Ricciardo: "Renault porterà un'evoluzione del V6 al Gp del Canada"

condivisioni
commenti
Ricciardo:
Giacomo Rauli
Di: Giacomo Rauli
22 mar 2016, 11:50

Renault ha previsto un'evoluzione del propulsore V6 per il Gran Premio del Canada, a Montreal. Ad annunciarlo è stato il pilota della Red Bull, Daniel Ricciardo.

Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB12
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB12
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB12 e Felipe Massa, Williams FW38 lottano per la posizione
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB12
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB12
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB12

Il propulsore Renault 2016 ha fatto un deciso passo avanti rispetto alle ultime due stagioni e, il Gran Premio d'Australia, è stato il primo segnale della ripresa della power unit costruita a Viry Chatillon.

Daniel Ricciardo ha infatti terminato al quarto posto nella gara che ha aperto la stagione 2016 di Formula 1 e, per qualche giro, l'australiano ha accarezzato il sogno di poter chiudere a podio tra le due Mercedes di Rosberg e Hamilton.

Nonostante i progressi mostrati a Melbourne, il V6 ibrido della Renault non è ancora a livello di Mercedes e Ferrari. Per questo motivo gli ingegneri francesi della casa della losanga stanno approntando un'evoluzione che dovrebbe debuttare nel Gran Premio del Canada, a Montreal.

A confermare questa voce è stato proprio Daniel Ricciardo: "L'attuale propulsore non è un enorme passo avanti. Non riusciamo a sentire una grande accelerazione in rettilineo. Sento di andare un po' più veloce, ma non in maniera significativa".

"Credo che una volta che potremo disporre della prossima evoluzione del motore, e dovrebbe avvenire a Montreal, dovremmo fare un vero e proprio passo avanti. Speriamo che ci dia una spinta importante".

Informazioni aggiuntive di Andrew van Leeuwen

Prossimo articolo Formula 1
Toro Rosso: sotto al muso c'è solo una Naca per l'S-duct

Articolo precedente

Toro Rosso: sotto al muso c'è solo una Naca per l'S-duct

Prossimo Articolo

Aldo Costa: "Quando lasciai l'Abarth per andare alla Minardi"

Aldo Costa: "Quando lasciai l'Abarth per andare alla Minardi"
Carica commenti