Sainz non si fida della Racing Point: "Nei test si sono nascosti"

Il pilota della McLaren si è detto contento dei passi avanti fatti dalla MCL35, ma teme il potenziale della RP20. La "Mercedes rosa" può essere la sorpresa del Mondiale 2020.

Sainz non si fida della Racing Point: "Nei test si sono nascosti"

Spesso i test pre-stagionali non rivelano il vero potenziale delle monoposto di Formula 1. Per avere un quadro più chiaro dei reali valori in pista è lecito attendere Melbourne e, a volte, addirittura le gare successive causa l'atipicità della pista australiana. Ma nelle 2 settimane di test appena concluse al Montmelo tutti, ma proprio tutti, non sono potuti rimanere indifferenti dalle prestazioni della Racing Point RP20.

La "Mercedes rosa" - appellativo meritatosi sin dal giorno d'esordio per le forme che ricordano tanto l'iridata W10 nel 2019 e, sotto la pelle, tante cose in comune con la W11 - è stata considerata da tutti lo spauracchio per i team che si giocheranno il quarto posto nel Mondiale Costruttori, ma ha anche messo timore a squadre ben più blasonate.

Carlos Sainz, pilota della McLaren, è stato autore di ottimi test al volante della McLaren MCL35. E' risultato costante con le mescole più dure della gamma Pirelli - che è la stessa del 2019 - ma anche veloce. Risultati più alterni con le più soffici, ma la macchina sembra nata bene

"Penso che tutti i team, a un certo punto dei test, siano riusciti a firmare tempi di rilievo, per questo è molto difficile dire chi sia davanti, a centro gruppo o nella parte finale", ha affermato Sainz dopo i test.

"Penso però che Racing Point e AlphaTauri siano i nostri avversari più pericolosi, quelli che noi dovremo battere nel corso di questa stagione. McLaren non sa quanto sia distante dai top team, ma lo vedremo immediatamente nelle prime due sessioni di libere a Melbourne, perché tutti più o meno avremo lo stesso quantitativo di benzina a bordo".

Sainz ha poi parlato in maniera più approfondita della Racing Point, vero spauracchio dei test invernali che ha fatto preoccupare anche tutto il personale del team di Woking, ma anche storcere il naso a più di un ingegnere per la sua enorme somiglianza alla Freccia d'Argento dell'anno passato.

"A centro gruppo penso che la Racing Point sia stato il team più veloce nelle due settimane di test. Già nel primo giorno erano riusciti a entrare subito in pista e girare in 1'17"3. Da quel momento in poi loro non sono più riusciti a migliorare più di tanto, ma credo che non abbiano voluto farlo. Un 17"3 al primo giorno di test ha impressionato tutti noi e sappiamo che saranno molto forti".

"La MCL35 ha più downforce rispetto all'anno passato, sono più felice delle prestazioni della macchina rispetto a quanto lo fossi lo scorso anno nel medesimo periodo. La macchina sembra molto meglio, specialmente nel primo settore e nel secondo. Il bilanciamento della MCL35 è ottimo. Abbiamo trovato qualche difficoltà in più nel terzo settore, ma anche lì abbiamo fatto passi avanti. E' certo che dovremo continuare a migliorare".

Carlos Sainz Jr., McLaren MCL35
Carlos Sainz Jr., McLaren MCL35
1/18

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Carlos Sainz Jr., McLaren MCL35
Carlos Sainz Jr., McLaren MCL35
2/18

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Carlos Sainz Jr., McLaren MCL35
Carlos Sainz Jr., McLaren MCL35
3/18

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Carlos Sainz Jr., McLaren MCL35
Carlos Sainz Jr., McLaren MCL35
4/18

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Carlos Sainz Jr., McLaren MCL35
Carlos Sainz Jr., McLaren MCL35
5/18

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Carlos Sainz Jr., McLaren MCL35
Carlos Sainz Jr., McLaren MCL35
6/18

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Carlos Sainz Jr., McLaren MCL35
Carlos Sainz Jr., McLaren MCL35
7/18

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Carlos Sainz Jr., McLaren, in conferenza stampa
Carlos Sainz Jr., McLaren, in conferenza stampa
8/18

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Lance Stroll, Racing Point RP20
Lance Stroll, Racing Point RP20
9/18

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Lance Stroll, Racing Point RP20
Lance Stroll, Racing Point RP20
10/18

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Lance Stroll, Racing Point RP20
Lance Stroll, Racing Point RP20
11/18

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Lance Stroll, Racing Point RP20
Lance Stroll, Racing Point RP20
12/18

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Lance Stroll, Racing Point RP20
Lance Stroll, Racing Point RP20
13/18

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Lance Stroll, Racing Point RP20
Lance Stroll, Racing Point RP20
14/18

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Lance Stroll, Racing Point RP20
Lance Stroll, Racing Point RP20
15/18

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Lance Stroll, Racing Point RP20
Lance Stroll, Racing Point RP20
16/18

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Lance Stroll, Racing Point RP20
Lance Stroll, Racing Point RP20
17/18

Foto di: Andrew Hone / Motorsport Images

Lance Stroll, Racing Point RP20
Lance Stroll, Racing Point RP20
18/18

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Verstappen: "I testacoda? Cercavo solo il limite della RB16"
Articolo precedente

Verstappen: "I testacoda? Cercavo solo il limite della RB16"

Prossimo Articolo

Ferrari: l’accordo FIA sui motori? Una vittoria di Binotto

Ferrari: l’accordo FIA sui motori? Una vittoria di Binotto
Carica commenti
Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche"

Andiamo a commentare le prime prove libere del GP d'Arabia Saudita in compagnia di Giorgio Piola e Franco Nugnes. Il tracciato di Jeddah, che non spicca per selettività, si prefigura come potenzialmente ricco di safety car

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche"

Viviamo l'antipasto del Gran Premio dell'Arabia Saudita in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola. La prima volta della F1 a Jeddah sarà su un tracciato cittadino ultra-rapido, con medie previste superiori ai 250 km/h e con i muretti ben presenti ai bordi della pista

Formula 1
2 dic 2021
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Formula 1
1 dic 2021
Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica" Prime

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica"

Un atleta è come una macchina: ogni componente deve essere perfettamente funzionante per rendere al meglio. In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine affrontano l'importanza dell'allenamento psico-fisico.

Formula 1
1 dic 2021
Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

Formula 1
30 nov 2021
La top 10 delle Williams più famose della storia Prime

La top 10 delle Williams più famose della storia

Williams è una delle squadre più leggendarie della Formula 1, in cui ha una storia ricchissima. Come tributo a Sir Frank Williams, tristemente scomparso all’età di 79 anni, Motorsport ripercorre la storia del marchio attraverso le 10 monoposto più importanti.

Formula 1
29 nov 2021
Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi Prime

Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi

Il tempismo al limite delle capacità umane in cui i meccanici di Formula 1 riescono a completare un pit stop è uno degli aspetti più interessanti del circus iridato. Ecco come si arriva a tali risultati

Formula 1
29 nov 2021