Renault: Magnussen penalizzato. In gara partirà dalla pit lane

condivisioni
commenti
Renault: Magnussen penalizzato. In gara partirà dalla pit lane
Giacomo Rauli
Di: Giacomo Rauli
01 apr 2016, 21:05

Kevin Magnussen non si è fermato alle verifiche di peso della vettura. "Ero dietro a una Red Bull e non ho visto il semaforo rosso", si è giustificato, ma ai commissari di gara non è bastato e lo hanno penalizzato.

Kevin Magnussen, Renault Sport F1 Team RS16
Kevin Magnussen, Renault Sport F1 Team RS16
Kevin Magnussen, Renault Sport F1 Team RS16
Jolyon Palmer, Renault Sport F1 Team RS16
Kevin Magnussen, Renault Sport F1 Team RS16

Il fine settimana di Sakhir non era iniziato male per la Renault e Kevin Magnussen. Il giovane danese ha mostrato sin dal primo turno di libere di essere il pilota più performante del team di Enstone, la base per poter tentare di riportare ai fasti di una decina d'anni fa la scuderia transalpina.

In entrambi i turni di prove libere di oggi, Magnussen ha letteralmente distrutto il compagno di squadra Jolyon Palmer, eppure il suo fine settimana ha preso una piega inaspettata proprio pochi minuti fa. 

I commissari di gara, infatti, hanno deciso di penalizzare l'ex pilota della McLaren per non essersi fermato alle operazioni di peso della sua Renault R.S.16 nel corso delle Libere 2, superando il semaforo rosso che gli intimava di fermarsi alle verifiche e contravvenendo alla norma 29.1 del regolamento sportivo in essere. 

Magnussen ha affermato di non aver visto il semaforo perché seguiva da vicino la Red Bull di Daniil Kvyat, ma i commissari hanno comunque deciso di penalizzare il danese seguendo quanto stabilito il regolamento. Magnussen sarà così costretto a prendere il via del Gran Premio del Bahrain dalla pit lane del tracciato di Sakhir.

Prossimo articolo Formula 1
Regole 2017: in Curva 3 a Barcellona in pieno a 275 km/h?

Articolo precedente

Regole 2017: in Curva 3 a Barcellona in pieno a 275 km/h?

Prossimo Articolo

Qualifiche: con il Gattopardismo in F.1 non si cambierà niente

Qualifiche: con il Gattopardismo in F.1 non si cambierà niente
Carica commenti