F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola
Topic

F.1 analisi tecnica di Giorgio Piola

Renault: arrivano le modifiche al fondo della R.S.16

condivisioni
commenti
Renault: arrivano le modifiche al fondo della R.S.16
Giorgio Piola
Di: Giorgio Piola
06 ott 2016, 10:30

La Renault sta cercando di migliorare le prestazioni della R.S.16, mentre a Enstone stanno lavorando alla monoposto del 2017. Gli aerodinamici hanno cambiato le paratie del fondo davanti alle ruote posteriori per limitare il tyre squirt.

La Renault sta lavorando sodo pensando al 2017: Nick Chester è impegnato alla progettazione della macchina per le nuove regole, mentre il reparto aerodinamico di Enstone non ha rinunciato a rivedere il fondo della R.S.16 nell'area davanti al pneumatico posteriore.

La macchina gialla è sostanzialmente la Lotus dello scorso anno che è stata adattata a montare la power unit francese in lugo del sei cilindri Mercedes. Si tratta di un progetto vecchio che ha subito ben pochi aggiornamenti nel corso della stagione, facendo precipitare i due piloti, Kevin Magnussen e Jolyon Palmer in fondo alla griglia.

In vista delle novità 2017 sulla Renault si notano degli interessanti esperiemti: nel tondo della foto sopra si può osservare qual era la soluzione utilizzata fino a Sepang, con le due bandelle verticali quasi affiancate e quella più interna era leggermente incurvata nella parte superiore verso il centro macchina.

In Giappone, invece, è rimasta invariata la paratia in metallo più prossima alla gomma posteriore, mentre è stata sensibilmente accorciata la seconda, perché davanti ad essa è stata inserite una terza bandella dall’andamento svergolato che permette di creare un soffiaggio con l’elemento precedente indirizzando i flussi secondo un percorso obbligato.

La Renault sta lavorando per limitare il tyre squirt, vale a dire quelle turbolenze nocive che si generano con la rotazione della gomma posteriore specie quando il pneumatico è sottoposto al carico verticale che deforma la spalla.

Con le paratie gli aerodinamici cercando di rendere i flussi che vanno al diffusore posteriore meno influenzati dalle deformazioni della gomma, in modo da rendere più stabile e consistente la portata dell’aria verso l’estrattore posteriore anche durante i transitori.

Prossimo articolo Formula 1
Il GP del Giappone in diretta sia su Sky che sulla Rai

Articolo precedente

Il GP del Giappone in diretta sia su Sky che sulla Rai

Prossimo Articolo

La collezione Schumacher diventa una mostra permanente a Colonia

La collezione Schumacher diventa una mostra permanente a Colonia
Carica commenti

Su questo articolo

Serie Formula 1
Evento GP del Giappone
Sotto-evento Giorgio Piola technical analysis
Location Suzuka
Piloti Jolyon Palmer , Kevin Magnussen
Team Renault F1 Team
Autore Giorgio Piola
Tipo di articolo Analisi