Rosberg: l'addio di chi non vuole più scalare una vetta che già conosce

L'annuncio del ritiro di Nico dalla Formula 1 è arrivato come un fulmine a ciel sereno, ma ad Abu Dhabi erano già rintracciabili alcuni segnali della sua voglia di mollare. E la voglia di stare accanto alla famiglia si faceva sempre più grande.

Rosberg: l'addio di chi non vuole più scalare una vetta che già conosce
Nico Rosberg, Mercedes AMG F1
Nico Rosberg, Mercedes AMG F1
Nico Rosberg, Mercedes AMG F1
Nico Rosberg, Mercedes AMG F1, Toto Wolff, Mercedes AMG F1 Shareholder and Executive Director
Petronas employees welcome Nico Rosberg, Mercedes AMG F1
Petronas employees welcome Nico Rosberg, Mercedes AMG F1
Nico Rosberg, Mercedes AMG F1 celebrates his first Drivers World Championship title
Nico Rosberg, Mercedes AMG F1 celebrates his first Drivers World Championship title

Esplosa la bomba, è tempo di riflessioni. Torniamo indietro di cinque giorni, alla domenica sera di Abu Dhabi. Il Nico Rosberg arrivato nella tradizionale conferenza stampa post-gara era esausto, al punto da sembrare quasi in trance. Ci sta, quando si corre una vita per un obiettivo e lo si è raggiunto da pochi minuti. Ma non era certo quella l’espressione del Lewis Hamilton campione visto lo scorso anno e due anni fa.

Nico lo ha detto più volte: "Ho dato tutto", e probabilmente non era una frase di circostanza. Il 2016 per lui non è stato un anno, ma un decennio. L’inizio folgorante, il difficile mese di luglio, la rinascita dopo la pausa estiva. Ma sempre con la pressione a mille, con quel box diviso a metà anche se con gli stessi colori.

Ed è questo il punto. Ci sono piloti, come Lewis Hamilton o Fernando Alonso, che nelle situazione tese trovano il loro habitat naturale. Ci sguazzano, è il loro territorio. Per Rosberg no, c’è un limite oltre il quale il contesto inizia a pesare, e non poco. Se un pilota rinuncia ad una cifra tra i 50 ed i 60 milioni di euro (questo avrebbe percepito Rosberg nel prossimo biennio) c’è un disagio che va oltre ogni tornaconto economico.

L’annuncio dello stop di Rosberg ha sorpreso, ovviamente, ma riflettendoci i motivi ci sono. Nico non fa vita glamour, arriva da una famiglia benestante e le sue scelte non sono dettate da motivi economici. Ha vinto, ha raggiunto l’obiettivo, e l’idea di ripresentarsi tra meno di tre mesi a Barcellona per iniziare un’altra stagione ad alta tensione (interna) probabilmente non lo allettava per nulla.

Lo ha detto più volte Rosberg: "Ho una famiglia straordinaria, ma passo più tempo con Georg (il suo assistente personale)". E ci sta anche questo, che ad un certo punto un pilota di 31 anni, giunto sul tetto del mondo, metta sulla bilancia qualcosa che manca, contro qualcosa che non ha più lo stesso fascino di qualche anno fa.

Ora è più comprensibile il suo calo nervoso dopo la bandiera di Abu Dhabi. Mentre per tutti era la sbornia da successo, Nico sapeva in cuor suo che stava lasciando la Formula 1, come Button e Massa a qualche box di distanza. Se lo sarà imposto: "se vinco, mollo", e ha vinto. Un saluto da campione, da vincente, e da chi ha molto probabilmente non ha più voglia di scalare una montagna di cui già conosce la vetta.

condivisioni
commenti
Clamoroso: Nico Rosberg annuncia il suo ritiro dalla Formula 1!

Articolo precedente

Clamoroso: Nico Rosberg annuncia il suo ritiro dalla Formula 1!

Prossimo Articolo

Ritiro Rosberg: le reazioni dei colleghi sui social

Ritiro Rosberg: le reazioni dei colleghi sui social
Carica commenti
Piola: "Ferrari e Alpha Tauri cambiano il marciapiede" Prime

Piola: "Ferrari e Alpha Tauri cambiano il marciapiede"

La Formula 1 arriva in Francia, sul tracciato del Paul Ricard. Franco Nugnes e Giorgio Piola, analizzano con la lente d'ingrandimento i primi e nuovi dettagli tecnici presenti sulle monoposto.

Alonso: ecco perché è ancora una stella della Formula 1 Prime

Alonso: ecco perché è ancora una stella della Formula 1

Lo spagnolo ha parlato con Motorsport.com del suo ritorno in Formula 1, smentendo le critiche che lo hanno accompagnato negli ultimi appuntamenti e puntando con decisioni ad un futuro di successi grazie anche alla rivoluzione regolamentare.

Mara Sangiorgio: "La mia carriera? Decisa da uno sliding door" Prime

Mara Sangiorgio: "La mia carriera? Decisa da uno sliding door"

In questa puntata de "Il Rosa dei Motori", Beatrice Frangione intervista Mara Sangiorgio, giornalista e pit reporter per la Formula 1 di Sky Sport. Una grande passione per la scrittura che l'accompagna sin da quando era solo una bambina, la conduce alle porte degli studi giornalistici. Dall'Italia a New York, Mara muove i primi passi dentro il mondo dei suoi sogni. Mai avrebbe pensato di raccontare lo sport, fino a quando...

Ceccarelli: “Dal Ricard monitoro anche meccanici e ingegneri” Prime

Ceccarelli: “Dal Ricard monitoro anche meccanici e ingegneri”

Torna l'appuntamento fisso della rubrica del mercoledì mattina firmata Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli ci parlano dell'imminente Gran Premio di Francia di Formula 1, dove il medico andrà a monitorare una nuova serie di parametri non solo dei piloti

Formula 1
16 giu 2021
F1: il peso eccessivo, un problema con cui fare i conti Prime

F1: il peso eccessivo, un problema con cui fare i conti

Le monoposto di Formula 1 sono diventate troppo grosse e pesanti e questo si è visto non solo a Monaco, circuito ormai troppo stretto per le moderne monoposto, ma anche a Baku dove i problemi alla gomme sono derivati anche dagli enormi sforzi richiesti alle gomme.

Formula 1
15 giu 2021
F1 2021: si scaldano i motori... via Play Station Prime

F1 2021: si scaldano i motori... via Play Station

Andiamo a dare uno sguardo da vicino alle prime immagini in-game di F1 2021, nuovo videogame ufficiale della Formula 1 ambientato in questa stagione

Formula 1
15 giu 2021
AlphaTauri: una squadra che si trova nel centro di gravità Prime

AlphaTauri: una squadra che si trova nel centro di gravità

Il team diretto da Franz Tost con il podio di Pierre Gasly a Baku si è portato al quinto postonella classifica del mondiale Costruttori. Anche l'esuberante Yuki Tsunoda, il talentuoso rookie giapponese, comincia a contribuire alla causa, dopo troppi errori. A Faenza assolvono al meglio il ruolo di junior team e, pur con alti e bassi, possono sfidare due marchi ufficiali come Aston Martin e Alpine disponendo di risorse molto inferiori.

Formula 1
14 giu 2021
F1: Il costo umano richiesto da un calendario di 23 gare Prime

F1: Il costo umano richiesto da un calendario di 23 gare

In questa stagione la Formula 1 sta cercando di rispettare il calendario previsto con 23 appuntamenti, ma l'espansione dei gran premi ha un costo umano che alla lunga non potrà più essere sostenibile.

Formula 1
14 giu 2021