Formula 1
19 set
-
22 set
Evento concluso
26 set
-
29 set
Evento concluso
10 ott
-
13 ott
Evento concluso
24 ott
-
27 ott
Evento concluso
01 nov
-
03 nov
Evento concluso
14 nov
-
17 nov
FP1 in corso . . .

Regole 2021: c'è lo show, perché fare una rivoluzione?

condivisioni
commenti
Regole 2021: c'è lo show, perché fare una rivoluzione?
Di:
24 set 2019, 08:36

Dopo il soporifero GP di Francia abbiamo assistito a sette gare spettacolari: anche chi sta decidendo le regole 2021 ha qualche dubbio sulle norme da adottare. Guardate la tabella che pubblichiamo: mostra un equilibrio molto interessante. Ha senso ripartire da zero?

E se la Formula 1 del futuro fosse quella che abbiamo visto negli ultimi tre mesi? Nel prossimo incontro che si terrà a Ginevra per partorire il futuro del Circus, il ‘conclave’ dovrebbe porsi questa domanda, perché ciò che abbiamo visto nelle ultime sette gare del Mondiale in corso è un mix perfetto di ciò che questo sport può offrire.

Iniziamo dall’Austria, all’indomani dei processi seguiti alla soporifera gara del Paul Ricard che hanno messo in discussione anche il numero di ruote delle monoposto.

Da Spielberg in poi si sono disputati 7 Gran Premi, con cinque e tre team saliti sul gradino più alto del podio: un equilibrio invidiabile, confermato dalla mini-classifica che segue, nonché difficilmente prevedibile visti gli esiti del primo terzi di stagione.

Ma non è solo questione di numeri, perché anche la dinamica delle corse, con duelli, tensioni, sorpassi, momenti clou, verdetti a sorpresa e via dicendo, ha aiutato ad accrescere l’interesse, con dati di presenze in pista e share televisivi che non si vedevano da tempo.

Leclerc ha conquistato più punti negli ultimi 7 GP

Pilota

AUT

GB

GER

UNG

BEL

ITA

SIN

TOT

Charles Leclerc

18

15

0

12

25

25

18

113

Lewis Hamilton

10

26

2

25

18

16

12

109

Max Verstappen

26

10

26

19

0

4

15

100

Sebastian Vettel

12

0

18

15

13

0

25

83

Valtteri Bottas

15

18

0

4

15

18

10

80

Come è accaduto nell’era dei V8 aspirati, anno dopo anno le performance dei top-team stanno convergendo, ed anche a centro classifica la situazione segue lo stesso percorso.

Resta sempre il gap tra le tre squadre di vertice e il resto del gruppo, ma questa non è una situazione inedita per la Formula 1, sin dai suoi albori.

Ora la domanda sorge in modo spontaneo: è davvero necessario stravolgere questa Formula 1? La storia porta esempi molto chiari: quando le squadre sono ripartite da un foglio bianco iniziando un nuovo ciclo tecnico, chi ha avuto la possibilità di stanziare grandi investimenti per far partire i propri studi in anticipo, ne ha tratto molto vantaggio.

Se il regolamento 2021, che sarà definito a fine ottobre comporterà una rivoluzione, i top team partiranno immediatamente con il nuovo progetto affiancandolo a quello per il Mondiale 2020, ovviamente già avviato da tempo ma con un programma di sviluppi da portare a termine.

Poche squadre possono permettersi un tale sforzo economico, e c’è da scommettere che la forbice tra chi potrà e chi no, si allargherà notevolmente. Ma non c’è solo questo rischio. Alla vigilia dell’era ibrida la Mercedes ha saputo fare la differenza in modo marcato sul fronte motoristico, marchiando a fuoco almeno 3 stagioni grazie ad una power unit eccezionale.

Ora che le performance di Mercedes, Ferrari, Honda e Renault si stanno comunque avvicinando, ecco che si prospetta una modifica ai regolamenti. Avere tre top-team non è la garanzia che possano convergere negli stessi risultati, e al contrario esiste il rischio di ritrovare il dominio di una sola forza in campo.

“Evoluzione sarebbe meglio di rivoluzione”, ha sintetizzato un addetto ai lavori, ma soprattutto le squadre che non stanno vivendo un buon periodo della loro storia vedono in un nuovo regolamento tecnico una potenziale risorsa.

Teoricamente può anche starci, ma la realtà dimostra che senza pianificazione e competenza qualsiasi ciclo tecnico nella Formula 1 odierna è molto difficile per chi lo affronta.

Purtroppo, come è accaduto altre volte in passato, iniziative ed idee sensate rischiano di arenarsi davanti alla fatidica percentuale di consensi che deve arrivare dai team. Coinvolgere le squadre nelle valutazioni di quelle che possono essere nuove vie da imboccare è doveroso, ma il problema che si pone (e che da anni è un freno all’introduzione di correttivi) è legato alla filosofia dei team e al potere che hanno di promuovere o bocciare iniziative.

Tutte le squadre, prese singolarmente, non hanno mai avuto e mai avranno una visione d’insieme, ma punteranno su un unico criterio di valutazione: l’interesse del team stesso.

