Ricciardo: "Il mio futuro? Spero di mettere nero su bianco entro le prossime 2 settimane"

condivisioni
commenti
Ricciardo:
Giacomo Rauli
Di: Giacomo Rauli
28 giu 2018, 14:18

L'australiano della Red Bull indica il periodo massimo entro cui prenderà una decisione sul suo futuro. Inoltre ha commentato positivamente le tempistiche dell'annuncio tra Red Bull e Honda riguardo la partnership per le prossime stagioni.

Daniel Ricciardo, Red Bull Racing e Max Verstappen, Red Bull Racing
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB14
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB14
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB14
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB14
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB14 sparks
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB14
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB14, segue Max Verstappen, Red Bull Racing RB14
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB14
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB14

Dopo aver perso il podio al Paul RIcard per un doppio cedimenti di alcuni flap sulla sua ala anteriore, Daniel Ricciardo arriva al Red Bull Ring - sede del Gran Premio d'Austria che si disputerà questo fine settimana - con notevoli ambizioni.

A dargli fiducia è soprattutto il buon comportamento delle RB14, che nel corso di questa stagione si sono confermate competitive sulla maggior parte delle piste su cui si è corso nel Mondiale 2018 di Formula 1.

"Credo che qui potremo mostrare un buon passo. In generale quest'anno abbiamo avuto un buon passo in quasi tutti i tracciati in cui abbiamo corso sino a ora. Credo che il quinto posto sia il nostro peggior risultato dell'anno e se non siamo saliti sul podio ci siamo sempre andati vicini", ha dichiarato Ricciardo nel corso della conferenza stampa piloti del giovedì.

"La scorsa settimana abbiamo avuto alcuni danni all'ala anteriore nel corso della gara del Paul Ricard che quasi certamente mi hanno impedito di salire sul podio, ma in generale siamo stati forti. Nelle ultime due stagioni io e Max siamo arrivati sul podio qui, speriamo di poter ripetere il risultato anche in questa stagione".

Leggi anche:

Daniel non è solo uno dei protagonisti di questa stagione - ricordiamo infatti che è uno dei tre piloti che è riuscito a vincere almeno una gara nel 2018 - ma è anche uno degli uomini mercato di punta in vista della prossima stagione. Dopo alcune voci che lo avrebbero voluto vicino alla McLaren, il pilota della Red Bull ha dato tempistiche ben precise riguardo a quando potrà dire qualcosa di ufficiale sul suo futuro in Formula 1.

"Sicuramente ci sono stati team interessati a me. Personalmente voglio mettere qualcosa nero su bianco prima dell'inizio della pausa estiva. Soprattutto perché potrei andare in ferie con la mente sgombra, potrei riuscire a fare una vera e propria pausa e per me sarebbe una cosa buona".

"Alcuni anni fa il passaggio da Toro Rosso a Red Bull avvenne nel corso della pausa estiva e per me non fu molto divertente. Per questo vorrei mettere nero su bianco prima di staccare la spina. Certo, la Red Bull ora si è impegnata con Honda e abbiamo tutte le carte sul tavolo. So cosa potrò avere e le cose stanno cominciando ad arrivare a un punto in cui posso avere le cose chiare e spero di poter annunciare qualcosa molto presto".

"Credo che la partnership tra Red Bull e Honda non inciderà sulle mie scelte. Credo non abbia fatto altro che rendermi più chiara la panoramica delle cose riguardo la direzione che il team sta prendendo. Ora sta a me farmi un'opinione a riguardo. Vedo i lati positivi della faccenda, la possibilità di iniziare un nuovo percorso su Honda. Devo rifletterci sopra. E' positivo che il team abbia preso già una decisione a riguardo. Io spero di prenderla entro le prossime due settimane".

Attualmente il 28enne di Perth si trova al terzo posto nel Mondiale Piloti, anche se staccato di 49 punti dal leader Lewis Hamilton e 35 dal pilota che lo precede, Sebastian Vettel. Eppure pensa di poter essere ancora considerato tra i piloti in lizza per il titolo 2018.

"Penso di essere ancora in lotta per il titolo. Sono abbastanza lontani dai primi due ma sono molto più in gioco di quanto non sia mai stato nei 4 anni in cui ho corso con la Red Bull. Arriveremo in circuiti in cui nelle previsioni non saremo da podio, probabilmente in alcuni prenderemo anche delle penalità per la sostituzione di qualche componente della power unit, ma a livello di prestazioni pensiamo di essere più vicini di quanto non siamo mai stati a Mercedes e Ferrari. Questo mi dà fiducia perché poi la stagione è ancora lunga e il team quest'anno è stato molto aggressivo in termini di sviluppo della monoposto".

"Abbiamo inoltre ancora un paio di aggiornamenti che ci possono dare qualcosa in più e farci avvicinare ai team con cui stiamo lottando in questa stagione. Se dovessi vincere una gara e i miei avversari diretti dovessero avere problemi sarei nuovamente a contatto con loro. E' ancora tutto in gioco".

Prossimo Articolo
Mercedes evoluzione? No c'è una rivoluzione con le pance arretrate tipo Ferrari!

Articolo precedente

Mercedes evoluzione? No c'è una rivoluzione con le pance arretrate tipo Ferrari!

Prossimo Articolo

Fotogallery: il Red Bull Ring si prepara a ospitare il Gran Premio d'Austria 2018 di F1

Fotogallery: il Red Bull Ring si prepara a ospitare il Gran Premio d'Austria 2018 di F1
Carica commenti