Ricciardo: "Dal 2024 potremo tornare a lottare per vincere"

L'australiano sta attraversando un anno difficile, ma mantiene intatte le sue ambizioni e guarda avanti: "Sembra assurdo farlo, perché il 2024 è lontano, ma mi tiene motivato e potremo disporre di tutte le infrastrutture che ci servono".

Ricciardo: "Dal 2024 potremo tornare a lottare per vincere"

Daniel Ricciardo è incappato quest'anno in una delle stagioni più difficili da quando corre in Formula 1. Forse, la più dura. Arrivato in McLaren dopo un anno in cui è riuscito a riportare la Renault sul podio dopo diversi anni, l'australiano - così come il team di Woking - pensava di poter mettere a disposizione della squadra la sua esperienza e il suo talento, ma le cose sono andate diversamente.

L'adattamento alla MCL35M è stato lento, complicato, e non è ancora terminato quando siamo giunti alla pausa estiva del Mondiale che segna la metà della stagione 2021. A rendere tutto più complicato dal punto di vista del morale è vedere cosa sia riuscito a fare a parità di macchina il compagno di squadra Lando Norris.

Eppure Ricciardo non si è scomposto e ha mantenuto intatte le proprie ambizioni di poter lottare per il titolo. Di sicuro non quest'anno e nemmeno per il prossimo. Il motivo? Le strutture della McLaren, gli investimenti, sono ancora in fase d'avanzamento e, sino a quando non saranno terminati, difficilmente la squadra diretta da Andreas Seidl potrà davvero avere a disposizione l'intero potenziale.

"Il team è in grande crescita, ma ora ci sono alcuni ostacoli che sicuramente ci rallenteranno e, diciamo, non ci permetteranno di lottare per il titolo l'anno prossimo e forse per un paio d'anni. Ad esempio, non è pronta la galleria del vento. E per il puzzle della squadra è un pezzo piuttosto grande".

"Penso che, a oggi, l'obiettivo che ho è solo quello di continuare a costruire dove mi trovo ora, lavorare con la McLaren, e poi spero di mettermi in una posizione privilegiata in vista del 2024. Sembra assurdo parlare di un futuro così lontano, ma a volte devi pensarla in questo modo".

"Non voglio che qualcuno mi fraintenda, ci sto sicuramente provando. Voglio tutto e subito, voglio vincere ora. Ma immagino che l'esperienza mi faccia dire che siamo nel bel mezzo di un processo. Immagino che con l'età e la saggezza arrivi la maturità e lo faccia con più compostezza rispetto a quando ero più giovane. Mi aspettavo tutto e da tutti, ma non accadeva questo".

"Rimarrò un po' qui, per cercare di respirare, fare un passo indietro, passare attraverso questo processo e capire che c'è un motivo per cui le cose non vanno bene in questo momento. Ho bisogno di trovaer alcune risposte invece di alzare le mani e allontanarmi da tutto".

Da quando ha lasciato la Red Bull, Ricciardo ha anche dovuto cambiare le proprie ambizioni. A Milton Keynes poteva lottare - quando la monoposto glielo permetteva - per vincere e per ottenere pole position. In Renault, invece, le aspettative sono cambiate. E anche l'approdo in McLaren, sebbene si tratti di una squadra in ascesa, non ha cambiato di molto le possibilità dal punto di vista del risultati. Ricciardo, però, non se ne fa un cruccio, tanto da aver modellato le priprie aspettative per cercare di non scoraggiarsi e attendere il momento in cui potrà tornare a lottare per il massimo risultato possibile.

"In un certo senso devi cambiare un po'. Devi cercare diverse vittorie per la tua mente, anche se non sono vittorie vere e proprie. Tornando all'anno passato, una vittoria con la Renault significava portare quella macchina sul podio. Sapevo che se fossi stato in grado di farlo mi avrebbe dato la stessa sensazione di una vittoria".

"Alla fine niente batte vincere ed è quello per cui da giovane ho iniziato a fare questo lavoro. So che si vince sono se si è in una squadra di vertice o in quelle 4 monoposto all'anno. Se non lo fai, devi sapere fissare altri obiettivi per te stesso e mantenere alte le tue ambizioni, tenere alta la motivazione".

"Probabilmente la F1 è l'unico sport al mondo che ha una percentuale di vittorie così bassa. Negli sport di squadra, il 50% delle volte puoi vincere. In F1, non so, la mia percentuale di vittorie è probabilmente il 2% o qualcosa di simile. E' pazzesco. Devi trovare altri modi per godertela", ha concluso l'australiano.

condivisioni
commenti
Piola: "Riuscito alla McLaren il trapianto dal motore Mercedes"

Articolo precedente

Piola: "Riuscito alla McLaren il trapianto dal motore Mercedes"

Prossimo Articolo

Mercato piloti F1 2022: chi sono i piloti che si sposteranno?

Mercato piloti F1 2022: chi sono i piloti che si sposteranno?
Carica commenti
Piola: "Mercedes pensa alla gara, Red Bull rischia" Prime

Piola: "Mercedes pensa alla gara, Red Bull rischia"

Nuovo video di analisi tecnica di Motorsport.com. Franco Nugnes e Giorgio Piola commentano quanto accaduto nel sabato di Austin, con una Red Bull che conquista una pole position e una grande occasione. C'è il rischio di ripetere un finale mondiale come Hill/Schumacher nel '94?

Podcast F1 | Bobbi: "Lewis e W12, inspiegabili difficoltà di guida" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Lewis e W12, inspiegabili difficoltà di guida"

Qualifiche strabilianti in quel di Austin, con Max Verstappen che conquista la dodicesima pole della carriera davanti a Lewis Hamilton. Terzo Perez, mentre Charles Leclerc, in virtù della penalità di Bottas, scatterà dalla quarta posizione. Orecchie basse in Mercedes, con una W12 brutta copia di quella vista al venerdì

Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump"

Il tema caldo del venerdì di prove libere del Gran Premio degli Stati Uniti di Formula 1 è rappresentato dall'alto numero di bump e sconnessioni dell'asfalto texano. I piloti sono chiamati a far fronte a questi inconveniente, andando spesso e volentieri a sacrificare la traiettoria

Formula 1
22 ott 2021
F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull" Prime

F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull"

Dal venerdì di Austin emerge una Red Bull apparsa in difficoltà: sul tracciato texano, l'assetto rake delle monoposto di Verstappen e Perez è un'arma a doppio taglio. Nella prima sessione, le due Red Bull hanno sofferto più di altre i bum e le sconnessioni dell'asfalto

Formula 1
22 ott 2021
Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull" Prime

Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull"

In questo nuovo video di Motorport.com, Franco Nugnes e Giorgio Piola commentano la situazione dei team arrivati sul tracciato di Austin, pronti ad affrontare il weekend del Gran Premio degli Stati Uniti. La sfida tra Mercedes e Red Bull è sempre più accesa...

Formula 1
21 ott 2021
Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione” Prime

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano dell'importanza dell'avere una mente allenata, capace di bruciare meno energie possibili al fine di massimizzare il risultato con il minimo sforzo. Situazione utile nella vita di tutti i giorni, ma che in pista può fare la differenza

Formula 1
20 ott 2021
F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

Formula 1
19 ott 2021
F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Formula 1
19 ott 2021