Russell: "I primi 5 giri al simulatore sono stati tremendi"

Il pilota della Williams ha parlato delle difficoltà che ha incontrato una volta tornato a guidare al simulatore ma ha anche affermato di non aver dimenticato come si porta al limite una monoposto di F1.

Russell: "I primi 5 giri al simulatore sono stati tremendi"

Dopo aver trascorso il periodo del lockdown impegnato in gare virtuali, George Russell avrà la possibilità di tornare a sedersi al volante di una monoposto reale soltanto la prossima settimana quando scatterà finalmente la stagione 2020 di Formula 1.

Il talento inglese ha avuto modo di provare il simulatore in fabbrica, decisamente più reale delle gare al pc, e dopo un breve periodo di riadattamento sta ritrovando la confidenza con tutte le procedure richieste da una monoposto di Formula 1.

Nel corso del vodcast della F1, Russell ha dichiarato: “I miei primi 5 giri sono stati assolutamente terribili, ma al dodicesimo passaggio sono immediatamente andato più veloce rispetto a quanto fatto in precedenza in Australia. Ho utilizzato lo stesso tracciato e lo stesso assetto, ma sono rimasto impressionato da quanto sono riuscito a migliorarmi”.

Russell ha però confidato che la parte più difficile del ritorno al simulatore è stata quella relativa ai vari aspetti da gestire nel corso della gara.

“Mi è servito un po' di tempo per riabituarmi a tutte le procedure ed al modo di lavorare con i miei ingegneri. La sfida più grande è stata quella di indicare i feedback esatti, di guidare in una certa maniera nel corso dell’out lap o nel giro di raffreddamento”.

 “Non ho dimenticato però come si porta al limite una monoposto. Credo che sia come andare in bicicletta, o sei capace o non lo sei, ma quando arrivi in gara devi gestire le gomme, i freni, le temperature del motore, devi attaccare, devi difenderti, cambiare le mappe del motore, parlare agli ingegneri”.

“Questo è senza dubbio l’aspetto più complesso del ritorno in macchina e ovviamente serve del tempo per togliersi di dosso la ruggine”.

“Ho riflettuto molto sui miei appunti, su come mi stavo preparando per l'Australia, su come ho concluso Abu Dhabi l'anno scorso, quando su come devo avvicinarmi alla gara. Incrocio le dita ma dovremmo essere in una buona posizione”.

Russell ha conquistato il titolo nel campionato virtuale organizzato dalla Formula 1 ed ha voluto sottolineare come, nonostante il gioco sia decisamente lontano dalla realtà, l’allenamento si sia rivelato utile.

“All’inizio ho avuto un approccio leggero, pensavo fosse solo un gioco, ma presto ho compreso che tutti coloro che ci partecipavano erano dannatamente veloci e competitivi. In quel momento ho capito che non avrei potuto prendere alla leggera una cosa simile”.

“Ho così deciso di impegnarmi, di lavorare sulle gare, e facendo così sono riuscito ad essere subito competitivo. Il campionato virtuale mi ha anche dato modo di restare in forma dato che ci sono molti aspetti simili con le corse reali”.

“Devi affrontare le qualifiche ed hai soltanto tre giri a disposizione. Se sbagli ti trovi a partire in fondo alla griglia e la pressione aumenta. Puoi provare la simulazione di qualifica durante le libere, ma quando ti trovi nel momento decisivo non puoi commettere errori”.

“Anche il momento della partenza è decisamente complicato da gestire. Ti trovi circondato dalle altre auto, devi essere perfetto nello stacco frizione e l’ansia aumenta. Le similitudini con le gare reali sono molte e sicuramente questo tipo di allenamento non può che far bene”.

George Russell, Williams FW43

George Russell, Williams FW43
1/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

George Russell, Williams FW43

George Russell, Williams FW43
2/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

George Russell, Williams FW43

George Russell, Williams FW43
3/22

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

George Russell, Williams Racing

George Russell, Williams Racing
4/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

George Russell, Williams Racing

George Russell, Williams Racing
5/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

George Russell, Williams Racing

George Russell, Williams Racing
6/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

George Russell, Williams FW43

George Russell, Williams FW43
7/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

George Russell, Williams FW43

George Russell, Williams FW43
8/22

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

George Russell, Williams FW43

George Russell, Williams FW43
9/22

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

George Russell, Williams FW43

George Russell, Williams FW43
10/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

George Russell, Williams FW43

George Russell, Williams FW43
11/22

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

George Russell, Williams FW43

George Russell, Williams FW43
12/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

George Russell, Williams FW43

George Russell, Williams FW43
13/22

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

George Russell, Williams FW43

George Russell, Williams FW43
14/22

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

George Russell, Williams FW43

George Russell, Williams FW43
15/22

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

George Russell, Williams Racing

George Russell, Williams Racing
16/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

