Sainz: "Vettel mi ha ostacolato in Q2, colpa sua, ma non lo hanno avvertito per radio e non mi ha rovinato le Qualifiche"

condivisioni
commenti
Sainz:
Giacomo Rauli
Di: Giacomo Rauli
30 giu 2018, 15:29

Lo spagnolo della Renault viene ostacolato involontariamente nell'ultimo giro della Q2 dal ferrarista, ma non punta il dito contro di lui. I due parleranno davanti ai commissari di gara, i quali poi prenderanno una decisione riguardo a eventuali provvedimenti nei confronti di Vettel.

Carlos Sainz Jr., Renault Sport F1 Team R.S. 18
Carlos Sainz Jr., Renault Sport F1 Team R.S. 18, va largo sulla ghiaia
Carlos Sainz Jr., Renault Sport F1 Team R.S. 18
Carlos Sainz Jr., Renault Sport F1 Team R.S. 18
Carlos Sainz Jr., Renault Sport F1 Team R.S. 18

La decisione che i commissari di gara del Red Bull Ring - sede del gran premio d'Austria 2018 di Formula 1 - stanno prendendo in questi minuti potrebbe avere un peso specifico di incalcolabile importanza nell'economia di questo Mondiale 2018 di Formula 1.

Sebastian Vettel è sotto investigazione per aver involontariamente ostacolato Carlos Sainz Jr nell'ultimo tentativo dello spagnolo di qualificarsi per la Q3. Il fatto è avvenuto in Curva 1, con il tedesco della Ferrari che stava procedendo lentamente in traiettoria mentre Sainz è arrivato rapidamente alle sue spalle perché intento a migliorare il proprio riferimento cronometrico.

Leggi anche:

Carlos si è trovato davanti la Ferrari numero 5 del ferrarista e non ha potuto fare altro che girare bruscamente a sinistra, andando oltre il cordolo e i dissuasori gialli per evitare di tamponare la Rossa di Vettel. Carlos ha poi affiancato Sebastian, facendogli un gesto di disappunto con la mano destra.

"Era il mio secondo run della Q2 e per me era quello decisivo per cercare di andare in Q3. Fortunatamente il mio primo run della Q2 è stato sufficiente per qualificarmi per la Q3", ha dichiarato Sainz al termine delle Qualifiche.

"E' difficile giudicare quello che è successo. Penso che Sebastian non mi abbia visto arrivare e il team non gli ha detto che stavo arrivando. Così io stavo dando il massimo per cercare di qualificarmi e sono arrivato fortissimo alla Curva 1. Ho dovuto scartare a sinistra e prendere il cordolo giallo per evitarlo e non tamponarlo. Un peccato".

"Penso sia colpa sua ma non ha rovinato troppo la mia qualifica anche se, certo, in quel momento ero molto arrabbiato perché avrebbe potuto rovinare le mie possibilità di qualificarmi per la Q3. Io in passato ho preso una penalità per una cosa simile, ma vedremo, non sono arrabbiato con lui. Non lo ha fatto apposta e sono certo non lo abbiano avvertito per radio".

Prossimo Articolo
Ricciardo boccia la strategia Red Bull: "Lasciato sempre davanti solo, non è corretto!"

Articolo precedente

Ricciardo boccia la strategia Red Bull: "Lasciato sempre davanti solo, non è corretto!"

Prossimo Articolo

Räikkönen storce il naso: "In curva ho perso velocità, vedremo se la strategia funzionerà"

Räikkönen storce il naso: "In curva ho perso velocità, vedremo se la strategia funzionerà"
Carica commenti