Russell: "Le difficoltà della Turchia devono farci riflettere"

Il pilota della Williams ha spronato il team inglese a capire perché nelle condizioni di aderenza viste in Turchia la macchina vada in crisi con l'aderenza delle intermedie.

Russell: "Le difficoltà della Turchia devono farci riflettere"

George Russell era ormai diventato un ospite fisso della Q3, ma sabato scorso in Turchia ha commesso un errore in occasione del suo ultimo tentativo che gli ha pregiudicato la possibilità, ampiamente alla sua portata, di accedere al turno finale della qualifica e si è dovuto accontentare del tredicesimo tempo.

Domenica, nel corso dei primi giri, il pilota della Williams è poi retrocesso in quindicesima posizione e non è più stato in grado di recuperare sino al termine della gara.

L’inglese, che il prossimo anno correrà con la Mercedes, ha ammesso di aver avuto difficoltà nella gestione gomme su un tracciato che è rimasto perennemente umido per tutti e 58 i giri.

“È incredibilmente difficile quando devi gestire le gomme per così tanto tempo. In quelle condizioni è soprattutto difficile sapere quanto puoi spingere”.

"La pista non si stava asciugando e anche se non stava piovendo probabilmente sarebbe rimasta bagnata per ore. La gara ha rappresentato una grande sfida e noi non siamo stati in grado di svolgere un gran lavoro. Non è stato facile".

George Russell, Williams FW43B

George Russell, Williams FW43B

Photo by: Mark Sutton / Motorsport Images

Russell ha poi ammesso di essere stato in crisi sia con le intermedie ormai usurate che con le Pirelli verdi nuove.

"Se spingi troppo l'usura del pneumatico aumenta e quando arrivi alle parti più umide della pista non hai più grip. Quando abbiamo messo le gomme nuove sembravano non andare mai in temperatura a causa del maggior spessore del battistrada. Inoltre le intermedie non erano adatte per le parti più asciutte del tracciato”.

“Era già capitata in passato una situazione simile ed anche in quel caso abbiamo sofferto. Di solito riusciamo ad esaltarci quando c’è più acqua in pista o quando montiamo le slick su tracciato umido, mentre in queste condizioni intermedie non riusciamo ad esprimerci al meglio ed è un qualcosa su cui dobbiamo riflettere”.

Il pilota della Williams, infine, ha ammesso che anche senza l’errore in qualifica non sarebbe riuscito a lottare per le posizioni nobili della classifica.

“In generale non abbiamo mai avuto il ritmo. Anche lo scorso anno in queste condizioni abbiamo faticato. Non è bagnato, non è asciutto, ti trovi nella terra di nessuno e devi anche gestire le gomme”:

“Affrontare la curva 8 è stato difficile perché era relativamente asciutta ma non sapevo quanto avrei potuto spingere. Stavo cercando di provare molte cose differenti, ma niente ha funzionato davvero. È stato un pomeriggio complicato”.

 

condivisioni
commenti
Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Articolo precedente

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Prossimo Articolo

F1 Commission: il tema... caldo è l'abolizione delle termocoperte

F1 Commission: il tema... caldo è l'abolizione delle termocoperte
Carica commenti
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021
Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021
Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva” Prime

Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva”

In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano l'aria che si respira in casa Mercedes dopo quanto visto in occasione del GP di Turchia, dove è sembrato mancasse una vera e propria guida in occasione delle fasi calde della corsa

Formula 1
13 ott 2021
Alonso, quando il karma colpisce in Turchia Prime

Alonso, quando il karma colpisce in Turchia

Fernando Alonso è il protagonista di questa puntata de "Il Primo degli Ultimi" dedicata al GP di Turchia di Formula 1. A pesare, sullo spagnolo, è il risultato al termine della corsa, figlio di uno sciagurato primo giro dove è sia vittima che carnefice. Oltre, ovviamente, ad una dose di karma dopo le sue dichiarazioni del giovedì

Formula 1
12 ott 2021
F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo Prime

F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo

Dagli anni '80 in poi i pit stop hanno rappresentato un elemento chiave nelle strategie di gara. Pat Symonds racconta come si è evoluta la tecnologia che ha spinto di recente la FIA ad intervenire per porre un freno.

Formula 1
12 ott 2021
Minardi: "Atto di nonnismo di Alonso su Schumacher" Prime

Minardi: "Atto di nonnismo di Alonso su Schumacher"

In questo nuovo video di Motorsport.com, Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi commentano i voti stilati per il Gran Premio di Turchia. Tanti promossi e tante bocciature in un weekend in cui protagonista negativa è stata l'impulsività...

Formula 1
11 ott 2021