Renault: bene il motore termico 2018, in ritardo l'ibrido

A Viry Chatillon stanno lavorando sodo per deliberare la power unit che equipaggerà Renault F1 Team, Red Bull e McLaren. I tecnici francesi sono soddisfatti del lavoro sul nuovo 6 cilindri turbo, mentre l'MGU-K non è ancora ok.

Renault: bene il motore termico 2018, in ritardo l'ibrido
Renault Sport F1 Team freight
Renault Sport F1 Team RS17, dettaglio posteriore
Stoffel Vandoorne, McLaren MCL32
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB13 con dei sensori serodinamici
I meccanici della Red Bull Racing cambiano il motore e il cambio sulla monoposto di Daniel Ricciardo

Sul fronte power unit la Renault ha concluso in grande affanno la stagione 2017, lamentando gravi problemi di affidabilità all’unità MGU-H che hanno condizionato le ultime tappe del Mondiale di tutti i team motorizzati dalla Casa francese, ed in particolar modo la Toro Rosso.

Il progetto della power unit 2018 è stato annunciato da tempo come un cambiamento strutturale e non una semplice evoluzione del motore utilizzato nel Mondiale appena concluso.

Il lavoro nella sede di Viry Chatillon prosegue a ritmi serrati, ma secondo indiscrezioni raccolte negli ultimi giorni, i riscontri arrivati dai test al banco non sono per ora tutti positivi.

L’unità termica sembra aver garantito ottimi risultati, avvicinando già adesso la temuta soglia della percorrenza di sette weekend di gara (questo è il limite previsto dai tecnici a causa delle restrizioni imposto dal regolamento 2018): anche i guai al turbo dettati dalle vibrazioni sembrano definitivamente risolti, ma secondo indiscrezioni a creare problemi di tenuta sarebbero le unità MGU-K con difficoltà nella lubrificazione necessaria al raffreddamento.

La percorrenza programmata sui banchi prova che è di oltre 7.000 chilometri, ovvero la distanza che si percorre normalmente per deliberare le sette gare, ma è soprattutto la parte ibrida a preoccupare i tecnici francesi.

I tre mesi che mancano al via del Mondiale 2018 sono un lasso di tempo che può far ben sperare nella possibilità di risolvere tutti gli imprevisti, ma un po’ di pressione c’è.

Dodici mesi fa nel pacchetto ‘team’ motorizzati Renault la sola Red Bull ambiva a risultati importanti, mentre nel prossimo Mondiale anche McLaren e la stessa squadra francese (rivitalizzata da ingenti investimenti economici) aspirano a un ruolo da protagonisti.

I riflettori (in caso di problemi) saranno ben più potenti, e la Renault sa bene di non potersi permettere passi falsi.

condivisioni
commenti
Clamoroso: la FIA vieta la sospensione con il bracket della Ferrari?

Articolo precedente

Clamoroso: la FIA vieta la sospensione con il bracket della Ferrari?

Prossimo Articolo

Ricciardo: "Le qualifiche sono state il mio punto debole nel 2017"

Ricciardo: "Le qualifiche sono state il mio punto debole nel 2017"
Carica commenti
Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Traiettoria ideale da sacrificare per i bump"

Il tema caldo del venerdì di prove libere del Gran Premio degli Stati Uniti di Formula 1 è rappresentato dall'alto numero di bump e sconnessioni dell'asfalto texano. I piloti sono chiamati a far fronte a questi inconveniente, andando spesso e volentieri a sacrificare la traiettoria

F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull" Prime

F1 | Piola: "I dossi penalizzano l'assetto rake Red Bull"

Dal venerdì di Austin emerge una Red Bull apparsa in difficoltà: sul tracciato texano, l'assetto rake delle monoposto di Verstappen e Perez è un'arma a doppio taglio. Nella prima sessione, le due Red Bull hanno sofferto più di altre i bum e le sconnessioni dell'asfalto

Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull" Prime

Piola: "L'assenza di Newey si è fatta sentire in Red Bull"

In questo nuovo video di Motorport.com, Franco Nugnes e Giorgio Piola commentano la situazione dei team arrivati sul tracciato di Austin, pronti ad affrontare il weekend del Gran Premio degli Stati Uniti. La sfida tra Mercedes e Red Bull è sempre più accesa...

Formula 1
21 ott 2021
Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione” Prime

Ceccarelli: “Il risparmio mentale conta nella prestazione”

Torna l'appuntamento del mercoledì mattina firmato Motorsport.com. In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes ed il Dottor Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine ci parlano dell'importanza dell'avere una mente allenata, capace di bruciare meno energie possibili al fine di massimizzare il risultato con il minimo sforzo. Situazione utile nella vita di tutti i giorni, ma che in pista può fare la differenza

Formula 1
20 ott 2021
F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

Formula 1
19 ott 2021
F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Formula 1
19 ott 2021
Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Formula 1
18 ott 2021
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021