Sainz: "Costretto a fare fuel saving negli ultimi 10 giri"

Lo spagnolo è riuscito a mettere una pezza alla pessima qualifica del sabato riuscendo a chiudere in quarta posizione, ma nel finale non è riuscito a resistere alla rimonta di un Hamilton scatenato.

Sainz: "Costretto a fare fuel saving negli ultimi 10 giri"

Da quindicesimo a quarto. Se qualcuno avesse detto a Carlos Sainz che oggi sarebbe riuscito a chiudere il GP d’Ungheria ai piedi del podio sicuramente lo spagnolo non ci avrebbe creduto, ma al termine della gara folle vista oggi il rimpianto di Sainz e della Ferrari per non essere andati a podio è più che giustificato.

Alla partenza lo spagnolo è stato bravo e fortunato nel restare fuori dal caos innescato da Bottas e Stroll che ha messo fuori dai giochi Perez, Norris e Leclerc ed è riuscito subito a guadagnare numerose posizioni per poi, nel corso della gara, occupare la terza piazza grazie ad una strategia che sembrava azzeccata.

Carlos ha chiesto via radio al team di posticipare il cambio gomme visto il buon passo mostrato con le medie, ed una volta montate le Pirelli hard è riuscito a difendersi con i denti prima da Alonso e poi da Hamilton.

Tuttavia quando il sette volte campione del mondo ha cambiato strategia, passando nuovamente alle mescole medie, non c’è stato nulla da fare.

Hamilton, con un passo decisamente superiore, ha impiegato alcuni giri per riuscire a piegare un Alonso oggi fenomenale in difesa e quando ha messo nel mirino la Rossa numero 55 ha avuto vita facile nel sopravanzare Sainz grazie al DRS.

“Lewis mi ha costretto a spingere molto sulle hard, ad inizio stint era dietro di me. Inoltre ho dovuto fare fuel saving negli ultimi dieci giri. Poi ci si è messo anche Ricciardo che mi ha un po' rallentato nell’ultima curva e ha consentito a Lewis di avvicinarsi”.

L’amarezza per un podio sfuggito soltanto alla fine non ha comunque influito nella valutazione di questa prima parte di stagione da parte di Sainz. Tra tutti i piloti che hanno cambiato casacca nel corso dell’inverno, lo spagnolo è stato quello che meno ha sofferto il passaggio ad un nuovo team mostrando subito un ottimo affiatamento con la Ferrari.

Sainz, però, ha voluto sottolineare come spesso in questa prima parte di campionato non sia riuscito a disputare un weekend perfetto. Quanto accaduto ieri, con l’errore commesso in Q2 quando ha perso il controllo della sua Ferrari all’ultima curva a causa di una improvvisa raffica di vento, sintetizza il pensiero del figlio d’arte.

“E’ stata una prima metà di stagione dove credo di essere stato molto veloce con questa vettura. Mi sono trovato benissimo con il team, ma non abbiamo ancora fatto un weekend completamente pulito. Quello che è successo ieri ne è l’esempio”.

“Dobbiamo continuare migliorare e sono certo che la seconda metà di stagione potrà essere ancora migliore”.

condivisioni
commenti
Hamilton: "Pazzesco, ci rendiamo la vita difficile da soli!"

Articolo precedente

Hamilton: "Pazzesco, ci rendiamo la vita difficile da soli!"

Prossimo Articolo

Verstappen attacca Bottas: "Ha fatto una ca....a enorme!"

Verstappen attacca Bottas: "Ha fatto una ca....a enorme!"
Carica commenti
Piola: "Mercedes vuole fare la differenza a Sochi " Prime

Piola: "Mercedes vuole fare la differenza a Sochi "

Andiamo ad analizzare le soluzioni tecniche che hanno esordito nel venerdì di Prove Libere del Gran Premio di Russia, commentandole in maniera dettagliata in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola

Bobbi: "Bottas più efficace di Lewis in frenata" Prime

Bobbi: "Bottas più efficace di Lewis in frenata"

Andiamo ad analizzare il venerdì di prove libere del Gran Premio di Russia di Formula 1 in compagnia di Matteo Bobbi e Marco Congiu in questa nuova puntata del podcast Piloti Top Secret. In quella che è da sempre un feudo Mercedes, Valtteri Bottas brilla conquistando il miglior crono in entrambe le sessioni

Hakkinen: ecco come il finlandese è sbocciato alla Lotus Prime

Hakkinen: ecco come il finlandese è sbocciato alla Lotus

Nel 1991, mentre Michael Schumacher debuttava in F1 al volante di una Jordan competitiva, Hakkinen faceva il suo esordio alla guida di una Lotus ormai in declino. Mark Gallagher ricorda come il finlandese riuscì ugualmente ad impressionare il paddock.

Formula 1
22 set 2021
Ceccarelli: “A Sochi aspettiamoci un’altra ruotata” Prime

Ceccarelli: “A Sochi aspettiamoci un’altra ruotata”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Doctor F1. In questa puntata, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano di come l'asticella della tensione sia orma alta tra Hamilton e Verstappen alla luce di quanto successo a Monza. Ed in quel di Sochi, è più che lecito attendersi un altro capitolo del duello.

Formula 1
22 set 2021
BRM P201: una vettura sorprendente dal potenziale sprecato Prime

BRM P201: una vettura sorprendente dal potenziale sprecato

Nonostante un podio ottenuto al debutto, la BRM P201 non è mai più riuscita a replicare questo risultato ed ha vanificato tutto il potenziale inespresso.

Formula 1
21 set 2021
Ferrari: sul motore Superfast prestazioni più di affidabilità Prime

Ferrari: sul motore Superfast prestazioni più di affidabilità

La power unit del prossimo anno sembra che risponda ai target di potenza cercati da Zimmermann per colmare il gap dal motore Mercedes, mentre c'è ancora del lavoro da fare sul fronte dell'affidabilità. A Maranello hanno deciso di prendere dei rischi, portando in pista soluzioni innovative che accusano ancora dei problemi di gioventù. Ma c'è tempo per raggiungere i target di durata.

Formula 1
18 set 2021
F1: Zhou in Alfa Romeo sarebbe un boomerang per Alpine? Prime

F1: Zhou in Alfa Romeo sarebbe un boomerang per Alpine?

Il cinese sembra ormai vicino a prendere il posto di Antonio Giovinazzi in Alfa Romeo, ma il suo arrivo in F1 potrebbe rivelarsi un boomerang per la Academy Alpine che ne ha sostenuto la carriera negli ultimi anni.

Formula 1
18 set 2021
Ferrari: ecco le differenze tra SF1000 ed SF21 Prime

Ferrari: ecco le differenze tra SF1000 ed SF21

Andiamo a conoscere nel dettaglio le differenze tra la SF21 e la SF1000, grazie alle quali la Rossa è tornata nelle parti alte della classifica

Formula 1
18 set 2021