Red Bull, serve serenità: Mercedes al top nella lotta di nervi

In appena 2 gare Verstappen e Red Bull hanno visto svanire tutto il vantaggio accumulato in metà campionato. A Milton Keynes la pausa estiva servirà a ritrovare serenità, perché sulla lotta di nervi la Mercedes è ancora dominante.

Red Bull, serve serenità: Mercedes al top nella lotta di nervi

Quello che Lewis Hamilton e la Mercedes hanno portato a casa da Budapest è più di quanto hanno lasciato sul campo. I numeri premiano il weekend del tandem campione del Mondo, visto che Hamilton ha ritrovato la vetta della classifica generale dopo quasi tre mesi, e premiano anche la Mercedes, che andrà in vacanza con dieci punti di vantaggio sulla Red Bull. Ma in questa prima metà di stagione sono stati anche molti i punti lasciati per strada, sbavature cruciali (come la partenza finale del Gran Premio di Azerbaijan) o la decisione presa oggi al via della gara ungherese di far partire Hamilton (da solo) con gomme intermedie.

Ci sono imprevisti ed errori, e questi episodi rientrano nel secondo caso. Poi, sia a Hamilton che alla Mercedes, va riconosciuta la capacità di saper ricostruire gare compromesse, delle ‘pezze’ stupende, ma il prezzo pagato è comunque elevato: venticinque i punti persi a Baku, dieci quelli persi oggi, non sono poca roba. Per fortuna di Hamilton e della Mercedes c’è chi sta peggio, e non di poco. Nelle ultime due gare Lewis ha incamerato 42 punti, mentre Max Verstappen tra Silverstone ed Hungaroring ha capitalizzato solo 4 lunghezze. Il tutto senza avere nulla da rimproverarsi, così come nulla ha da rimproverarsi la sua squadra.

L’unica nota positiva di giornata per Verstappen e la Red Bull è stata la variabile ‘Alonso’, che di fatto ha stoppato la possibilità che Hamilton lasciasse Budapest a punteggio pieno nonostante l’errore strategico. Complessivamente nel weekend di Budapest la Mercedes si è confermata (un po' a sorpresa) più veloce della Red Bull, ma un conto è terminare un weekend con un secondo posto o, al peggio, con una terza posizione, tutt’altro vedere azzerate le possibilità di lottare dopo soli seicento metri di gara senza alcuna colpa. È dura da accettare, anche se stupiscono non poco, in termini sportività, le parole espresse da Christian Horner un bel po' dopo la bandiera a scacchi, quando gli animi dovrebbero essere più raffreddati.

“Non credo ci sia niente che possiamo fare – ha commentato il team principal della Red Bull - voglio dire che è la brutalità delle corse, non è vero? Sfortunatamente, avete visto Valtteri autore di una brutta partenza, ovviamente ha valutato male la sua frenata e ha fatto un ottimo lavoro per la Mercedes eliminando entrambe le nostre vetture”.

“Di certo non sta andando bene – ha confermato Verstappen - ma non per colpa nostra. Sono due gare consecutive che vengo spinto fuori gara da una Mercedes, visto che anche oggi l’incidente è stato innescato da una manovra di Valtteri. Ho cercato di andare avanti, ma con il lato sinistro della monoposto compromesso si perde davvero molto carico aerodinamico”.

La pausa estiva arriva in un momento perfetto, nella speranza che l’escalation di tensione innescatasi a partire dal weekend di Silverstone possa ridimensionarsi. La Red Bull e Verstappen hanno visto svanire in 14 giorni il vantaggio accumulato nelle gare precedenti, ma c’è un girone di ritorno in cui potersi riscattare. A patto, però, di ritrovare serenità, perché il fronte della lotta di nervi è l’unico sul quale la Mercedes ha confermato di essere ancora imbattibile.

I cocci di Budapest resteranno però sul tavolo di Horner alla voce budget cap, un aspetto sul quale il team principal della Red Bull ha lanciato un giustificato allarme: “Spero che si possa tornare a discutere dei costi degli incidenti nei quali un team non è responsabile, è un aspetto che penso debba essere esaminato più in dettaglio dalla FIA”.

L’allarme lanciato da Horner è legato al tetto delle risorse finanziarie che possono condizionare gli ultimi sviluppi tecnici programmati dalla squadra in vista della volata finale. Aggiornamenti che sembravano un lusso prima di Silverstone, ma che alla luce di quanto visto nelle ultime due tappe disputate iniziano a diventare una necessità. La partita Mondiale passerà anche attraverso questo aspetto.

condivisioni
commenti
Vettel rischia la squalifica: nel serbatoio non c'era 1 litro di benzina

Articolo precedente

Vettel rischia la squalifica: nel serbatoio non c'era 1 litro di benzina

Prossimo Articolo

F1: Vettel squalificato. Sainz sale sul podio in Ungheria

F1: Vettel squalificato. Sainz sale sul podio in Ungheria
Carica commenti
F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario Prime

F1: l'enigma del denaro dietro le ultime scelte del calendario

Con l'ingresso di Liberty Media si è scelto di far entrare in calendario circuiti veri, ma la necessità di ottenere introiti può portare la Formula 1 su tracciati anonimi e costringere le squadre ad estenuanti triplette.

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA Prime

F1 Stories: 1982, un tris Made in USA

Nell'atipico campionato del 1982, gli Stati Uniti ospitano sino a tre Gran Premi: a Long Beach, a Detroit e a Las Vegas. Andiamo a rivivere questo tris di gare, in cui una in particolare regalò una doppia prima volta...

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale? Prime

Alfa Romeo: perché Giovinazzi è trattato da vittima sacrificale?

Il pilota italiano in Turchia avrebbe potuto conquistare un punto con la C41, ma la squadra di Hinwil ha trovato da dire perché Antonio non ha rispettato un ordine di scuderia per far passare Raikkonen. Analizziamo cosa è successo a Istanbul e in quali condizioni è chiamato a scendere in pista il pugliese…

Formula 1
18 ott 2021
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Formula 1
16 ott 2021
Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Formula 1
16 ott 2021
Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021
Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021
Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva” Prime

Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva”

In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano l'aria che si respira in casa Mercedes dopo quanto visto in occasione del GP di Turchia, dove è sembrato mancasse una vera e propria guida in occasione delle fasi calde della corsa

Formula 1
13 ott 2021