Ricciardo: "La mia RB13 è da pole! Mi aspettavo di andare così forte"

condivisioni
commenti
Ricciardo: "La mia RB13 è da pole! Mi aspettavo di andare così forte"
Di:
15 set 2017, 14:54

L'australiano della Red Bull ha ottenuto il miglior tempo sia nelle Libere 1 che nelle Libere 2 a Singapore, siglando inoltre il nuovo record della pista. Suo anche il passo gara più interessante con gomme Ultrasoft.

Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB13
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB13
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB13
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB13
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB13, climbs into his cockpit, fitted, a halo
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing,

"Sì, la mia macchina è da pole qui. Sicuramente". Daniel Ricciardo non ha dubbi dopo le prime due sessioni di Libere del Gran Premio di Singapore, turni in cui ha letteralmente dominato al volante della sua Red Bull RB13.

Daniel è stato inoltre l'unico pilota a scendere sotto il muro dell'1'41" nella storia della Formula 1 a Singapore, facendo segnare il nuovo record della pista nella sessione pomeridiana.

"Mi aspettavo di essere così forte. Lo dicevo ieri. Qui abbiamo una buona chance. Oggi la RB13 è andata molto bene, mi piace questa pista. Con questo caldo è davvero molto dura ma mi sono preparato per questo. Oggi è stata una buona giornata, com'è successo a Budapest, ma domani e domenica dovremo finire il lavoro iniziato oggi".

Oltre alla simulazione Qualifica, la RB13 numero 3 ha mostrato di avere un passo invidiabile anche nella simulazione gara. Ha compiuto una serie lunga di giri su gomme Ultrasoft ma a stupire realmente è stata la costanza di tempi competitivi inanellati sin dall'inizio della simulazione dello stint.

"Le mie Supersoft si sono distrutte. C'era anche un taglio e non avevo opportunità di vedere quanto potessero durare. Ma alla fine con le Ultrasoft ho fatto tanti giri. E' stata una sorpresa, ma forse proveremo a fare uno stop".

Ricciardo ha inoltre confermato come ogni giro a Singapore sia diventato molto più duro rispetto al passato a causa della maggior prestazione delle monoposto 2017. Il caldo e l'umidità, inoltre, non hanno certo reso il compito dei piloti più facile.

"Quest'anno è davvero dura. Ora il giro è 1'40"8. Già quasi 2" più rapido dell'anno scorso. E' davvero dura fisicamente. Però va bene, tutti sapevano che condizioni avremmo trovato. Mi piace questa sfida".

Prossimo Articolo
Raikkonen: "E' stata una giornata più difficile del previsto"

Articolo precedente

Raikkonen: "E' stata una giornata più difficile del previsto"

Prossimo Articolo

Verstappen: "Siamo forti qui, ma domani occhio a Ferrari e Mercedes"

Verstappen: "Siamo forti qui, ma domani occhio a Ferrari e Mercedes"
Carica commenti