Sainz: "Sapevamo che la Ferrari avrebbe sofferto in Ungheria"

Lo spagnolo della Ferrari ha chiuso le FP2 con il dodicesimo tempo ed un ritardo da Bottas di 1''4 ed ha ammesso come il team fosse consapevole che le lacune della SF21 si sarebbero amplificate sul tracciato dell'Hungaroring.

Sainz: "Sapevamo che la Ferrari avrebbe sofferto in Ungheria"

C’era grande attesa per vedere come si sarebbe comportata la Ferrari sul tracciato dell’Hungaroring. Dopo l’ottima, e inaspettata, prestazione vista a Silverstone, con Charles Leclerc che ha sfiorato il sogno della vittoria sino a due giri dal termine, tutti i tifosi speravano di poter ritrovare una SF21 competitiva anche in terra ungherese.

La realtà, però, è stata ben diversa dalle aspettative. Al termine delle FP1 Carlos Sainz e Charles Leclerc hanno chiuso rispettivamente con il quarto ed il settimo tempo, con distacchi di mezzo secondo e otto decimi dalla prestazione ottenuta da Verstappen, mentre al pomeriggio, con temperature dell’asfalto elevatissime, i due portacolori della Rossa hanno faticato non poco.

Leclerc ha fermato il cronometro sul tempo di 1’18’’370, conquistando così l’undicesimo riferimento, mentre Sainz ha chiuso alle spalle del compagno di team con il crono di 1’18’’441.

A lasciare l’amaro in bocca ai due piloti della Ferrari è stato soprattutto il gap accusato dalla vetta. Leclerc ha chiuso ad 1’’3 di ritardo, mentre Sainz ad 1’’4.

Prima di trarre delle conclusioni affrettate, però, si dovrà capire quanto le temperature dell’asfalto di ben 60 gradi incontrate al pomeriggio abbiano influito nel mandare nel caos la Ferrari. Per i prossimi giorni è previsto un abbassamento delle temperature che dovrebbe portare beneficio alla SF21, ma forse non sarà soltanto questo ciò che consentirà al team di Maranello di poter tornare a recitare il ruolo di terza forza.

A mostrarsi piuttosto scettico in merito è stato Carlos Sainz. Lo spagnolo ha dichiarato apertamente come il team non fosse particolarmente fiducioso prima della partenza per l’Ungheria.

“Già prima di arrivare a Budapest eravamo consapevoli di alcuni punti deboli della nostra vettura su questo circuito, in particolare su alcune curve del tracciato, e oggi ne abbiamo avuto la conferma”.

Dopo aver visto una Ferrari in splendida forma a Monaco, con Leclerc autore di una controversa pole conclusa contro le barriere e Sainz secondo, tutti si sarebbero aspettati una replica di quelle performance anche sul tortuoso tracciato ungherese. Lo spagnolo, però, ha spento subito ogni entusiasmo.

“A Monaco non sarebbe mai accaduto di ottenere l’undicesimo ed il dodicesimo tempo nelle Libere, mentre oggi qualcosa è andata per il verso sbagliato e non siamo riusciti a stare nelle parti alte della classifica”.

Carlos sembra poco fiducioso di poter dare una svolta a questo weekend, ma confida nel lavoro della squadra per riuscire quantomeno a replicare le prestazioni viste al mattino.

“Questa pista non è come Monaco, ma speriamo di poter recuperare un po' di passo e poter risalire in classifica”.

condivisioni
commenti
Fotogallery F1: le libere del GP d'Ungheria

Articolo precedente

Fotogallery F1: le libere del GP d'Ungheria

Prossimo Articolo

Ferrari: ecco come uscire dall'inferno dell'Hungaroring

Ferrari: ecco come uscire dall'inferno dell'Hungaroring
Carica commenti
Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021
Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Formula 1
16 ott 2021
Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021
Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021
Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva” Prime

Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva”

In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano l'aria che si respira in casa Mercedes dopo quanto visto in occasione del GP di Turchia, dove è sembrato mancasse una vera e propria guida in occasione delle fasi calde della corsa

Formula 1
13 ott 2021
Alonso, quando il karma colpisce in Turchia Prime

Alonso, quando il karma colpisce in Turchia

Fernando Alonso è il protagonista di questa puntata de "Il Primo degli Ultimi" dedicata al GP di Turchia di Formula 1. A pesare, sullo spagnolo, è il risultato al termine della corsa, figlio di uno sciagurato primo giro dove è sia vittima che carnefice. Oltre, ovviamente, ad una dose di karma dopo le sue dichiarazioni del giovedì

Formula 1
12 ott 2021
F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo Prime

F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo

Dagli anni '80 in poi i pit stop hanno rappresentato un elemento chiave nelle strategie di gara. Pat Symonds racconta come si è evoluta la tecnologia che ha spinto di recente la FIA ad intervenire per porre un freno.

Formula 1
12 ott 2021