Sainz: "Costretto a fare fuel saving negli ultimi 10 giri"

Lo spagnolo è riuscito a mettere una pezza alla pessima qualifica del sabato riuscendo a chiudere in quarta posizione, ma nel finale non è riuscito a resistere alla rimonta di un Hamilton scatenato.

Sainz: "Costretto a fare fuel saving negli ultimi 10 giri"

Da quindicesimo a quarto. Se qualcuno avesse detto a Carlos Sainz che oggi sarebbe riuscito a chiudere il GP d’Ungheria ai piedi del podio sicuramente lo spagnolo non ci avrebbe creduto, ma al termine della gara folle vista oggi il rimpianto di Sainz e della Ferrari per non essere andati a podio è più che giustificato.

Alla partenza lo spagnolo è stato bravo e fortunato nel restare fuori dal caos innescato da Bottas e Stroll che ha messo fuori dai giochi Perez, Norris e Leclerc ed è riuscito subito a guadagnare numerose posizioni per poi, nel corso della gara, occupare la terza piazza grazie ad una strategia che sembrava azzeccata.

Carlos ha chiesto via radio al team di posticipare il cambio gomme visto il buon passo mostrato con le medie, ed una volta montate le Pirelli hard è riuscito a difendersi con i denti prima da Alonso e poi da Hamilton.

Tuttavia quando il sette volte campione del mondo ha cambiato strategia, passando nuovamente alle mescole medie, non c’è stato nulla da fare.

Hamilton, con un passo decisamente superiore, ha impiegato alcuni giri per riuscire a piegare un Alonso oggi fenomenale in difesa e quando ha messo nel mirino la Rossa numero 55 ha avuto vita facile nel sopravanzare Sainz grazie al DRS.

“Lewis mi ha costretto a spingere molto sulle hard, ad inizio stint era dietro di me. Inoltre ho dovuto fare fuel saving negli ultimi dieci giri. Poi ci si è messo anche Ricciardo che mi ha un po' rallentato nell’ultima curva e ha consentito a Lewis di avvicinarsi”.

L’amarezza per un podio sfuggito soltanto alla fine non ha comunque influito nella valutazione di questa prima parte di stagione da parte di Sainz. Tra tutti i piloti che hanno cambiato casacca nel corso dell’inverno, lo spagnolo è stato quello che meno ha sofferto il passaggio ad un nuovo team mostrando subito un ottimo affiatamento con la Ferrari.

Sainz, però, ha voluto sottolineare come spesso in questa prima parte di campionato non sia riuscito a disputare un weekend perfetto. Quanto accaduto ieri, con l’errore commesso in Q2 quando ha perso il controllo della sua Ferrari all’ultima curva a causa di una improvvisa raffica di vento, sintetizza il pensiero del figlio d’arte.

“E’ stata una prima metà di stagione dove credo di essere stato molto veloce con questa vettura. Mi sono trovato benissimo con il team, ma non abbiamo ancora fatto un weekend completamente pulito. Quello che è successo ieri ne è l’esempio”.

“Dobbiamo continuare migliorare e sono certo che la seconda metà di stagione potrà essere ancora migliore”.

condivisioni
commenti
Hamilton: "Pazzesco, ci rendiamo la vita difficile da soli!"

Articolo precedente

Hamilton: "Pazzesco, ci rendiamo la vita difficile da soli!"

Prossimo Articolo

Verstappen attacca Bottas: "Ha fatto una ca....a enorme!"

Verstappen attacca Bottas: "Ha fatto una ca....a enorme!"
Carica commenti
Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump"

Il tema caldo del venerdì di prove libere del Gran Premio degli Stati Uniti di Formula 1 è rappresentato dall'alto numero di bump e sconnessioni dell'asfalto texano. I piloti sono chiamati a far fronte a questi inconveniente, andando spesso e volentieri a sacrificare la traiettoria

F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull" Prime

F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull"

Dal venerdì di Austin emerge una Red Bull apparsa in difficoltà: sul tracciato texano, l'assetto rake delle monoposto di Verstappen e Perez è un'arma a doppio taglio. Nella prima sessione, le due Red Bull hanno sofferto più di altre i bum e le sconnessioni dell'asfalto

Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull" Prime

Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull"

In questo nuovo video di Motorport.com, Franco Nugnes e Giorgio Piola commentano la situazione dei team arrivati sul tracciato di Austin, pronti ad affrontare il weekend del Gran Premio degli Stati Uniti. La sfida tra Mercedes e Red Bull è sempre più accesa...

Formula 1
21 ott 2021
Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione” Prime

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano dell'importanza dell'avere una mente allenata, capace di bruciare meno energie possibili al fine di massimizzare il risultato con il minimo sforzo. Situazione utile nella vita di tutti i giorni, ma che in pista può fare la differenza

Formula 1
20 ott 2021
F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

Formula 1
19 ott 2021
F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Formula 1
19 ott 2021
Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Formula 1
18 ott 2021
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021