Renault appoggia le regole FIA-FOM, se no lascia la F1?

Se i tre top team combattono le norme aerodinamiche prescrittive, Abiteboul supporta le regole 2021 proposte da FIA e FOM. Non è che la Casa francese vuole uscire dalla F1 coprendo la carenza di risultati? Il mancato rinnovo dei motori clienti con McLaren è il primo segnale?

Renault appoggia le regole FIA-FOM, se no lascia la F1?

La McLaren firma il ritorno ai motori Mercedes nel 2021. Il team di Woking con il cambio delle regole tornerà a collaborare con la Stella, come in un passato glorioso. Ma in questo caso è la Renault a perdere l’unico team cliente, restando in F1 solo con la squadra ufficiale.

Strano, molto strano anche perché emissari del marchio transalpino avevano trattato con la Williams per fornire il proprio motore e creare una sorta di junior team nella speranza di dare spazio alla propria filiera di giovani piloti. Toto Wolff si è messo in mezzo e ha fatto in modo che ci fosse il rinnovo della fornitura Mercedes alla squadra di Grove.

E la Casa francese ha assunto una posizione diversa anche sulle nuove regole, andando in perfetta antitesi con il concetto degli altri top team, sposando i concetti proposti da FIA e FOM.

Toto Wolff, Mattia Binotto e Christian Horner si sono dichiarati apertamente contro le regole 2021 (a proposito lunedì è stata mostrata una nuova ala anteriore ai team) perché troppo prescrittive.

I tre sostengono che le forme delle monoposto diventerebbero delle Silhouette tutte uguali e la cosa non piace affatto ai rappresentanti dei team più importanti, ma anche ai team principal della seconda fascia della griglia di partenza, preoccupati che si possa snaturare il DNA della F1.

Vinta la battaglia sull’abolizione dei pezzi standard, gli esponenti delle squadre lottano adesso per un’aerodinamica 2021 meno vincolata, tanto più che esisterà già un budget cap a calmierare le spese di ricerca più “pazze”.

Eppure la Renault ritiene che sia meglio mantenere regole con un controllo molto stretto, in attesa che il nuovo regolamento si assesti.

"Guardando al mondiale 2021, sarà di un tale cambiamento che penso non sia un male partire con alcune aspetti normativi che sono piuttosto prescrittivi - ha dichiarato Cyril Abiteboul – CEO di Renault Sport F1 - dobbiamo stare attenti perché l'ultima volta che è stato apportato un cambiamento così importante alle normative nel 2014, aveva creato una situazione che la gente non aveva capito e che era stata molto criticata”.

"Sarebbe meglio evitare una differenziazione delle prestazioni in una prima fase e poi si potrebbe aprire in seguito".

La sensazione è che la squadra di Enstone non riesca a produrre una macchina in grado di lottare per il vertice, nonostante i forti investimenti che sono stati fatti per ammodernare la struttura che ora dispone d’impianti all’avanguardia.

Finora la… montagna ha prodotto solo un topolino. Qualcuno nel Circus vede nella strana posizione Renault a livello regolamentare l’idea di tenersi eventualmente le mani libere per non aderire al nuovo “Patto della Concordia”, lasciando magari la F1 nel 2021 come segno di dissenso sulle regole, piuttosto che per la carenza di risultati.

Nessuno ne ha mai parlato in termini chiari, ma dopo la rivoluzione che ha colpito il vertice del marchio c’è chi teme qualche contraccolpo che potrebbe toccare anche l’impegno in F1. E il distacco dalla McLaren sarebbe il primo segnale concreto…

Nico Hulkenberg, Renault F1 Team R.S. 19

Nico Hulkenberg, Renault F1 Team R.S. 19
1/10

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Nico Hulkenberg, Renault F1 Team

Nico Hulkenberg, Renault F1 Team
2/10

Foto di: Jerry Andre / Motorsport Images

Nico Hulkenberg, Renault F1 Team R.S. 19

Nico Hulkenberg, Renault F1 Team R.S. 19
3/10

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Daniel Ricciardo, Renault F1 Team

Daniel Ricciardo, Renault F1 Team
4/10

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Daniel Ricciardo, Renault F1 Team R.S.19

Daniel Ricciardo, Renault F1 Team R.S.19
5/10

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Nico Hulkenberg, Renault F1 Team R.S. 19

Nico Hulkenberg, Renault F1 Team R.S. 19
6/10

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Daniel Ricciardo, Renault F1 Team R.S.19

