Sainz: "161 giri? Lavoriamo nella direzione giusta!"

Oggi in casa Toro Rosso hanno pensato solamente all'affidabilità della STR11 "ibrida" in attesa di quella definitiva la settimana prossima e i risultati sembrano incoraggianti.

161 giri in una giornata di test sono davvero tanti, specialmente se l'obiettivo dichiarato è quello di andare a caccia dell'affidabilità senza cercare la prestazione. E' questo il traguardo che ha raggiunto oggi la Toro Rosso STR11 con Carlos Sainz Jr al volante. Un dato che lascia trasparire che la squadra di Faenza sta lavorando nella direzione giusta con la sua vettura "ibrida", in attesa di portare quella completa ai test della settimana prossima. Il plota spagnolo, infatti, non ha nascosto la sua soddisfazione a fine giornata.

Com'è andata oggi?
"Di sicuro è stata una giornata molto più produttiva della prima. Siamo partiti con 55 giri, poi ne abbiamo fatti 120 ieri e 160 oggi: significa che stiamo andando nella direzione giusta, perché stiamo facendo progressi di giorno in giorno. Questo era il nostro obiettivo quando siamo partiti per venire qui. Questa macchina è un mix di quella dell'anno scorso con alcune parti di quella di quest'anno, quindi per il momento non ci interessano le prestazioni. Abbiamo lavorato solo sull'affidabilità, che è stata un po' il nostro punto debole lo scorso anno, e al momento devo dire che sono fiducioso. Riusciamo a girare senza incontrare grandi problemi. Ne abbiamo tanti piccolini, ma uno alla volta riusciamo a risolverli".

Ti sei ripreso il tempo che avevi perso lunedì...
"Lascio questo test molto felice in termini di chilometraggio. Avrei firmato per girare così tanto. Sono felice, perché normalmente quando una squadra pianifica di fare 161 giri è difficile che ci riesca, ma noi ce l'abbiamo fatta".

Sei stanco ora?
"161 giri sono molti, perché è la distanza di due gare e mezza, ma mi sento davvero bene. Riuscire a completarne così tanti senza problemi, vuol dire aver fatto davvero il proprio dovere".

Arriveranno delle nuove componenti la settimana prossima?
"Si, certo. Questa non è ancora la nostra vettura definitiva, quindi non stiamo neanche guardando alle prestazioni. Non so neanche in che posizione ho finito o che mescole abbiano utilizzato gli altri. La settimana prossima però speriamo di avere un quadro un po' più chiaro, perché finalmente avremo la STR11 completa".

Come ti sembra il motore Ferrari?
"E' senza dubbio un passo in avanti. Come ci aspettavamo, soprattutto dal punto di vista della potenza e della velocità massima. Abbiamo anche la stessa guidabilità, anzi, forse un pochino migliore. Ma il cambiamento più importante è senza dubbio la potenza ed è esattamente quello che ci serviva. Per il momento poi sembra essere molto promettente anche l'affidabilità".

Qual è stata la causa della bandiera rossa di questa mattina?
"Stavamo facendo delle prove di pitstop e i ragazzi non erano convinti di aver fissato bene una delle gomme, quindi mi hanno detto di fermarmi alla fine della pitlane. Questo però non mi sembra un gran problema, anche se ce ne sono stati alcuni piccolini nell'arco della giornata".

Ti sei già fatto un'idea delle proposte per le nuove regole?
"Ho bisogno di riguardarle con più attenzione, leggendole insieme agli ingegneri. Se renderanno le cose più spettacolari, allora saranno le benvenute. Spero solo che invoglino anche quelle persone che non sono già fan della Formula 1 ad accendere la televisione per capire cosa sta succedendo".

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Evento Barcellona, test di febbraio
Sub-evento Mercoledì
Circuito Circuit de Barcelona-Catalunya
Piloti Carlos Sainz Jr.
Team Toro Rosso
Articolo di tipo Intervista