Ricciardo: "Ho faticato molto per tenere Vettel alle mie spalle"

Daniel Ricciardo conquista il terzo posto al Gran Premio di Ungheria e si consolida in terza posizione in classifica piloti alle spalle del duo Mercedes. L'australiano ha rischiato nel finale di cedere il trofeo ad un arrembante Sebastian Vettel.

Daniel Ricciardo ritrova in Ungheria il sorriso dei giorni migliori grazie al terzo posto che consente alla Red Bull di portarsi ad una sola lunghezza di distacco dalla Ferrari in classifica costruttori ed al pilota australiano di confermare la terza posizione nella graduatoria riservata ai conduttori con 115 punti.

Ricciardo è stato autore di una grande partenza dalla terza casella in griglia ed ha insidiato le frecce d'argento nei primi metri di gara. L'australiano ha assaporato l'odore del secondo posto alle spalle di Lewis Hamilton dopo aver svoltato alla prima curva, ma è stato beffato da una grande manovra di Nico Rosberg all'esterno pochi metri dopo.

"Sono soddisfatto di aver raggiunto il podio. In partenza ero riuscito a mettere la vettura davanti a Nico superando all'esterno alla prima curva, ma non sono riuscito vedere le traiettorie dei due piloti Mercedes.

Daniel ha spiegato di non aver potuto fare nulla per impedire al tedesco di sopravanzarlo, complice una traiettoria migliore che ha garantito una ottima trazione alla Mercedes numero 6.

"Quando ero alla corda di curva 1 pensavo di trovarmi in prima posizione, poi ho visto la vettura di Nico all'esterno della seconda curva. Io mi trovavo all'interno mentre lui ha avuto una maggiore trazione ed è riuscito a superarmi". 

Il passo mostrato dalla Red Bull nelle prima parte di gara ha inizialmente illuso Ricciardo di poter lottare per il successo in terra ungherese, ripetendo quanto ottenuto nel 2014, ma ha presto capito che le vetture argentate oggi erano decisamente di un altro pianeta.

"Nella prima parte di gara sembravamo piuttosto competitivi, poi nella seconda fase le Mercedes hanno spinto maggiormente e sono riusciti ad aumentare il passo, quindi alla fine la lotta era riservata a loro due".

La fase finale di gara ha visto Ricciardo impegnato a resistere alla pressione costante di Sebastian Vettel, replicando così, a ruoli invertiti, il duello che aveva entusiasmato il pubblico in occasione del Gran Premio di Spagna. Il pilota della Red Bull ha confessato di aver faticato non poco per tenere la Ferrari alle proprie spalle.

"La mia lotta è stata esclusivamente con Vettel, lui si è avvicinato molto alla fine mentre io avevo fatto uno stint piuttosto lungo su quelle gomme e non è stato semplice tenerlo dietro all'ultimo giro. Sono certo che poteva utilizzare il DRS, ho visto negli specchietti che si avvicinava molto alla prima curva. E' stata una bella gara, ho dovuto faticare molto per mantenere la terza posizione".

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Formula 1
Evento GP d'Ungheria
Sub-evento Domenica, gara
Circuito Hungaroring
Piloti Daniel Ricciardo
Team Red Bull Racing
Articolo di tipo Intervista