Sainz: "La pioggia è l'unica cosa che ci preoccupa"

Lo spagnolo della Ferrari ha concluso con il settimo crono sia le FP1 che le FP2 ed ha ammesso di temere l'incognita meteo che potrebbe tarpare le ali ad una SF21 in difficoltà col bagnato.

Sainz: "La pioggia è l'unica cosa che ci preoccupa"

Dopo la doppietta McLaren a Monza, che ha sancito il sorpasso in classifica Costruttori, per la Ferrari l’appuntamento di Sochi deve rappresentare l’occasione per provare a recuperare il gap di 13,5 punti che la separa dalla scuderia inglese.

Le premesse, però, non sembrano far sperare nulla di buono. Charles Leclerc, infatti, dovrà prendere il via dal fondo della griglia, così come Max Verstappen, a causa dell’adozione della quarta power unit, mentre Carlos Sainz non sconterà alcuna penalità.

Lo spagnolo, però, non ha entusiasmato in questa prima giornata di prove libere. Al mattino Sainz ha chiuso con il settimo tempo in 1’35’’811, ed un distacco dal crono firmato Bottas di 1’’3, mentre al pomeriggio ha confermato la medesima posizione in classifica riducendo il gap di 3 decimi.

Nell’analisi di questo venerdì, però, non si può non prendere in considerazione come il team di Maranello non sia andato alla ricerca dei tempi. La Scuderia, infatti, ha preferito utilizzare un solo treno di gomme soft cercando il tempo prima dei rivali con pista meno gommata.

Leggi anche:

I dati incoraggianti, però, sono emersi dai long run. Con gomma media i tempi sono stati molto costanti e la possibilità di ben figurare in gara sembra concreta.

“È stata una buona giornata per il team. Abbiamo provato la nuova power unit con Charles ed il risultato è stato incoraggiante”. Sono state queste le prime parole pronunciata da Carlos Sainz una volta concluse le FP2.

Lo spagnolo, reduce da tre incidente consecutivi negli ultimi tre appuntamenti, ha ammesso di aver adottato un atteggiamento diverso questo weekend per evitare di commettere nuovamente errori e la scelta sembra aver funzionato.

“Ho avuto un approccio cauto, procedendo passo dopo passo per abituarmi a questa pista. Devi avere molta fiducia con la vettura per affrontare al massimo queste curve a 90 gradi”.

Ciò che lascia perplesso di questo venerdì di Libere è stata la scelta della Ferrari di non cercare il tempo nelle battute finali del turno con gomma fresca. Se domani, infatti, la pioggia dovesse rendere inagibile la pista la griglia di partenza potrebbe essere stilata sulla base dei crono ottenuti oggi pomeriggio.

“Gli altri hanno sfruttato di più le soft nelle FP2 per cercare il tempo vista l’incognita meteo di domani, mentre noi non l’abbiamo fatto ma sono abbastanza fiducioso che ci sarà una qualifica. Penso che se ci saranno dei problemi nella giornata di domani la Formula 1 spingerà per disputare la qualifica domenica mattina”.

Proprio l’incognita meteo, al momento, sembra tenere in allarme il team di Maranello. Sainz, infatti, ha ammesso come con il bagnato la SF21 non riesca ad esprimersi al meglio.

"È l'unica cosa che ci preoccupa al momento perché non siamo del tutto sicuri se avremo a che fare o meno con il graining. Sappiamo che per noi è un problema importante, soprattutto sulle gomme anteriori, quindi dovremo lavorare su questo aspetto in vista di domenica”.

"Analizzeremo i dati di oggi e cercheremo di prendere la direzione giusta per domenica, perché il graining si manifesta solo il giorno della gara. Normalmente sfrutti le FP3 per avere gli ultimi feedback e poi fare le ultime modifiche prima della qualifica, ma a quanto pare sembra che qualsiasi cosa direzione prenderemo oggi rimarrà sia per la qualifica che per la gara".

Carlos Sainz Jr., Ferrari, con il personal trainer
Carlos Sainz Jr., Ferrari, con il personal trainer
1/13

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Carlos Sainz Jr., Ferrari SF21
Carlos Sainz Jr., Ferrari SF21
2/13

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Carlos Sainz Jr., Ferrari SF21
Carlos Sainz Jr., Ferrari SF21
3/13

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Carlos Sainz Jr., Ferrari SF21
Carlos Sainz Jr., Ferrari SF21
4/13

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Carlos Sainz Jr., Ferrari SF21
Carlos Sainz Jr., Ferrari SF21
5/13

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Carlos Sainz Jr., Ferrari SF21, Charles Leclerc, Ferrari SF21
Carlos Sainz Jr., Ferrari SF21, Charles Leclerc, Ferrari SF21
6/13

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Carlos Sainz Jr., Ferrari SF21, Charles Leclerc, Ferrari SF21
Carlos Sainz Jr., Ferrari SF21, Charles Leclerc, Ferrari SF21
7/13

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Carlos Sainz Jr., Ferrari SF21
Carlos Sainz Jr., Ferrari SF21
8/13

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Carlos Sainz Jr., Ferrari SF21
Carlos Sainz Jr., Ferrari SF21
9/13

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Carlos Sainz Jr., Ferrari SF21
Carlos Sainz Jr., Ferrari SF21
10/13

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Carlos Sainz Jr., Ferrari SF21
Carlos Sainz Jr., Ferrari SF21
11/13

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Carlos Sainz Jr, Ferrari SF21
Carlos Sainz Jr, Ferrari SF21
12/13

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Carlos Sainz Jr, Ferrari
Carlos Sainz Jr, Ferrari
13/13

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Leclerc: "La power unit va un po' meglio, i dati lo confermano"

Articolo precedente

Leclerc: "La power unit va un po' meglio, i dati lo confermano"

Prossimo Articolo

Ghini: "La F1 non deve perdere la sua identità"

Ghini: "La F1 non deve perdere la sua identità"
Carica commenti
F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021
Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Formula 1
16 ott 2021
Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021
Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021
Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva” Prime

Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva”

In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano l'aria che si respira in casa Mercedes dopo quanto visto in occasione del GP di Turchia, dove è sembrato mancasse una vera e propria guida in occasione delle fasi calde della corsa

Formula 1
13 ott 2021
Alonso, quando il karma colpisce in Turchia Prime

Alonso, quando il karma colpisce in Turchia

Fernando Alonso è il protagonista di questa puntata de "Il Primo degli Ultimi" dedicata al GP di Turchia di Formula 1. A pesare, sullo spagnolo, è il risultato al termine della corsa, figlio di uno sciagurato primo giro dove è sia vittima che carnefice. Oltre, ovviamente, ad una dose di karma dopo le sue dichiarazioni del giovedì

Formula 1
12 ott 2021