Russell spiega cosa ha imparato dal weekend con Mercedes

Il pilota inglese ha spiegato di aver compreso come un pilota moderno debba essere in grado di adattarsi rapidamente a guidare monoposto differenti.

Russell spiega cosa ha imparato dal weekend con Mercedes

La strana stagione 2020 di Formula 1 ha visto George Russell avere l’opportunità di prendere il posto di Lewis Hamilton al volante della Mercedes W11 in occasione del GP di Sakhir per sostituire il 7 volte campione del mondo positivo al COVID-19.

Russell non ha assolutamente fatto rimpiangere il connazionale e dopo aver sfiorato la pole per meno di 26 millesimi, ha dominato la gara sino ad una pasticciata sosta in regime di safety car che lo ha costretto ad abbandonare le speranze di conquistare il primo successo in carriera.

Nonostante la delusione per una vittoria sfumata soltanto nel finale, Russell ha subito cercato di voltare pagina in occasione dell’ultimo appuntamento stagionale di Abu Dhabi.

Il campione F2 2018 è tornato a vestire i colori della Williams ed al termine della gara ha spiegato cosa ha imparato da quel brillante weekend alla guida della Mercedes W11.

“Credo che la lezione più importante sia stata quella di essere in grado di adattarmi. Lo stile di guida che avevo con la Williams non si è sposato bene con la Mercedes”.

“Quando sono tornato al volante della Williams ho cercato di mettere in pratica alcuni degli insegnamenti che avevo appreso in quel weekend di Sakhir, ma non ci sono riuscito. Questo mi ha convinto che come pilota devi essere di mentalità aperta ed essere in grado di adattarmi a ciò che la vettura può darti”.

“Se un pilota è in grado di guidare in un determinato modo la Mercedes non significa che può fare lo stesso con una Williams e viceversa”.

L’exploit di Sakhir di Russell ha messo l’inglese in una posizione di forza per conquistare un posto in Mercedes nel 2022.

Se si guarda alle scadenze dei contratti di Bottas e dell’inglese, poi, si può notare come entrambi termineranno alla fine del 2021.

Ovviamente Russell dovrà accettare di trascorrere un’altra stagione con la Williams, ma quando gli è stato chiesto cosa dovrà fare quest’anno per meritarsi la chiamata in Mercedes, George ha risposto: “Credo che dovrò continuare con le stesse performance oltre ad avere lo stesso atteggiamento positivo sia con la squadra che all’esterno”.

“Non c’è frustrazione per le scarse prestazioni e cercherò di spingere la Williams il più avanti possibile”:

“So che la Mercedes crede in me, mi hanno dato una opportunità e mi hanno sempre supportato. Adesso tocca a me proseguire nel percorso che ho iniziato”.

George Russell, Williams FW43
George Russell, Williams FW43
1/22

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

George Russell, Williams FW43
George Russell, Williams FW43
2/22

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

George Russell, Williams FW43
George Russell, Williams FW43
3/22

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

George Russell, Williams FW43
George Russell, Williams FW43
4/22

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

George Russell, Williams FW43
George Russell, Williams FW43
5/22

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

George Russell, Williams FW43
George Russell, Williams FW43
6/22

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

George Russell, Williams FW43
George Russell, Williams FW43
7/22

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

George Russell, Williams FW43
George Russell, Williams FW43
8/22

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

George Russell, Williams FW43
George Russell, Williams FW43
9/22

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

George Russell, Williams FW43
George Russell, Williams FW43
10/22

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

George Russell, Mercedes F1 W11
George Russell, Mercedes F1 W11
11/22

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

George Russell, Mercedes F1 W11, Sergio Perez, Racing Point RP20, Max Verstappen, Red Bull Racing RB16, Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11, Charles Leclerc, Ferrari SF1000, and the rest of the field at the start
George Russell, Mercedes F1 W11, Sergio Perez, Racing Point RP20, Max Verstappen, Red Bull Racing RB16, Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11, Charles Leclerc, Ferrari SF1000, and the rest of the field at the start
12/22

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

George Russell, Mercedes F1 W11
George Russell, Mercedes F1 W11
13/22

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

George Russell, Mercedes F1 W11, Carlos Sainz Jr., McLaren MCL35, e Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11
George Russell, Mercedes F1 W11, Carlos Sainz Jr., McLaren MCL35, e Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11
14/22

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

George Russell, Mercedes F1 W11, Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11, Carlos Sainz Jr., McLaren MCL35, e Daniel Ricciardo, Renault F1 Team R.S.20
George Russell, Mercedes F1 W11, Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11, Carlos Sainz Jr., McLaren MCL35, e Daniel Ricciardo, Renault F1 Team R.S.20
15/22

