Ricciardo: "Senza le bandiere gialle avrei potuto fare la pole position!"

condivisioni
commenti
Ricciardo:
Giacomo Rauli
Di: Giacomo Rauli
23 lug 2016, 16:02

Al termine delle Qualifiche del GP d'Ungheria, Daniel Ricciardo ha ammesso di essere amareggiato: "Avrei potuto fare la pole position, ma le bandiere gialle finali hanno rovinato tutto".

Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB12
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB12
Il poleman Nico Rosberg, Mercedes AMG F1 e il terzo qualificato Daniel Ricciardo, Red Bull Racing
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB12
Poleman Nico Rosberg, Mercedes AMG F1, secondo qualificato Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1, terzo qu
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB12
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB12

Daniel Ricciardo si conferma molto competitivo in Qualifica anche sul tracciato dell'Hungaroring. Domani scatterà infatti dalla terza casella dello schieramento, ma l'australiano - al termine delle prove ufficiali - ha ammesso di avere qualche rimpianto.

La sua Red Bull RB12 ha mostrato grande competitività sulla pista magiara e oggi, stando alle sue parole, avrebbe potuto insidiare le Mercedes e, perché no, centrare anche la pole position.

"Non so se ho estratto il massimo dal pacchetto a mia disposizione perché la bandiera gialla alla fine ci ha danneggiati. Ero piuttosto arrabbiato per quell'ultimo giro perché ero abbastanza in vantaggio. Sarei stato molto vicino alla pole e sarebbe stato altrettanto interessante il mio giro senza la bandiera gialla. Per questo sono deluso pensando a quello che sarebbe potuto accadere, però penso che la sessione siaandata molto bene. Eravamo competitivi in tutte le condizioni".

Ricciardo è stato poi autore di qualche manovra spettacolare, specialmente in Q3 quando è riuscito a evitare un'uscita di pista dovuta all'acquaplaning per essere passato su una pozzanghera d'acqua all'ultima curva, avendo inoltre il DRS aperto: "E' stato pazzesco perché dovevamo adattarci rapidamente ai cambiamenti del meteo e della pista. Sono passato dalle gomme da bagnato a quelle da asciutto nella Q2 e uscire dalla pit lane con le gomme slick quando la pista era ancora bagnata è stato divertente ed impegnativo".

"Poi all'ultima curva in Q3 c'erano ancora chiazze di bagnato vicine al cordolo e avevo aperto anche il DRS e questo mi ha fatto perdere per un momento il controllo della monoposto. Alla fine, però, sono riuscito a controllarla e sono riuscito a finire le Qualifiche".

Prossimo articolo Formula 1
Ferrari: irrobustita la protezione della turbina dello 061/1

Articolo precedente

Ferrari: irrobustita la protezione della turbina dello 061/1

Prossimo Articolo

Simulazione GP Germania: in pieno per il 66% del giro a Hockenheim

Simulazione GP Germania: in pieno per il 66% del giro a Hockenheim
Carica commenti