Daniel Ricciardo, Renault F1 Team R.S.19
7/10

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Daniel Ricciardo, Renault F1 Team

Daniel Ricciardo, Renault F1 Team
8/10

Foto di: Mark Sutton / Motorsport Images

Daniel Ricciardo, Renault F1 Team

Daniel Ricciardo, Renault F1 Team
9/10

Foto di: Simon Galloway / Motorsport Images

Nico Hulkenberg, Renault F1 Team, incontra i fan

Nico Hulkenberg, Renault F1 Team, incontra i fan
10/10

Foto di: Simon Galloway / Motorsport Images

condivisioni
commenti
Verstappen: "Ferrari imprendibili. Domani? Forse il quinto posto"

Articolo precedente

Verstappen: "Ferrari imprendibili. Domani? Forse il quinto posto"

Prossimo Articolo

Leclerc e Hamilton: uomini che parlano ai cavalli

Leclerc e Hamilton: uomini che parlano ai cavalli
Carica commenti
Ali Flessibili: la soluzione più "chiacchierata" della F1 odierna Prime

Ali Flessibili: la soluzione più "chiacchierata" della F1 odierna

Si sta facendo un gran parlare attorno alle ali flessibili in Formula 1. A partire dal GP di Francia, la situazione dovrebbe normalizzarsi, ma ecco cos'ha causato l'oggetto del contendere tra Mercedes e Red Bull

Ferrari: scopriamo quali sono i due volti della SF21 Prime

Ferrari: scopriamo quali sono i due volti della SF21

La Scuderia è terza nel mondiale Costruttori con 92 punti davanti alla McLaren: la SF21 ha un potenziale nettamente superiore a quello della SF1000, ma la Rossa finora ha raccolto meno del potenziale mostrato in pista. Andiamo a capire perché c'è una differenza fra il giro secco e il passo gara, per capire come mai a due pole position conquistate in prova non abbia corrisposto almeno una vittoria.

Formula 1
11 giu 2021
Chinchero racconta Ricciardo (p. 1) - It's a long way to the top Prime

Chinchero racconta Ricciardo (p. 1) - It's a long way to the top

15esima puntata di It's a long way to the top, rubrica podcast di Roberto Chinchero in cui, la prima firma di F1 di Motorsport.com, racconta attraverso aneddoti la scalata alla F1 di Daniel Ricciardo. Buon ascolto! (Parte 1).

Formula 1
10 giu 2021
Perez: l'alfiere di re Max nella partita a scacchi per il titolo Prime

Perez: l'alfiere di re Max nella partita a scacchi per il titolo

Con la vittoria a Baku il messicano ha portato punti preziosi nel Costruttori ed ha dimostrato come in questa stagione, nella lotta tra Verstappen e Hamilton, le seconde guide dei due team di punta avranno un ruolo determinante.

Formula 1
10 giu 2021
GP Baku: Perez trionfa nel week end nero Mercedes Prime

GP Baku: Perez trionfa nel week end nero Mercedes

Sergio Perz ha vinto in maniera rocambolesca il Gran Premio d'Azerbaijan, sesta prova del Mondiale 2021 di Formula 1. Il messicano ha avuto la meglio di Vettel e Gasly, con Verstappen out a tre giri dal termine dopo aver ampiamente dominato la corsa

Formula 1
10 giu 2021
Bottas: il vero punto debole della Mercedes Prime

Bottas: il vero punto debole della Mercedes

Valtteri Bottas è il protagonista indiscusso di questa puntata de Il Primo degli Ultimi. Il finlandese in Azerbaijan ha vissuto uno dei suoi fine settimana peggiori da quando è in Mercedes. Proviamo a capire ed analizzare quali fattori possono aver portato a ciò.

Formula 1
8 giu 2021
GP d'Azerbaijan: caos, rimonte e sorprese a Baku Prime

GP d'Azerbaijan: caos, rimonte e sorprese a Baku

Il GP d'Azerbaijan di Formula 1 non è stato per nulla avaro di sorprese. A Baku abbiamo assistito ad una gara animata da ricchi colpi di scena, con cambi al vertice e situazioni insperate. Ecco com'è andata nella nostra esclusiva animazione grafica

Formula 1
7 giu 2021
Minardi: “Hamilton non si è voluto accontentare” Prime

Minardi: “Hamilton non si è voluto accontentare”

Andiamo ad analizzare il GP dell'Azerbaijan dando i voti ai piloti di Formula 1 insieme a Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi

Formula 1
7 giu 2021