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

George Russell, Mercedes F1 W11, Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11
George Russell, Mercedes F1 W11, Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11
16/22

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

George Russell, Mercedes F1 W11, Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11
George Russell, Mercedes F1 W11, Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11
17/22

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

George Russell, Mercedes F1 W11, dettaglio tecnico
George Russell, Mercedes F1 W11, dettaglio tecnico
18/22

Foto di: LAT Images

George Russell, Mercedes F1 W11, Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11, e Carlos Sainz Jr., McLaren MCL35
George Russell, Mercedes F1 W11, Valtteri Bottas, Mercedes F1 W11, e Carlos Sainz Jr., McLaren MCL35
19/22

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

George Russell, Mercedes-AMG F1 nella sua auto
George Russell, Mercedes-AMG F1 nella sua auto
20/22

Foto di: Steve Etherington / Motorsport Images

George Russell, Mercedes F1 W11
George Russell, Mercedes F1 W11
21/22

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

Scintille dalla vettura di George Russell, Mercedes F1 W11
Scintille dalla vettura di George Russell, Mercedes F1 W11
22/22

Foto di: Charles Coates / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Mercedes senza pilota: Hamilton rompe gli equilibri?

Articolo precedente

Mercedes senza pilota: Hamilton rompe gli equilibri?

Prossimo Articolo

Ferrari: Clear sarà il driver coach dei piloti junior

Ferrari: Clear sarà il driver coach dei piloti junior
Carica commenti
Hakkinen: ecco come il finlandese è sbocciato alla Lotus Prime

Hakkinen: ecco come il finlandese è sbocciato alla Lotus

Nel 1991, mentre Michael Schumacher debuttava in F1 al volante di una Jordan competitiva, Hakkinen faceva il suo esordio alla guida di una Lotus ormai in declino. Mark Gallagher ricorda come il finlandese riuscì ugualmente ad impressionare il paddock.

Ceccarelli: “A Sochi aspettiamoci un’altra ruotata” Prime

Ceccarelli: “A Sochi aspettiamoci un’altra ruotata”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Doctor F1. In questa puntata, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano di come l'asticella della tensione sia orma alta tra Hamilton e Verstappen alla luce di quanto successo a Monza. Ed in quel di Sochi, è più che lecito attendersi un altro capitolo del duello.

BRM P201: una vettura sorprendente dal potenziale sprecato Prime

BRM P201: una vettura sorprendente dal potenziale sprecato

Nonostante un podio ottenuto al debutto, la BRM P201 non è mai più riuscita a replicare questo risultato ed ha vanificato tutto il potenziale inespresso.

Formula 1
21 set 2021
Ferrari: sul motore Superfast prestazioni più di affidabilità Prime

Ferrari: sul motore Superfast prestazioni più di affidabilità

La power unit del prossimo anno sembra che risponda ai target di potenza cercati da Zimmermann per colmare il gap dal motore Mercedes, mentre c'è ancora del lavoro da fare sul fronte dell'affidabilità. A Maranello hanno deciso di prendere dei rischi, portando in pista soluzioni innovative che accusano ancora dei problemi di gioventù. Ma c'è tempo per raggiungere i target di durata.

Formula 1
18 set 2021
F1: Zhou in Alfa Romeo sarebbe un boomerang per Alpine? Prime

F1: Zhou in Alfa Romeo sarebbe un boomerang per Alpine?

Il cinese sembra ormai vicino a prendere il posto di Antonio Giovinazzi in Alfa Romeo, ma il suo arrivo in F1 potrebbe rivelarsi un boomerang per la Academy Alpine che ne ha sostenuto la carriera negli ultimi anni.

Formula 1
18 set 2021
Ferrari: ecco le differenze tra SF1000 ed SF21 Prime

Ferrari: ecco le differenze tra SF1000 ed SF21

Andiamo a conoscere nel dettaglio le differenze tra la SF21 e la SF1000, grazie alle quali la Rossa è tornata nelle parti alte della classifica

Formula 1
18 set 2021
Raikkonen: il momento giusto per dire addio alla Formula 1 Prime

Raikkonen: il momento giusto per dire addio alla Formula 1

Il campione del mondo 2007 ha annunciato l'addio alla F1 al termine di questa stagione. Kimi mancherà a tutti i suoi fan ed agli amanti di questo sport e verrà ricordato per essere stato in grado di lottare ad armi pari con i mostri sacri della Formula 1.

Formula 1
17 set 2021
Gli imbrogli più famosi in F1: terza parte Prime

Gli imbrogli più famosi in F1: terza parte

Terza ed ultima puntata in cui andiamo a ripercorrere gli inganni, gli imbrogli o i momemnti più "tricky" della storia della Formula 1

Formula 1
17 set 2021