Meglio una decisione sbagliata che porta vantaggio che una corretta che potenzialmente può comportare uno svantaggio. In questi casi servirebbe una Federazione Internazionale forte, con una visione super-partes mirata al bene collettivo, soprattutto nel lungo periodo. Ma il tempo a disposizione è ormai molto poco...

Scorrimento
Lista

Romain Grosjean, Haas F1 Team VF-19, lotta con Nico Hulkenberg, Renault F1 Team R.S. 19

Romain Grosjean, Haas F1 Team VF-19, lotta con Nico Hulkenberg, Renault F1 Team R.S. 19
1/21

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Fuochi d'artificio alla fine della gara

Fuochi d'artificio alla fine della gara
2/21

Foto di: Joe Portlock / Motorsport Images

Il vincitore della gara Sebastian Vettel, Ferrari SF90, festeggia sull'arrivo al Parc Ferme

Il vincitore della gara Sebastian Vettel, Ferrari SF90, festeggia sull'arrivo al Parc Ferme
3/21

Foto di: Sam Bloxham / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari, primo classificato, e Max Verstappen, Red Bull Racing, terzo classificato, spruzza Champagne sul podio

Sebastian Vettel, Ferrari, primo classificato, e Max Verstappen, Red Bull Racing, terzo classificato, spruzza Champagne sul podio
4/21

Foto di: Sam Bloxham / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari, primo classificato, festeggia al Parc Ferme

Sebastian Vettel, Ferrari, primo classificato, festeggia al Parc Ferme
5/21

Foto di: Andrew Hone / Motorsport Images

Sergio Perez, Racing Point RP19, fa un pit stop

Sergio Perez, Racing Point RP19, fa un pit stop
6/21

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Safety Car davanti a Sebastian Vettel, Ferrari SF90

Safety Car davanti a Sebastian Vettel, Ferrari SF90
7/21

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Raffreddamento del cockpit nella McLaren

Raffreddamento del cockpit nella McLaren
8/21

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Pierre Gasly, Toro Rosso STR14, fa uno stop

Pierre Gasly, Toro Rosso STR14, fa uno stop
9/21

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15

Max Verstappen, Red Bull Racing RB15
10/21

Foto di: Lionel Ng / Motorsport Images

I-aki Rueda, Responsabile della strategia, Ferrari, Sebastian Vettel, Ferrari, primo classificato, Charles Leclerc, Ferrari, secondo classificato, e Max Verstappen, Red Bull Racing, terzo classificato, festeggiano con lo Champagne sul podio

I-aki Rueda, Responsabile della strategia, Ferrari, Sebastian Vettel, Ferrari, primo classificato, Charles Leclerc, Ferrari, secondo classificato, e Max Verstappen, Red Bull Racing, terzo classificato, festeggiano con lo Champagne sul podio
11/21

Foto di: Sam Bloxham / Motorsport Images

Chantel Jeffries, DJane

Chantel Jeffries, DJane
12/21

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Il vincitore della gara Sebastian Vettel, Ferrari festeggia al Parc Ferme

Il vincitore della gara Sebastian Vettel, Ferrari festeggia al Parc Ferme
13/21

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Valtteri Bottas, Mercedes AMG W10

Valtteri Bottas, Mercedes AMG W10
14/21

Foto di: Andrew Hone / Motorsport Images

Valtteri Bottas, Mercedes AMG W10, precede Alexander Albon, Red Bull RB15, Carlos Sainz Jr., McLaren MCL34, e Nico Hulkenberg, Renault F1 Team R.S. 19

Valtteri Bottas, Mercedes AMG W10, precede Alexander Albon, Red Bull RB15, Carlos Sainz Jr., McLaren MCL34, e Nico Hulkenberg, Renault F1 Team R.S. 19
15/21

Foto di: Simon Galloway / Motorsport Images

Pierre Gasly, Toro Rosso STR14, gratta l'ala anteriore

Pierre Gasly, Toro Rosso STR14, gratta l'ala anteriore
16/21

Foto di: Lionel Ng / Motorsport Images

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1

Lewis Hamilton, Mercedes AMG F1
17/21

Foto di: Sam Bloxham / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90 pit stop

Sebastian Vettel, Ferrari SF90 pit stop
18/21

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Sebastian Vettel, Ferrari SF90

Sebastian Vettel, Ferrari SF90
19/21

Foto di: Zak Mauger / Motorsport Images

Il vincitore della gara Sebastian Vettel, Ferrari, festeggia al Parc Ferme

Il vincitore della gara Sebastian Vettel, Ferrari, festeggia al Parc Ferme
20/21

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Kevin Magnussen, Haas F1 Team VF-19, precede Pierre Gasly, Toro Rosso STR14

Kevin Magnussen, Haas F1 Team VF-19, precede Pierre Gasly, Toro Rosso STR14
21/21

Foto di: Andrew Hone / Motorsport Images

Prossimo Articolo
Pirelli, Isola: "A Sochi ecco mescole più dure rispetto al 2018"

Articolo precedente

Pirelli, Isola: "A Sochi ecco mescole più dure rispetto al 2018"

Prossimo Articolo

Brawn risponde alle critiche dei piloti sui format sperimentali

Brawn risponde alle critiche dei piloti sui format sperimentali
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Formula 1
Autore Roberto Chinchero