Ricciardo: “Bianchi avrebbe ottenuto gli stessi risultati di Leclerc”

Daniel Ricciardo pensa che Charles Leclerc stia ottenendo il successo che avrebbe avuto Jules Bianchi se fosse arrivato in Ferrari, nominando il compianto francese come uno dei suoi rivali più sottovalutati.

Ricciardo: “Bianchi avrebbe ottenuto gli stessi risultati di Leclerc”

Jules Bianchi era uno dei piloti che sembrava in corsa per un posto in Ferrari, avendo stupito nella Driver Academy e guidando con il team Marussia in Formula 1. Il francese ha conquistato i primi punti della storia della squadra al Gran Premio di Monaco del 2014, chiudendo in nona posizione in quella che è considerata una delle gare più belle disputate da un pilota sfavorito nella storia recente della Formula 1.

Ma la carriera di Bianchi si è conclusa tragicamente a causa di un incidente avuto a Suzuka in quello stesso anno. È morto nove mesi dopo per via delle ferite, all’età di 25 anni.

In un post su Twitter intitolato ‘Il diario di Dan’, l’attuale pilota Renault Daniel Ricciardo ha selezionato cinque dei suoi rivali più sottovalutati in griglia di partenza, menzionando Bianchi: “Non è che Jules fosse sottovalutato, ma non abbiamo mai avuto l’occasione di vederlo su una monoposto competitiva. Forse le persone avrebbero apprezzato e capito quanto fosse bravo. Basti pensare alla sua guida al volante della Marussia a Monaco, nel 2014, la gara in cui ha regalato i primi punti al team. Monaco è come Macau, i risultati non si ottengono per caso. Quel risultato era assolutamente meritato”.

Ricciardo ha dichiarato di credere che il successo che Leclerc sta avendo ora in Ferrari – vincere due gare nella stagione di debutto con la Scuderia e battere il compagno di squadra e quattro volte campione del mondo Sebastian Vettel – lo avrebbe avuto anche Jules Bianchi, se fosse arrivato al team del Cavallino.

Leclerc e Bianchi erano amici stretti. Bianchi era il padrino di Leclerc e gli ha fatto da mentore nelle gare. La prima visita di Charles alla sede della Ferrari a Maranello è arrivata su appuntamento di Bianchi per la Driver Academy.

Ricciardo scrive: “È un altro aspetto che rende questa storia tanto triste, perché Bianchi avrebbe corso in un top team e sarebbe stato un vincitore adesso, sono sicuro. In qualche modo, sento che ora Charles sta facendo quello che Jules avrebbe fatto. È come se Charles fosse la versione successiva di ciò che Jules avrebbe ottenuto, con il successo che sta avendo”.

Ricciardo aveva conosciuto Bianchi la prima volta nelle categorie junior, ma aveva capito immediatamente che era diverso dagli altri piloti: “Nei karting junior, Jules era speciale. Ci siamo incontrati in allenamento alla Formula Medicine a Viareggio, in Italia. Tutti, anche in quel momento in cui tutti noi avevamo 17 anni, tutti lo trattavano come se già fosse un pilota di Formula 1. L’ho conosciuto e siamo diventati amici, ho scoperto subito chi fosse e cosa aveva fatto prima che arrivassi in Europa”.

Oltre a Bianchi, Ricciardo ha menzionato anche Marcus Ericsson, Roberto Merhi, Vitantonio Liuzzi e Jenson Button tra gli avversari sottovalutati.

condivisioni
commenti
GP Austria: apertura del governo a gara senza pubblico

Articolo precedente

GP Austria: apertura del governo a gara senza pubblico

Prossimo Articolo

Seidl: "Questa crisi può servire alla F1 per darsi una svegliata"

Seidl: "Questa crisi può servire alla F1 per darsi una svegliata"
Carica commenti
Piola: "Mercedes pensa alla gara, Red Bull rischia" Prime

Piola: "Mercedes pensa alla gara, Red Bull rischia"

Nuovo video di analisi tecnica di Motorsport.com. Franco Nugnes e Giorgio Piola commentano quanto accaduto nel sabato di Austin, con una Red Bull che conquista una pole position e una grande occasione. C'è il rischio di ripetere un finale mondiale come Hill/Schumacher nel '94?

Podcast F1 | Bobbi: "Lewis e W12, inspiegabili difficoltà di guida" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Lewis e W12, inspiegabili difficoltà di guida"

Qualifiche strabilianti in quel di Austin, con Max Verstappen che conquista la dodicesima pole della carriera davanti a Lewis Hamilton. Terzo Perez, mentre Charles Leclerc, in virtù della penalità di Bottas, scatterà dalla quarta posizione. Orecchie basse in Mercedes, con una W12 brutta copia di quella vista al venerdì

Formula 1
23 ott 2021
Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump"

Il tema caldo del venerdì di prove libere del Gran Premio degli Stati Uniti di Formula 1 è rappresentato dall'alto numero di bump e sconnessioni dell'asfalto texano. I piloti sono chiamati a far fronte a questi inconveniente, andando spesso e volentieri a sacrificare la traiettoria

Formula 1
22 ott 2021
F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull" Prime

F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull"

Dal venerdì di Austin emerge una Red Bull apparsa in difficoltà: sul tracciato texano, l'assetto rake delle monoposto di Verstappen e Perez è un'arma a doppio taglio. Nella prima sessione, le due Red Bull hanno sofferto più di altre i bum e le sconnessioni dell'asfalto

Formula 1
22 ott 2021
Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull" Prime

Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull"

In questo nuovo video di Motorport.com, Franco Nugnes e Giorgio Piola commentano la situazione dei team arrivati sul tracciato di Austin, pronti ad affrontare il weekend del Gran Premio degli Stati Uniti. La sfida tra Mercedes e Red Bull è sempre più accesa...

Formula 1
21 ott 2021
Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione” Prime

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano dell'importanza dell'avere una mente allenata, capace di bruciare meno energie possibili al fine di massimizzare il risultato con il minimo sforzo. Situazione utile nella vita di tutti i giorni, ma che in pista può fare la differenza

Formula 1
20 ott 2021
F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

Formula 1
19 ott 2021
F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Formula 1
19 ott 2021