George Russell, Williams FW43

George Russell, Williams FW43
17/22

Foto di: Andy Hone / Motorsport Images

George Russell, Williams FW43

George Russell, Williams FW43
18/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

George Russell, Mercedes AMG F1, pit board

George Russell, Mercedes AMG F1, pit board
19/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

George Russell, Williams

George Russell, Williams
20/22

Foto di: Williams

George Russell, Williams FW43

George Russell, Williams FW43
21/22

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

George Russell, Williams Racing

George Russell, Williams Racing
22/22

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Lewis contro Ecclestone: "Parole ignoranti. F1 è così a causa sua"

Articolo precedente

Lewis contro Ecclestone: "Parole ignoranti. F1 è così a causa sua"

Prossimo Articolo

Mekies: "I pit stop rimarranno velocissimi nonostante le restrizioni"

Mekies: "I pit stop rimarranno velocissimi nonostante le restrizioni"
Carica commenti
Piola: "Ferrari e Alpha Tauri cambiano il marciapiede" Prime

Piola: "Ferrari e Alpha Tauri cambiano il marciapiede"

La Formula 1 arriva in Francia, sul tracciato del Paul Ricard. Franco Nugnes e Giorgio Piola, analizzano con la lente d'ingrandimento i primi e nuovi dettagli tecnici presenti sulle monoposto.

Alonso: ecco perché è ancora una stella della Formula 1 Prime

Alonso: ecco perché è ancora una stella della Formula 1

Lo spagnolo ha parlato con Motorsport.com del suo ritorno in Formula 1, smentendo le critiche che lo hanno accompagnato negli ultimi appuntamenti e puntando con decisioni ad un futuro di successi grazie anche alla rivoluzione regolamentare.

Mara Sangiorgio: "La mia carriera? Decisa da uno sliding door" Prime

Mara Sangiorgio: "La mia carriera? Decisa da uno sliding door"

In questa puntata de "Il Rosa dei Motori", Beatrice Frangione intervista Mara Sangiorgio, giornalista e pit reporter per la Formula 1 di Sky Sport. Una grande passione per la scrittura che l'accompagna sin da quando era solo una bambina, la conduce alle porte degli studi giornalistici. Dall'Italia a New York, Mara muove i primi passi dentro il mondo dei suoi sogni. Mai avrebbe pensato di raccontare lo sport, fino a quando...

Formula 1
17 giu 2021
Ceccarelli: “Dal Ricard monitoro anche meccanici e ingegneri” Prime

Ceccarelli: “Dal Ricard monitoro anche meccanici e ingegneri”

Torna l'appuntamento fisso della rubrica del mercoledì mattina firmata Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli ci parlano dell'imminente Gran Premio di Francia di Formula 1, dove il medico andrà a monitorare una nuova serie di parametri non solo dei piloti

Formula 1
16 giu 2021
F1: il peso eccessivo, un problema con cui fare i conti Prime

F1: il peso eccessivo, un problema con cui fare i conti

Le monoposto di Formula 1 sono diventate troppo grosse e pesanti e questo si è visto non solo a Monaco, circuito ormai troppo stretto per le moderne monoposto, ma anche a Baku dove i problemi alla gomme sono derivati anche dagli enormi sforzi richiesti alle gomme.

Formula 1
15 giu 2021
F1 2021: si scaldano i motori... via Play Station Prime

F1 2021: si scaldano i motori... via Play Station

Andiamo a dare uno sguardo da vicino alle prime immagini in-game di F1 2021, nuovo videogame ufficiale della Formula 1 ambientato in questa stagione

Formula 1
15 giu 2021
AlphaTauri: una squadra che si trova nel centro di gravità Prime

AlphaTauri: una squadra che si trova nel centro di gravità

Il team diretto da Franz Tost con il podio di Pierre Gasly a Baku si è portato al quinto postonella classifica del mondiale Costruttori. Anche l'esuberante Yuki Tsunoda, il talentuoso rookie giapponese, comincia a contribuire alla causa, dopo troppi errori. A Faenza assolvono al meglio il ruolo di junior team e, pur con alti e bassi, possono sfidare due marchi ufficiali come Aston Martin e Alpine disponendo di risorse molto inferiori.

Formula 1
14 giu 2021
F1: Il costo umano richiesto da un calendario di 23 gare Prime

F1: Il costo umano richiesto da un calendario di 23 gare

In questa stagione la Formula 1 sta cercando di rispettare il calendario previsto con 23 appuntamenti, ma l'espansione dei gran premi ha un costo umano che alla lunga non potrà più essere sostenibile.

Formula 1
14 giu 2021