Rosberg: "Non cerchiamo i tempi per non svelare il nostro potenziale"

Il tedesco della Mercedes ha chiuso la seconda sessione di test con il quarto tempo, ma conferma che, al momento, il lavoro è concentrato sulla ricerca dell'affidabilità.

Anche nella seconda giornata di test la Mercedes ha impressionato per l'enorme numero di giri percorsi, ben 172. Una costanza che mostra l'elevato livello di affidabilità già raggiunto dalla W07.

Proprio la ricerca dell'affidabilità, ed il capire sino a dove possono spingersi i tecnici della stella, è il tema principale di questa prima sessione di test in casa Mercedes, così come confermato da Nico Rosberg al termine della giornata.

"Il primo giorno alla guida della nuova vettura è stato positivo. Oggi era importante percorrere molti chilometri, fare molti giri in modo da verificare l'affidabilità della vettura e questo lo scopri solo portando al limite di chilometraggio tutte le componenti. Al momento ci stiamo concentrando su questo ma ci stiamo anche preparando per le gare, realizzando qualcosa di simile ad una simulazione gara nel pomeriggio".

Per il secondo giorno consecutivo la W07 non si è issata in cima alla lista dei tempi, ma Rosberg conferma che al momento in casa Mercedes non si vuole svelare il potenziale della vettura ai rivali: "Oggi è stata una vera e propria maratona ma mi sento bene. Sapevo che mi avrebbero fatto percorrere tutti questi chilometri nel corso dei test e mi sono preparato bene nel corso dell'inverno. Adesso dobbiamo portare la macchina al limite per capire fin dove possiamo spingerci con l'affidabilità, Non stiamo ancora cercando i tempi anche perchè non vogliamo svelare il nostro potenziale".

Il miglior tempo fatto segnare da Sebastian Vettel, ed il secondo crono siglato da Ricciardo, sono stati realizzati grazie all'adozione della nuova mescola ultra soft. Il nuovo compound non era, tuttavia, a disposizione della Mercedes"Non abbiamo montato le Pirelli ultra soft perché non le avevamo. Per quanto riguarda la vettura posso considerarla una monoposto con un buon livello di affidabilità, elemento importante nel corso della stagione".

La W07 ha stupito tutti con i nuovi deviatori di flusso dal disegno inusuale installati oggi, e Rosberg ha spiegato il perché di questa continua ricerca: "Oggi abbiamo montato un nuovo fondo molto innovativo. Dobbiamo portare pezzi nuovi che le altre squadre non hanno, questa è l'unica nostra possibilità per stare davanti agli altri dato che la concorrenza copia le nostre soluzioni".

Nico ha poi paragonato la monoposto di questa stagione con la W06 del 2015, definendo la vettura attuale come una semplice evoluzione della già ottima auto dello scorso campionato: "C'è poca differenza  tra la vettura nuova e quella della passata stagione. Si tratta più che altro di una evoluzione, specie considerando che il regolamento non è cambiato, mentre le gomme sono un pò diverse e dobbiamo ancora capirle approfonditamente. Ogni compound è diverso anche in considerazione della pista in cui si corre, quindi non so quanto ci aiuterà provare gli pneumatici con queste temperature e su questa pista quando a Melbourne troveremo una temperatura ed un asfalto diverso". 

Rosberg, infine, si è soffermato sul nuovo sound delle power unit, definendolo leggermente superiore ma ancora lontano da quanto richiesto dagli appassionati:"I motori sono leggermente più rumorosi in questa stagione. Certo, la perfezione sarebbe avere power unit molto più rumorose, ma è quello che abbiamo al momento e lo dobbiamo accettare".

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Evento Barcellona, test di febbraio
Sub-evento Martedì
Circuito Circuit de Barcelona-Catalunya
Piloti Nico Rosberg
Team Mercedes
Articolo di tipo Intervista