Rosberg: "Le gare non si vincono in qualifica, per domani sono ottimista"

L'errore commesso in Q3 forse è costato la pole position al leader del campionato, che però non si abbatte e lancia il guanto di sfida al rivale Hamilton per domani.

Nonostante abbia terminato secondo le qualifiche di Sepang, Nico Rosberg non è affatto deluso e anzi, rilancia la sua candidatura per la vittoria in gara.

In Q3 il leader del campionato ha commesso un po' troppi errori, probabilmente a causa di un assetto della sua Mercedes non ottimale (come lui stesso ha ammesso), ma questo non lo demoralizza, pur sottolineando che oggi Lewis Hamilton era davvero fortissimo.

"All'ultima curva ho commesso un errore, ho sofferto di sovrasterzo per tutta la sessione, ma non credo che sarei potuto essere in pole position - ha dichiarato Rosberg - Io e Lewis siamo stati molto vicini, ma lui si è trovato più a suo agio fin dalle prove libere del venerdì, dunque è giustamente davanti".

"Quest'anno però abbiamo già visto che non è il risultato delle qualfiche quello che conta. In gara ci saranno tantissime possibilità, dobbiamo sfruttare al meglio la strategia cercando di non stressare troppo le gomme. Ripeto, l'occasione c'è e la voglio sfruttare, sono ottimista".

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Evento GP della Malesia
Sub-evento Sabato, qualifiche
Circuito Sepang International Circuit
Piloti Nico Rosberg
Team Mercedes
Articolo di tipo Intervista