Sainz sul crash: "Sono entrato in curva con un angolo pessimo"

Il madrileno della McLaren spiega l'incidente alla Curva 2 al GP di Russia, assumendosi tutte le responsabilità dell'accaduto e chiedendo scusa al team.

Sainz sul crash: "Sono entrato in curva con un angolo pessimo"

Dopo una serie di ottime prestazioni, Carlos Sainz Jr. è incappato ieri in una giornata a dir poco da dimenticare, in cui, al Gran Premio di Russia, è stato autore di un incidente dopo poche centinaia di metri dal via.

Lo spagnolo della McLaren, costretto a prendere la via di fuga imposta dalla FIA (e posta all'interno della curva), ha provato ad aggirare le segnaletiche che indicavano il passaggio obbligatorio in quel tratto, ma è finito per colpire il muro che delimitava la pista alla sua sinistra.

Un muro che ha creato diverse polemiche, perché estremamente vicino a un tratto dove i piloti arrivano ad alta velocità e, essendoci una via di fuga in asfalto, tratto che viene affrontato con il piede destro sul gas dai driver per non perdere troppo tempo o posizioni nei confronti dei rispettivi avversari.

L'impatto è stato violento, con la MCL35 che è rimbalzata pericolosamente in pista mentre sopraggiungevano gli ultimi piloti dello schieramento. Fortunatamente questi sono riusciti a schivare la monoposto incidentata di Carlos, con il madrileno che è tornato mestamente ai box, conscio dell'errore commesso.

Poco dopo ha spiegato il perché del suo errore, prendendosi la responsabilità e chiedendo scusa al team. Nel punto in cui ha provato a passare, non avrebbe dovuto affrontarlo con un angolo di quel tipo, né alla velocità con cui è transitato.

"Non ho fatto una buona partenza. La parte spora della griglia era terribile e noi eravamo da quella parte, molto lenti", ha spiegato Carlos. "Poi, sfortunatamente alla Curva 2 ho trovato qualcuno all'interno, sono andato un po' largo, così ho deciso di passare per la via di fuga e di girare attorno alle segnaletiche".

"Sono entrato tra le segnaletiche con un'angolazione pessima e ho giudicato male la mia velocità d'entrata in quel punto. Così, purtroppo, sono finito contro il muro e l'impatto è stato piuttosto forte".

"E' stato un mio errore, ma sinceramente penso che quella curva non dovrebbe esserci. Non è una bella curva e genera quel tipo di situazioni. Per conto mio, però, quello è stato un mio errore".

"Per me è stata una giornata molto dura, non so come sarebbe andata la mia gara, ma sfortunatamente mi sono trovato già fuori alla Curva 2 e chiedo scusa al team per quanto successo".

condivisioni
commenti
Ferrari: ossigeno per il morale, ora la strada è giusta
Articolo precedente

Ferrari: ossigeno per il morale, ora la strada è giusta

Prossimo Articolo

Mercedes: l’incertezza su Wolff si ripercuote sul team?

Mercedes: l’incertezza su Wolff si ripercuote sul team?
Carica commenti
Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche"

Andiamo a commentare le prime prove libere del GP d'Arabia Saudita in compagnia di Giorgio Piola e Franco Nugnes. Il tracciato di Jeddah, che non spicca per selettività, si prefigura come potenzialmente ricco di safety car

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche"

Viviamo l'antipasto del Gran Premio dell'Arabia Saudita in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola. La prima volta della F1 a Jeddah sarà su un tracciato cittadino ultra-rapido, con medie previste superiori ai 250 km/h e con i muretti ben presenti ai bordi della pista

Formula 1
2 dic 2021
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Formula 1
1 dic 2021
Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica" Prime

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica"

Un atleta è come una macchina: ogni componente deve essere perfettamente funzionante per rendere al meglio. In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine affrontano l'importanza dell'allenamento psico-fisico.

Formula 1
1 dic 2021
Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

Formula 1
30 nov 2021
La top 10 delle Williams più famose della storia Prime

La top 10 delle Williams più famose della storia

Williams è una delle squadre più leggendarie della Formula 1, in cui ha una storia ricchissima. Come tributo a Sir Frank Williams, tristemente scomparso all’età di 79 anni, Motorsport ripercorre la storia del marchio attraverso le 10 monoposto più importanti.

Formula 1
29 nov 2021
Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi Prime

Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi

Il tempismo al limite delle capacità umane in cui i meccanici di Formula 1 riescono a completare un pit stop è uno degli aspetti più interessanti del circus iridato. Ecco come si arriva a tali risultati

Formula 1
29 nov 2021