Ricciardo: "Sono certo che in gara la Red Bull lotterà per il successo"

L'australiano ha centrato il quarto riferimento di giornata riuscendo ad avere la meglio su Verstappen. Ricciardo ha parlato dei problemi patiti nella sessione ma conta sul passo gara visto al venerdì per replicare la vittoria dello scorso anno.

Ricciardo: "Sono certo che in gara la Red Bull lotterà per il successo"
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB14
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB14
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB14
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB14
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB14
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB14
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB14 Tag Heuer
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing
Carica lettore audio

Dopo aver mostrato un interessante passo gara in occasione del venerdì, la Red Bull è tornata ad essere la terza forza in qualifica alle spalle della Ferrari e della Mercedes.

Daniel Ricciardo, fresco vincitore del Gran Premio di Cina, è riuscito a cogliere allo scadere il quarto riferimento, mentre Max Verstappen domani scatterà dalla quinta casella dello schieramento davanti alla Ferrari di Kimi Raikkonen, sesto a causa di un errore nel giro finale.

Il risultato delle qualifiche non ha comunque tolto il classico sorriso dal volto di Daniel Ricciardo. L'australiano, infatti, era certo di poter portare la propria RB14 in seconda fila ma ha rischiato di venire eliminato da Lance Stroll in Q2 e di compromettere tutto nel Q3 quando un bacio ad muretto con la posteriore destra avrebbe potuto compromettere l'intero weekend. 

"La seconda fila era alla nostra portata e devo dire che non è stato un risultato negativo. Sicuramente non è stata una sessione semplice. Nel Q2 eravamo tutti vicini con le supersoft, ma ci sono state alcune bandiere gialle che mi hanno penalizzato. Poi nel Q3 ho dato una leggera baciata al muro ed ho perso del tempo, ma fortunatamente sono riuscito a migliorarmi nell'ultimo tentativo e conquistare la seconda fila".

Il ritardo pagato da Ricciardo nei confronti di Vettel è stato di 4 decimi e Daniel ha considerato questo gap accettabile sia per le caratteristiche del tracciato che per il vantaggio di potenza della power unit di Maranello.

"Quando Ferrari e Mercedes sono passate alla mappatura da qualifica mi aspettavo un gap di mezzo secondo. Credo che il mio distacco da Seb sia di quattro decimi e per adesso possiamo convivere con un ritardo del genere al sabato. Sono certo che su tracciati come Barcellona o Monaco il ritardo sarà inferiore, ma 4 decimi su una pista simile ci lasciano sperare di poter dire la nostra in gara".

Le condizioni meteo attese domani non faranno dormire sonni tranquilli ai piloti di F1. Sul tracciato di Baku soffierà un gran vento e le temperature dell'asfalto dovrebbero tornare a scendere daccapo. Questi elementi potranno dare luogo ad una gara rompicapo specie per la gestione delle Pirelli.

"Il vento atteso per domani potrà avere delle influenze negative sulla guidabilità delle vetture. Sarà una grande sfida anche per le temperature basse che si prevedono. Il motivo per il quale i primi cinque in griglia partiranno con le supersoft è per prevenire il graining. Le ultrasoft lo soffrono molto e domani sarà ancora peggio. Sono certo che ci attenderà una gara interessante".

Nonostante la quarta posizione di partenza non fa comunque disperare Ricciardo che si è detto certo di poter contare su un passo gara competitivo e lottare daccapo per il primo gradino del podio.

"Penso che domani la Red Bull potrà tornare a girare sui tempi visti in occasione delle Libere del venerdì, ma in gara potrà succedere di tutto anche se credo che i tre top team si confermeranno tali".

 

condivisioni
commenti
Toro Rosso: Gasly ha rischiato un botto pauroso per colpa di Hartley
Articolo precedente

Toro Rosso: Gasly ha rischiato un botto pauroso per colpa di Hartley

Prossimo Articolo

Raikkonen: il paradosso di Kimi è che è tutt'altro che un Iceman

Raikkonen: il paradosso di Kimi è che è tutt'altro che un Iceman