Sainz: "Sapevamo che la Ferrari avrebbe sofferto in Ungheria"

Lo spagnolo della Ferrari ha chiuso le FP2 con il dodicesimo tempo ed un ritardo da Bottas di 1''4 ed ha ammesso come il team fosse consapevole che le lacune della SF21 si sarebbero amplificate sul tracciato dell'Hungaroring.

Sainz: "Sapevamo che la Ferrari avrebbe sofferto in Ungheria"

C’era grande attesa per vedere come si sarebbe comportata la Ferrari sul tracciato dell’Hungaroring. Dopo l’ottima, e inaspettata, prestazione vista a Silverstone, con Charles Leclerc che ha sfiorato il sogno della vittoria sino a due giri dal termine, tutti i tifosi speravano di poter ritrovare una SF21 competitiva anche in terra ungherese.

La realtà, però, è stata ben diversa dalle aspettative. Al termine delle FP1 Carlos Sainz e Charles Leclerc hanno chiuso rispettivamente con il quarto ed il settimo tempo, con distacchi di mezzo secondo e otto decimi dalla prestazione ottenuta da Verstappen, mentre al pomeriggio, con temperature dell’asfalto elevatissime, i due portacolori della Rossa hanno faticato non poco.

Leclerc ha fermato il cronometro sul tempo di 1’18’’370, conquistando così l’undicesimo riferimento, mentre Sainz ha chiuso alle spalle del compagno di team con il crono di 1’18’’441.

A lasciare l’amaro in bocca ai due piloti della Ferrari è stato soprattutto il gap accusato dalla vetta. Leclerc ha chiuso ad 1’’3 di ritardo, mentre Sainz ad 1’’4.

Prima di trarre delle conclusioni affrettate, però, si dovrà capire quanto le temperature dell’asfalto di ben 60 gradi incontrate al pomeriggio abbiano influito nel mandare nel caos la Ferrari. Per i prossimi giorni è previsto un abbassamento delle temperature che dovrebbe portare beneficio alla SF21, ma forse non sarà soltanto questo ciò che consentirà al team di Maranello di poter tornare a recitare il ruolo di terza forza.

A mostrarsi piuttosto scettico in merito è stato Carlos Sainz. Lo spagnolo ha dichiarato apertamente come il team non fosse particolarmente fiducioso prima della partenza per l’Ungheria.

“Già prima di arrivare a Budapest eravamo consapevoli di alcuni punti deboli della nostra vettura su questo circuito, in particolare su alcune curve del tracciato, e oggi ne abbiamo avuto la conferma”.

Dopo aver visto una Ferrari in splendida forma a Monaco, con Leclerc autore di una controversa pole conclusa contro le barriere e Sainz secondo, tutti si sarebbero aspettati una replica di quelle performance anche sul tortuoso tracciato ungherese. Lo spagnolo, però, ha spento subito ogni entusiasmo.

“A Monaco non sarebbe mai accaduto di ottenere l’undicesimo ed il dodicesimo tempo nelle Libere, mentre oggi qualcosa è andata per il verso sbagliato e non siamo riusciti a stare nelle parti alte della classifica”.

Carlos sembra poco fiducioso di poter dare una svolta a questo weekend, ma confida nel lavoro della squadra per riuscire quantomeno a replicare le prestazioni viste al mattino.

“Questa pista non è come Monaco, ma speriamo di poter recuperare un po' di passo e poter risalire in classifica”.

condivisioni
commenti
Fotogallery F1: le libere del GP d'Ungheria
Articolo precedente

Fotogallery F1: le libere del GP d'Ungheria

Prossimo Articolo

Ferrari: ecco come uscire dall'inferno dell'Hungaroring

Ferrari: ecco come uscire dall'inferno dell'Hungaroring
Carica commenti
Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto? Prime

Video F1 | Piola: Perché il super-motore Mercedes non si è visto?

Lewis Hamilton e Valtteri Bottas monopolizzano la prima fila del Gran Premio dell'Arabia Saudita di Formula 1. Il tanto decantato super motore Mercedes, tuttavia, non ha consentito ai due il boost sperato, con Max Verstappen che sarebbe stato in pole senza l'errore nel suo ultimo crono

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Verstappen ingordo, gettati oltre 4 decimi"

Max Verstappen getta alle ortiche una pole position che sembrava scritta nelle stelle. L'olandese, per troppa cronica ingordigia, non si è voluto accontentare preferendo strafare nel suo ultimo tentativo cronometrato. Risultato? RB16B a muro e terza posizione sulla griglia. Cambio permettendo...

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche"

Andiamo a commentare le prime prove libere del GP d'Arabia Saudita in compagnia di Giorgio Piola e Franco Nugnes. Il tracciato di Jeddah, che non spicca per selettività, si prefigura come potenzialmente ricco di safety car

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche"

Viviamo l'antipasto del Gran Premio dell'Arabia Saudita in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola. La prima volta della F1 a Jeddah sarà su un tracciato cittadino ultra-rapido, con medie previste superiori ai 250 km/h e con i muretti ben presenti ai bordi della pista

Formula 1
2 dic 2021
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Formula 1
1 dic 2021
Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica" Prime

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica"

Un atleta è come una macchina: ogni componente deve essere perfettamente funzionante per rendere al meglio. In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine affrontano l'importanza dell'allenamento psico-fisico.

Formula 1
1 dic 2021
Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

Formula 1
30 nov 2021