Ricciardo furioso: "Max? Il suo un modo creativo per fare una c*****a"

condivisioni
commenti
Ricciardo furioso:
Giacomo Rauli
Di: Giacomo Rauli
30 lug 2017, 13:04

Daniel è stato messo fuori gara alla Curva 2 da una manovra fuori dal regolamento di Max Verstappen. Furioso ai microfoni della stampa: "Max ha mostrato di essere ancora molto giovane. Che fastidio uscire così".

Daniel Ricciardo, Red Bull Racing, va largo, mentre Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1 W08, Carlos Sain
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB13
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB13
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB13
Partenza
Sebastian Vettel, Ferrari SF70H, precede, Kimi Raikkonen, Ferrari SF70H alla partenza della gara
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB13

Il Gran Premio d'Ungheria di Daniel Ricciardo è durato appena due curve. Poche centinaia di metri dopo la partenza l'australiano è stato centrato dalla Red Bull gemella di Max Verstappen, che tentava di resistere al tentativo di sorpasso del 27enne di Perth.

Ricciardo, poco dopo l'urto che gli ha divelto la pancia e il radiatore sinistro della sua RB13, ha detto via radio: "Mi ha colpito chi penso io?". "Sì", la risposta del muretto Red Bull. Daniel ha poi parcheggiato la sua RB13 lungo la pista ed è uscito furibondo.

Dopo pochi minuti si è presentato ai microfoni della stampa per commentare quanto accaduto nel primo giro: "Non c'era nulla da fare. Ho visto che Max era lento in uscita dalla Curva 1, io sono uscito bene all'interno di Lewis e Max. Valtteri era all'interno in Curva 2, io sono andato all'esterno per frenare più tardi e pensavo di poter evitare il contatto con Verstappen e di passare. Seppure io abbia preso la traiettoria esterna, lui ha trovato un modo alternativo per fare una ca****a".

"Mi fa arrabbiare quando il mio compagno di squadra mi colpisce, ma più in generale mi darebbe fastidio con chiunque. Ma un po' di più perché è stato il mi ocompagno di squadra", ha aggiunto l'australiano.

Prima di ogni gara in Red Bull si effettua un briefing tra i piloti e i vertici del team per parlare della condotta di gara che i due devono mantenere per evitare situazioni spiacevoli, proprio come quella accaduta al giro 1 del GP d'Ungheria.

"Prima di ogni Gran Premio, Christian (Horner) ci parla, a Max e a me. E ci dice che di correre, andare forte, ma di stare attenti. Evitare situazioni come quella di oggi. Prima invece Max ha mostrato di essere ancora molto giovane".

"Parlerò con Verstappen sicuramente dopo la gara. Per ora è meglio non aggiungere altro. Sono molto arrabbiamo ma non c'è nulla da fare, la mia gara è finita e basta".

Prossimo articolo Formula 1

Su questo articolo

Serie Formula 1
Evento GP d'Ungheria
Sotto-evento Domenica, la gara
Location Hungaroring
Piloti Daniel Ricciardo
Team Red Bull Racing
Autore Giacomo Rauli
Tipo di articolo Intervista