Formula 1
G
GP del Bahrain
19 mar
-
22 mar
07 mag
-
10 mag
21 mag
-
24 mag
G
GP del Canada
11 giu
-
14 giu
FP1 in
109 giorni
02 lug
-
05 lug
FP1 in
130 giorni
G
GP di Gran Bretagna
16 lug
-
19 lug
FP1 in
144 giorni
G
GP d'Ungheria
30 lug
-
02 ago
FP1 in
158 giorni
G
GP del Belgio
27 ago
-
30 ago
FP1 in
186 giorni
03 set
-
06 set
FP1 in
193 giorni
G
GP di Singapore
17 set
-
20 set
FP1 in
207 giorni
24 set
-
27 set
Prossimo evento tra
212 giorni
G
GP degli Stati Uniti
22 ott
-
25 ott
Prossimo evento tra
240 giorni
G
GP del Messico
29 ott
-
01 nov
Prossimo evento tra
247 giorni
G
GP del Brasile
12 nov
-
15 nov
Prossimo evento tra
261 giorni
G
GP da Abu Dhabi
26 nov
-
29 nov
Prossimo evento tra
275 giorni

Rosberg piazzato: in Messico Nico gioca il primo match ball iridato

condivisioni
commenti
Rosberg piazzato: in Messico Nico gioca il primo match ball iridato
Di:
24 ott 2016, 07:32

Nico Rosberg con il secondo posto di Austin procede con sicurezza verso il primo titolo nonostante il successo di Lewis Hamilton che si è sbloccato do 85 giorni di tabù. Il tedesco potrebbe chiudere la partita mondiale a Città del Messico.

1st place Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, 2nd place Nico Rosberg, Mercedes AMG F1 and 3rd place Dan
Nico Rosberg, Mercedes AMG F1
Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W07 Hybrid leads Nico Rosberg, Mercedes AMG F1 W07 Hybrid, Daniel Ri
Nico Rosberg, Mercedes AMG F1 W07 Hybrid
Race winner Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 celebrates with team mate Nico Rosberg, Mercedes AMG F1;
Race winner Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 celebrates on the podium
Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W07 Hybrid
Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 festeggia la sua pole position nel parco chiuso

Hamilton sbanca Austin, ma Rosberg festeggia di più. Nonostante il successo numero 50 del campione del Mondo in carica, è Rosberg ad essere in tabella di marcia verso il titolo 2016. E in Messico per lui arriverà il primo match point…

Per arrivare alla vittoria numero 50, Lewis Hamilton ha dovuto attendere 85 giorni. Alla fine il tabù è stato sfatato, ma è stato un sorriso a metà quello che il campione del Mondo ha sfoggiato sul podio di Austin. Lewis è tornato al successo dopo quasi tre mesi, ha vinto un Gran Premio a cui tiene molto, e ha pur sempre rosicchiato sette punti a Nico Rosberg, riducendo lo svantaggio in classifica da 33 a 26 punti.

Ma alla fine il sorriso è stato meno smagliante del previsto. Per oltre metà giri Hamilton ha visto sul cartello delle segnalazioni esposto al muretto box il messaggio “P2 Ricciardo”, ed un pensierino ad un bottino di tappa migliore Lewis lo aveva fatto. Poi è arrivata la Virtual Safety Car, che di fatto ha consentito a Rosberg di poter effettuare il suo secondo ed ultimo pit-stop scavalcando senza sforzo l’australiano.

Così i punti di svantaggio da Rosberg sono passati dai 23 assaporati, ai 26. Non tanto, si può obiettare, ma si tratta di punti cruciali, perché mettono Rosberg nella condizioni di avere il primo “match point” per il Mondiale 2016 domenica prossima a Città del Messico.

Per questo, ma non solo per questo, il verdetto di Austin in chiave mondiale è sembrato dare più ragione a Rosberg che a Hamilton. Per Nico l’obiettivo è soprattutto quello di stare lontano dai problemi e salire sul podio, il gradino è sempre meno importante con l’avvicinarsi del termine della stagione.

E Austin sa tanto di “missione compiuta”, anche se Rosberg continua a sostenere di vivere ogni weekend come un singolo campionato, e di puntare solo a vincere. Ma è una recita da mental-trainer, o se volete un rito scaramantico che, tra l’altro, sta funzionando.
“La scelta di puntare sulla gomma media nel secondo run – ha spiegato Rosberg – ci ha messo in condizione di poter avere una finestra molto ampia sulla strategia. Così quando siamo entrati in virtual safety car, ne abbiamo approfittato per il secondo pit-stop e ho superato Ricciardo. Lewis fatto un lavoro migliore questo weekend e ha meritato la vittoria. Non vedo l'ora di continuare la nostra battaglia tra una settimana in Messico”.

Lewis ha fatto un lavoro migliore, certo, ma solo nell’ottica della tappa statunitense. Paradossalmente il risultato finale (per quanto riguarda il primo ed il secondo posto) è stato lo stesso del 2015, ma rispetto a dodici mesi fa il feeling nel tandem Mercedes è opposto. Ieri Hamilton prima della premiazione non ha lanciato il cappellino da indossare sul podio a Nico (gesto a cui lo scorso anno Rosberg rispose con stizza) ma ha ignorato il compagno di squadra, molto sorridente… nonostante la seconda posizione.

Prossimo Articolo
Ricciardo: "Ero secondo con un buon passo, poi quel monello di Max..."

Articolo precedente

Ricciardo: "Ero secondo con un buon passo, poi quel monello di Max..."

Prossimo Articolo

Alonso al limite o oltre: due pesi e due misure dei commissari sportivi?

Alonso al limite o oltre: due pesi e due misure dei commissari sportivi?
Carica commenti