Red Bull: rinforzata l'ala posteriore, c'è il rischio crepe?

La squadra di Milton Keynes è stata autorizzata a intervenire sul profilo principale dell'alettone posteriore delle RB16B dopo la comparsa di una crepa su quella di Verstappen. La FIA ha concesso la modifica per motivi di sicurezza, ma il team di Horner ha deciso di prendere qualche rischio in più rispetto alla Mercedes che ha alzato le frecce nere per evitare dei guai sui dossi.

Red Bull: rinforzata l'ala posteriore, c'è il rischio crepe?

Nel box della Red Bull c’è un po’ di preoccupazione a dispetto della strepitosa pole position conquistata da Max Verstappen nelle qualifiche del GP degli Stati Uniti.

Qual è la ragione che allarma gli ingegneri diretti da Pierre Wache? La risposta è relativamente semplice: la squadra di Milton Keynes, nel tentativo di contrastare la superiorità tecnica mostrata dalle Mercedes al venerdì, ha deciso di osare deliberando una RB16B con un’altezza da terra minore rispetto a quella delle frecce nere, che nel giro secco hanno perso sensibilmente del carico aerodinamico.

Sui dossi di Austin la Red Bull ha accusato l'incrinatura nell'ala posteriore di Max Verstappen dopo le prove libere di sabato mattina: cercando il carico e le prestazioni a Milton Keynes hanno deciso di prendere qualche rischio in materia di affidabilità nonostante le pericolose cricche scoperte sul profilo principale della Red Bull RB16B dell’olandese.

Hanno mantenuto la macchina che striscia sui dossi, ma le violente vibrazioni e i sussulti determinati dalla cunette hanno provocato dei piccoli cedimenti sul profilo principale dell’ala.

La Red Bull ha subito informato i commissari tecnici della FIA chiedendo di rinforzare con delle pelli di carbonio l’ala dove ha iniziato a cedere, sebbene la vettura fosse già nel regime di parco chiuso.

Il disegno di Giorgio Piola che pubblichiamo ci mostra dove sono stati fatti gli interventi sull’ala dietro: oltre ad aggiungere del carbonio nella parte inferiore e superiore del profilo principale, i tecnici hanno deciso di fare un intervento analogo anche sulla RB16B di Sergio Perez che è stata analizzata nella notte.

“Non c’è mai una sessione senza stress – ha raccontato Christian Horner a Sky - non abbiamo capito se Max abbia colpito qualcosa perché è comparsa una bella crepa sull’ala. Ci hanno concesso di mettere dei rinforzi per motivi di sicurezza, e li abbiamo introdotti anche sulla macchina di Perez per quanto non ci fossero rotture”.

La gara si gioca sull’usura delle gomme che cresce se si è alzata la macchina perché si determina una riduzione del carico aerodinamico e, quindi, non si riesce a trasferire sugli pneumatici l’energia necessaria. Ma per evitare i danni dei dossi si è aumentata l’altezza da terra del fondo. Chi avrà trovato il miglior compromesso riuscirà a portare a casa il risultato migliore.

La Red Bull sembra aver preso qualche rischio in più rispetto alle frecce nere: “Venerdì siamo arrivati in pista con un setup un po’ sbagliato – ha rivelato Horner - , ma siamo riusciti a correggere il tiro”.

Sebastien Buemi ha trascorso la notte del venerdì al simulatore di Milton Keynes per correggere le scelte di assetto che erano state fatte a casa. Per la seconda volta di fila la squadra non ha centrato gli obiettivi, ma in questo frangente ha ritrovato la quadra in tempo. La partita iridata di oggi si gioca sui dettagli: un millimetro di altezza in più o in meno può determinare un passo gara diverso condizionando il consumo delle gomme. Chi vincerà la scommessa (e il GP)?

condivisioni
commenti
Ferrari: Sainz con le soft scommette su una gara a due soste
Articolo precedente

Ferrari: Sainz con le soft scommette su una gara a due soste

Prossimo Articolo

F1 | Ad Austin sarà ancora Max vs Lewis. Ma occhio a Leclerc...

F1 | Ad Austin sarà ancora Max vs Lewis. Ma occhio a Leclerc...
Carica commenti
Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo" Prime

Podcast F1 | Bobbi: "Leclerc, errore per 3-4 km/h di troppo"

Le Prove Libere del GP dell'Arabia Saudita ci parlano di un Lewis Hamilton e della Mercedes in forma, con Verstappen solo quarto. Ma l'errore pesante di giornata è della Ferrrari di Leclerc, che ha perso la sua SF21 in una delle tante curve veloci del tracciato di Jeddah

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah veloce con troppe curve cieche"

Andiamo a commentare le prime prove libere del GP d'Arabia Saudita in compagnia di Giorgio Piola e Franco Nugnes. Il tracciato di Jeddah, che non spicca per selettività, si prefigura come potenzialmente ricco di safety car

Formula 1
3 dic 2021
Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche" Prime

Video F1 | Piola: "Jeddah ad alto rischio con ali scariche"

Viviamo l'antipasto del Gran Premio dell'Arabia Saudita in compagnia di Franco Nugnes e Giorgio Piola. La prima volta della F1 a Jeddah sarà su un tracciato cittadino ultra-rapido, con medie previste superiori ai 250 km/h e con i muretti ben presenti ai bordi della pista

Formula 1
2 dic 2021
Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton Prime

Il nemico invisibile contro cui ha lottato Lewis Hamilton

Per il sette volte campione del mondo la lotta per il titolo del 2021 si sta rivelando davvero dura. Verstappen è un rivale feroce e alcuni fattori esterni hanno condizionato la rincorsa all'ottavo iride del pilota Mercedes.

Formula 1
1 dic 2021
Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica" Prime

Video F1 | Ceccarelli: "Alla ricerca della performance psico-fisica"

Un atleta è come una macchina: ogni componente deve essere perfettamente funzionante per rendere al meglio. In questa nuova puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e il Dott. Riccardo Ceccarelli di Formula Medicine affrontano l'importanza dell'allenamento psico-fisico.

Formula 1
1 dic 2021
Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo Prime

Red Bull | Gli errori da evitare per conquistare il titolo

Negli ultimi due appuntamenti la Red Bull ha subìto la superiorità Mercedes, ma il team di Milton Keynes è sembrato non riuscire a sfruttare appieno il potenziale della RB16B. A Jeddah e Abu Dhabi sarà fondamentale non commettere gli stessi errori.

Formula 1
30 nov 2021
La top 10 delle Williams più famose della storia Prime

La top 10 delle Williams più famose della storia

Williams è una delle squadre più leggendarie della Formula 1, in cui ha una storia ricchissima. Come tributo a Sir Frank Williams, tristemente scomparso all’età di 79 anni, Motorsport ripercorre la storia del marchio attraverso le 10 monoposto più importanti.

Formula 1
29 nov 2021
Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi Prime

Pit Stop in F1: ecco come nascono le soste da 3 secondi

Il tempismo al limite delle capacità umane in cui i meccanici di Formula 1 riescono a completare un pit stop è uno degli aspetti più interessanti del circus iridato. Ecco come si arriva a tali risultati

Formula 1
29 nov 2021