Renault, Bell: "Hulk e Sainz rendono facile lo sviluppo della R.S.18!"

condivisioni
commenti
Renault, Bell:
Giacomo Rauli
Di: Giacomo Rauli
25 apr 2018, 09:05

Il chied techical officer della Renault ha affermato che Nico e Carlos sono allineati nei feedback sulla vettura, e questo aiuta il team a preparare gli aggiornamenti per il prosieguo della stagione.

Nico Hulkenberg, Renault Sport F1 Team R.S. 18
Nico Hulkenberg, Renault Sport F1 Team R.S. 18
Nico Hulkenberg, Renault Sport F1 Team R.S. 18
Nico Hulkenberg, Renault Sport F1 Team R.S. 18, pit stop
Nico Hulkenberg, Renault Sport F1 Team R.S. 18
Nico Hulkenberg, Renault Sport F1 Team R.S. 18
Carlos Sainz Jr., Renault Sport F1 Team R.S. 18, effettua un pit stop
Carlos Sainz Jr., Renault Sport F1 Team R.S. 18

La Renault ha iniziato il Mondiale 2018 di Formula 1 come ci si attendeva dopo i test. Il team ufficiale della Casa francese è in piena lotta con la McLaren per il quarto posto nel Mondiale Costruttori. Tutto questo deriva dalla grande partenza in stagione di Nico Hulkenberg, autore di 22 punti come Fernando Alonso, e dei 3 artigliati sino a ora da Carlos Sainz Jr.

Lo spagnolo sta faticando un po' di più rispetto al compagno di squadra, ma il team è molto contento di entrambi per come stanno lavorando allo sviluppo della R.S.18. La monoposto sembra nata bene e sta andando a punti con ottima regolarità, ma anche i piloti stanno svolgendo un lavoro molto apprezzato dal team. Ad affermare una volta di più questo concetto è stato Bob Bell, chief technical officer Renault Sport F1.

"Sono brillanti quei due. Sono completamente allineati per quanto riguarda le indicazioni che danno riguardo la R.S.18 e tra loro non ci sono cospirazioni nei confronti dell'altro. La monoposto ha ovviamente qualcosa che non gli piace, e loro gara dopo gara ci dicono cosa non va e sono completamente allineati".

"Questa situazione tra i nostri piloti rende il nostro lavoro molto più facile. E' un vero piacere lavorare con entrambi".

Anche Nico Hulkenberg ha affermato le stesse cose di Bob Bell: "Sì, sembra che io e Carlos vogliamo la stessa cosa dalla monoposto. Questo è un bene per entrambi, perché chiediamo le stesse cose, diamo gli stessi feedback, e questo rende più facili le cose al team, che può affrontare i problemi nella medesima maniera".

"Il nostro rapporto di lavoro sta andando bene. Ha funzionato da subito senza fare nulla di speciale. Siamo abbastanza professionali, abbiamo rispetto l'uno nei confronti dell'altro. Abbiamo come obiettivo fare il massimo per la squadra e per le nostre carriere. Stiamo funzionando bene assieme".

Informazioni aggiuntive di Scott Mitchell

Prossimo articolo Formula 1
La FIA autorizza lo spostamento dei retrovisori sull'Halo

Previous article

La FIA autorizza lo spostamento dei retrovisori sull'Halo

Prossimo Articolo

Analisi F1: torna a... soffiare la polemica sugli scarichi

Analisi F1: torna a... soffiare la polemica sugli scarichi
Carica commenti