinwil ha deciso di non imitare il metodo Haas e comprare componenti extra dal team di Maranello.

Pascal Wehrlein, Sauber C36
Charles Leclerc, Sauber C36
Sebastian Vettel, Ferrari SF70H
Pascal Wehrlein, Sauber C36
Charles Leclerc, Sauber C36
Sebastian Vettel, Ferrari SF70H
Pascal Wehrlein, Sauber C36
Marcus Ericsson, Sauber C36
Kimi Raikkonen, Ferrari SF70H
Frederic Vasseur, Sauber Team Principal, nella conferenza stampa FIA
Maurizio Arrivabene, Team Principal Ferrari nella conferenza stampa

Dopo aver preso in considerazione la possibilità e fatte le dovute valutazioni, il boss della Sauber Frédéric Vasseur ha annunciato che il team svizzero non aumenterà il numero di pezzi da acquistare dal Cavallino, almeno per la prossima stagione.

"Essendo in fase di lavorazione in galleria del vento, non sarebbe stato l'ideale inserire parti di un'altra macchina in un progetto avviato. In fin dei conti, non basta prendere l'asse anteriore dalla Mercedes e quello posteriore della Red Bull per ottenere una buona vettura", la riflessione del manager francese. 

"Per il futuro, invece, se si riuscisse a trovare un accordo in anticipo si potrebbero estendere i parametri e implementare l'approccio". 

"Va tenuto presente che il rinnovo con la Scuderia Ferrari è arrivato a metà luglio, dunque molto avanti, anzi, pensavo addirittura troppo tardi, essendo stati costretti ad adattare il loro motore alla macchina, quindi non credo avrebbe avuto senso incrementare il quantitativo delle unità da acquistare", ha aggiunto.

"Inoltre, non vorremmo perdere le competenze interne, da come costruire i braccetti delle sospensioni, a come progettare una vettura. Il nostro obiettivo resta dunque trovare il giusto equilibrio. Ragionando sul breve termine, certo, sarebbe più semplice comprare la tecnologia da altri, ma guardando lontano per creare un progetto proprio e renderlo competitivo è fondamentale proseguire con il lavoro in casa". 

"Vedremo come andrà l'anno venturo e se saremo in grado di progredire", ha infine considerato Frédéric Vasseur.

"Sicuramente la collaborazione con Maranello sarà migliore rispetto al 2016, quando ci sono state delle complicazioni. Rimango tuttavia convinto che la Sauber non si trasformerà in una versione B della Ferrari".

Prossimo Articolo
Mercedes: due branchie supplementari per migliorare il raffreddamento

Articolo precedente

Mercedes: due branchie supplementari per migliorare il raffreddamento

Prossimo Articolo

Città del Messico, Libere 3: Verstappen record, Vettel terzo a un decimo

Città del Messico, Libere 3: Verstappen record, Vettel terzo a un decimo
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Formula 1
Team Ferrari Acquista adesso , Sauber
Autore Jonathan Noble