Sainz preoccupato: "Racing Point e Renault più forti di noi"

Sainz chiude terzo le Libere 2 all'Hungaroring sotto la pioggia, ma su asfalto asciutto la MCL35 è poco bilanciata e fa preoccupare lo spagnolo in vista del prosieguo del weekend.

Sainz preoccupato: "Racing Point e Renault più forti di noi"

Per la McLaren non è tutto oro ciò che luccica. Il terzo posto ottenuto al termine delle Libere 2 del Gran Premio d'Ungheria di F1 da Carlos Sainz sembra proseguire l'ottimo momento del team di Woking. In realtà, lo spagnolo si è detto poco soddisfatto della sua monoposto.

Sul bagnato Sainz ha messo la classica pezza ai problemi che invece ha riscontrato nel corso del turno mattutino, quello disputato su pista asciutta. Il futuro pilota della Ferrari non ha esitato a definire "un disastro" il comportamento della MCL35 con le gomme Soft, per una monoposto ben distante da quanto ha fatto vedere nei primi due appuntamenti di questa stagione svolti al Red Bull Ring.

Una McLaren per ora irriconoscibile, tanto da spingere Sainz ad affermare che non solo Racing Point, ma anche Renault sia apparsa più forte delle monoposto arancio papaya dello spagnolo e di un Lando Norris molto in ombra.

"Questo pomeriggio sul bagnato sono andato bene, ma sull'asciutto questa mattina è stato un disastro", ha ammesso Sainz. "Il feeling con la macchina non c'era. Abbiamo visto come Racing Point e Renault siano più forti. Volevamo provare un paio di cose per migliorare la macchina ma non abbiamo avuto l'occasione perché è venuto a piovere. Non sappiamo come andrà domani".

Il problema maggiore Sainz lo ha riscontrato con gomme Soft. Il bilanciamento della MCL35 è ben distante dalle sue preferenze e la pioggia ha complicato ulteriormente le cose, non permettendo al team di provare le soluzioni pensate nel secondo turno di libere del pomeriggio.

"Oggi faceva più freddo di quanto ci aspettassimo. Quando abbiamo messo le Soft la macchina non era ben bilanciata. Abbiamo fatto 2 giri brutti. Non aravamo dove volevamo essere. Difficile capire come andremo nei prossimi giorni, perché le modifiche che avevamo in mente non siamo riusciti a farle".

condivisioni
commenti
F1, Ungheria, Libere 2: spunta Vettel sul bagnato

Articolo precedente

F1, Ungheria, Libere 2: spunta Vettel sul bagnato

Prossimo Articolo

F1: trovate 2 persone positive al COVID-19 nel Circus iridato

F1: trovate 2 persone positive al COVID-19 nel Circus iridato
Carica commenti
Hakkinen: ecco come il finlandese è sbocciato alla Lotus Prime

Hakkinen: ecco come il finlandese è sbocciato alla Lotus

Nel 1991, mentre Michael Schumacher debuttava in F1 al volante di una Jordan competitiva, Hakkinen faceva il suo esordio alla guida di una Lotus ormai in declino. Mark Gallagher ricorda come il finlandese riuscì ugualmente ad impressionare il paddock.

Formula 1
22 set 2021
Ceccarelli: “A Sochi aspettiamoci un’altra ruotata” Prime

Ceccarelli: “A Sochi aspettiamoci un’altra ruotata”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Doctor F1. In questa puntata, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano di come l'asticella della tensione sia orma alta tra Hamilton e Verstappen alla luce di quanto successo a Monza. Ed in quel di Sochi, è più che lecito attendersi un altro capitolo del duello.

Formula 1
22 set 2021
BRM P201: una vettura sorprendente dal potenziale sprecato Prime

BRM P201: una vettura sorprendente dal potenziale sprecato

Nonostante un podio ottenuto al debutto, la BRM P201 non è mai più riuscita a replicare questo risultato ed ha vanificato tutto il potenziale inespresso.

Formula 1
21 set 2021
Ferrari: sul motore Superfast prestazioni più di affidabilità Prime

Ferrari: sul motore Superfast prestazioni più di affidabilità

La power unit del prossimo anno sembra che risponda ai target di potenza cercati da Zimmermann per colmare il gap dal motore Mercedes, mentre c'è ancora del lavoro da fare sul fronte dell'affidabilità. A Maranello hanno deciso di prendere dei rischi, portando in pista soluzioni innovative che accusano ancora dei problemi di gioventù. Ma c'è tempo per raggiungere i target di durata.

Formula 1
18 set 2021
F1: Zhou in Alfa Romeo sarebbe un boomerang per Alpine? Prime

F1: Zhou in Alfa Romeo sarebbe un boomerang per Alpine?

Il cinese sembra ormai vicino a prendere il posto di Antonio Giovinazzi in Alfa Romeo, ma il suo arrivo in F1 potrebbe rivelarsi un boomerang per la Academy Alpine che ne ha sostenuto la carriera negli ultimi anni.

Formula 1
18 set 2021
Ferrari: ecco le differenze tra SF1000 ed SF21 Prime

Ferrari: ecco le differenze tra SF1000 ed SF21

Andiamo a conoscere nel dettaglio le differenze tra la SF21 e la SF1000, grazie alle quali la Rossa è tornata nelle parti alte della classifica

Formula 1
18 set 2021
Raikkonen: il momento giusto per dire addio alla Formula 1 Prime

Raikkonen: il momento giusto per dire addio alla Formula 1

Il campione del mondo 2007 ha annunciato l'addio alla F1 al termine di questa stagione. Kimi mancherà a tutti i suoi fan ed agli amanti di questo sport e verrà ricordato per essere stato in grado di lottare ad armi pari con i mostri sacri della Formula 1.

Formula 1
17 set 2021
Gli imbrogli più famosi in F1: terza parte Prime

Gli imbrogli più famosi in F1: terza parte

Terza ed ultima puntata in cui andiamo a ripercorrere gli inganni, gli imbrogli o i momemnti più "tricky" della storia della Formula 1

Formula 1
17 set 2021