Sainz: "Costretto a fare fuel saving negli ultimi 10 giri"

Lo spagnolo è riuscito a mettere una pezza alla pessima qualifica del sabato riuscendo a chiudere in quarta posizione, ma nel finale non è riuscito a resistere alla rimonta di un Hamilton scatenato.

Sainz: "Costretto a fare fuel saving negli ultimi 10 giri"

Da quindicesimo a quarto. Se qualcuno avesse detto a Carlos Sainz che oggi sarebbe riuscito a chiudere il GP d’Ungheria ai piedi del podio sicuramente lo spagnolo non ci avrebbe creduto, ma al termine della gara folle vista oggi il rimpianto di Sainz e della Ferrari per non essere andati a podio è più che giustificato.

Alla partenza lo spagnolo è stato bravo e fortunato nel restare fuori dal caos innescato da Bottas e Stroll che ha messo fuori dai giochi Perez, Norris e Leclerc ed è riuscito subito a guadagnare numerose posizioni per poi, nel corso della gara, occupare la terza piazza grazie ad una strategia che sembrava azzeccata.

Carlos ha chiesto via radio al team di posticipare il cambio gomme visto il buon passo mostrato con le medie, ed una volta montate le Pirelli hard è riuscito a difendersi con i denti prima da Alonso e poi da Hamilton.

Tuttavia quando il sette volte campione del mondo ha cambiato strategia, passando nuovamente alle mescole medie, non c’è stato nulla da fare.

Hamilton, con un passo decisamente superiore, ha impiegato alcuni giri per riuscire a piegare un Alonso oggi fenomenale in difesa e quando ha messo nel mirino la Rossa numero 55 ha avuto vita facile nel sopravanzare Sainz grazie al DRS.

“Lewis mi ha costretto a spingere molto sulle hard, ad inizio stint era dietro di me. Inoltre ho dovuto fare fuel saving negli ultimi dieci giri. Poi ci si è messo anche Ricciardo che mi ha un po' rallentato nell’ultima curva e ha consentito a Lewis di avvicinarsi”.

L’amarezza per un podio sfuggito soltanto alla fine non ha comunque influito nella valutazione di questa prima parte di stagione da parte di Sainz. Tra tutti i piloti che hanno cambiato casacca nel corso dell’inverno, lo spagnolo è stato quello che meno ha sofferto il passaggio ad un nuovo team mostrando subito un ottimo affiatamento con la Ferrari.

Sainz, però, ha voluto sottolineare come spesso in questa prima parte di campionato non sia riuscito a disputare un weekend perfetto. Quanto accaduto ieri, con l’errore commesso in Q2 quando ha perso il controllo della sua Ferrari all’ultima curva a causa di una improvvisa raffica di vento, sintetizza il pensiero del figlio d’arte.

“E’ stata una prima metà di stagione dove credo di essere stato molto veloce con questa vettura. Mi sono trovato benissimo con il team, ma non abbiamo ancora fatto un weekend completamente pulito. Quello che è successo ieri ne è l’esempio”.

“Dobbiamo continuare migliorare e sono certo che la seconda metà di stagione potrà essere ancora migliore”.

condivisioni
commenti
Hamilton: "Pazzesco, ci rendiamo la vita difficile da soli!"
Articolo precedente

Hamilton: "Pazzesco, ci rendiamo la vita difficile da soli!"

Prossimo Articolo

Verstappen attacca Bottas: "Ha fatto una ca....a enorme!"

Verstappen attacca Bottas: "Ha fatto una ca....a enorme!"
Carica commenti
Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

La top 10 delle Williams più famose della storia Prime

La top 10 delle Williams più famose della storia

Williams è una delle squadre più leggendarie della Formula 1, in cui ha una storia ricchissima. Come tributo a Sir Frank Williams, tristemente scomparso all’età di 79 anni, Motorsport ripercorre la storia del marchio attraverso le 10 monoposto più importanti.

Formula 1
29 nov 2021
Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi Prime

Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi

Il tempismo al limite delle capacità umane in cui i meccanici di Formula 1 riescono a completare un pit stop è uno degli aspetti più interessanti del circus iridato. Ecco come si arriva a tali risultati

Formula 1
29 nov 2021
La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1 Prime

La forza mentale che ha spinto Kubica al ritorno in F1

Una forza mentale incredibile. Questo è quello che appare ascoltando il racconto di Robert Kubica a Ben Anderson sulle sfide che ha dovuto affrontare per tornare al volante di una monoposto di F1.

Formula 1
28 nov 2021
Cosa sono e come nascono le strategie in Formula 1 Prime

Cosa sono e come nascono le strategie in Formula 1

Si fa presto a criticare una strategia stando comodamente sul proprio divano, lontano dallo stress di un muretto box in gara. Ecco come nascono e come vengono studiate le strategie di Formula 1, con parametri incredibili che non lasciano davvero nulla al caso

Formula 1
28 nov 2021
Video F1 | Verstappen, quante occasioni perse! Prime

Video F1 | Verstappen, quante occasioni perse!

In questo nuovo video di Motorsport.com, andiamo ad analizzare le occasioni perse di Max Verstappen nel combattutissimo duello contro Lewis Hamilton nel mondiale 2021. Forse, senza di quelle, avremmo già un campione del mondo?

Formula 1
27 nov 2021
Video F1 | Hamilton, quante occasioni perse! Prime

Video F1 | Hamilton, quante occasioni perse!

Andiamo ad analizzare insieme le occasioni perse da Lewis Hamilton nel corso del mondiale 2021 di Formula 1. In questo video, riassumiamo gli errori dell'inglese durante l'anno e le occasioni nelle quali ha performato al di sotto delle sue potenzialità, ottenendo risultati che alla fine dell'ultimo GP potrebbero decretarne la sconfitta iridata

Formula 1
26 nov 2021
F1 | Ceccarelli: "Alonso si sente integro e vuole dimostrarlo" Prime

F1 | Ceccarelli: "Alonso si sente integro e vuole dimostrarlo"

In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine analizzano la figura del "giovanotto" Fernando Alonso, reo di aver conquistato un podio in Formula 1 dopo sette anni. Eppure, nonostante l'età, ha ancora tanta voglia di dimostrare il suo valore...

Formula 1
24 nov 2021