Iscriviti

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia
Ultime notizie
Formula 1 GP d'Australia

Russell vuole di più dalla Williams: "Non mi interessa lottare solo con Kubica"

Il rookie George Russell ha spiegato di non essere interessato a lottare solamente con la Williams gemella di Robert Kubica al fondo dello schieramento della Formula 1.

George Russell, Williams Racing FW42

L'arrivo in ritardo della FW42 ha imposto alla Williams un programma ridotto di test invernali e non c'è da stupirsi quindi se le due monoposto della squadra di Grove si sono ritrovate in coda al gruppo nel Gran Premio d'Australia.

Russell ha chiuso alle spalle di Kubica nella sessione inaugurale, ma poi è riuscito a mettersi sempre dietro il polacco, che in gara però è stato rallentato fin dal primo giro a causa della rottura dell'ala anteriore.

"Dal punto di vista personale, ti puoi confrontare solo con il tuo compagno di squadra" ha detto Russell dopo la gara.

 

"Ovviamente non sono deluso per non essere stato con i migliori, ma alla fine non sono interessato a lottare con Kubica per il penultimo posto".

"Abbiamo bisogno di lavorare insieme per migliorare la macchina, ma io personalmente posso essere un pochino soddisfatto. Sabato è stata una buona giornata per me, ho lasciato il circuito a testa alta, e in gara sapevamo cosa ci aspettava".

"Ovviamente non è stata una lotta alla pari con Robert, perché la sua macchina si è danneggiata fin dall'inizio. Per entrambi quindi l'unico obiettivo era solo portare la macchina alla fine e cercare di imparare il più possibile".

Russell ha tagliato il traguardo in 16esima posizione nel giorno del suo debutto in F1, a due giri dal vincitore Valtteri Bottas.

Leggi anche:

Ma una strategia a due soste ha fatto sì che nel finale si sia trovato a stare vicino anche a diverse vetture di centro gruppo, pur essendo un giro indietro.

"Alla fine della gara sono rimasto un po' bloccato dietro a Norris e Perez, perché io avevo le gomme nuove" ha spiegato Russell.

"E' stato bello, in realtà, perché mi è servito a capire anche le perdite di carico che si accusano quando stai vicino ad un'altra vettura".

"Possiamo quasi dire che mi è servito quasi come una sessione di prove libere per quando riusciremo ad avere un ritmo migliore".

George Russell, Williams Racing FW42
George Russell, Williams Racing FW42
George Russell, Williams Racing FW42
George Russell, Williams Racing FW42
George Russell, Williams Racing FW42
George Russell, Williams Racing FW42
George Russell, Williams Racing, on stage
George Russell, Williams Racing FW42
Daniil Kvyat, Toro Rosso STR14, precede Lance Stroll, Racing Point RP19, Carlos Sainz Jr., McLaren MCL34, Pierre Gasly, Red Bull Racing RB15, George Russell, Williams Racing FW42, e Robert Kubica, Williams FW42, alla partenza
George Russell, Williams Racing
George Russell, Williams Racing FW42
George Russell, Williams Racing FW42
George Russell, Williams Racing
Antonio Giovinazzi, Alfa Romeo Racing C38, precede George Russell, Williams Racing FW42
George Russell, Williams Racing, durante la drivers parade
15

Be part of Motorsport community

Join the conversation
Articolo precedente Mercedes: il danno al fondo causato da un cordolo ha reso difficile il GP di Hamilton
Prossimo Articolo F1: i piloti non vedono i semafori al via. La FIA studia soluzioni per il GP del Bahrain

Top Comments

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia