Red Bull: nel filming day di Istanbul cercata la velocità mancante

Alexander Albon ha riportato ieri la RB16B nella colorazione tradizionale in pista all'Istanbul Park per il secondo filming day stagionale. La squadra di Milton Keynes ha sfruttato la sessione di 100 km per le riprese commerciali anche per preparare i prossimi GP che saranno cruciali nella lotta per il mondiale. Il pilota anglo-thailandese ha girato un assetto aerodinamico scarico per cercare di recuperare la velocità massima mancante.

Red Bull: nel filming day di Istanbul cercata la velocità mancante

La Red Bull Racing ieri è rimasta all’Istanbul Park dove Alexander Albon ha effettuato il secondo filming day della stagione 2021. La squadra di Milton Keynes è prontamente tornata alla colorazione abituale, dopo che Max Verstappen e Sergio Perez hanno conquistato rispettivamente il secondo e terzo posto nel GP di Turchia con la livrea bianca celebrativa in onore della Honda.

A tal proposito ci sono voci che nel prossimo appuntamento in programma ad Austin la Red Bull Racing possa disputare il GP degli Stati Uniti sostituendo le scritte Honda con quelle Acura, vale a dire il marchio che rappresenta la Casa giapponese negli USA.

 

E, siccome la RB16B che ha girato con Albon non mostrava il logo Acura, è pensabile che il team diretto da Christian Horner abbia dedicato i 100 km concessi dalla FIA a cercare la messa a punto della monoposto per le ultime gare di una stagione entusiasmante, caratterizzata dal testa a testa iridato fra Max Verstappen che conduce la classifica del mondiale piloti con sei di vantaggio e Lewis Hamilton.

Rispetto ai precedenti appuntamenti nei quali la vettura di Adrian Newey ha rivaleggiato con la Mercedes ad armi pari, la RB16B è parsa un gradino decisamente sotto, non potendo mai contrastare la vittoria di Valtteri Bottas con la W12.

Non si è capito se per proteggere il motore 4 di Verstappen o se per correggere gli errori della simulazione che hanno condizionato il weekend di gara con dati di aderenza riferiti all’anno prima che erano completamente sballati.

Leggi anche:

Anche se con le gomme Pirelli demo (meno prestazionali di quelle in uso durante i GP), i tecnici di Pierre Wache hanno potuto verificare con il pilota anglo-thailandese il comportamento della monoposto, preparando le prossime trasferte che potrebbero essere decisive sull’esito della stagione, sfruttando una giornate di sole e una pista finalmente asciutta, utile a ricavare delle informazioni preziose.

In Texas, dove si correrà fra due domeniche, dovrebbe essere la Mercedes ad essere leggermente favorita, mentre in Messico e Brasile, due gare in altura, dovrebbe andare meglio la Red Bull che può sfruttare il turbo leggermente più grande della Honda per avere un migliore riempimento del cassoncino di aspirazione del motore, compensando meglio di Mercedes l’aria rarefatta.

Lo staff Red Bull avrebbe lavorato anche sulle sospensioni per cercare regolazioni che potrebbero essere utili sugli avvallamenti dell’asfalto che avevamo mandato in crisi i piloti della MotoGP due settimane fa e sulla configurazione aerodinamica: Albon ha girato con ali decisamente più scariche rispetto a quelle utilizzate nel GP di Turchia. Oltre al profilo principale a cucchiaio si è visto un flap mobile a corda molto corta e paratie laterali senza soffiaggi e strickers.

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16B impegnato nel GP di Turchia concluso al secondo posto

Max Verstappen, Red Bull Racing RB16B impegnato nel GP di Turchia concluso al secondo posto

Photo by: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Evidentemente gli ingegneri Red Bull stanno valutando come estrarre una maggiore velocità massima dalla RB16B, per contrastare la supremazia di motore mostrata dalla Mercedes. I dati di velocità massima di domenica sono stati impressionanti: Verstappen è stato il più lento di tutti con 297,1 km/h, mentre lo sfidante Hamilton ha toccato i 310,7 km/h.

Si dirà: Max ha fatto una corsa solitaria e non ha mai beneficiato della scia di qualcuno se non nei doppiaggi, ma lo stesso discorso si può fare con Valtteri Bottas che “solitario” ha raggiunto i 307,6 km/h, mentre Sergio Perez che di sorpassi ne ha dovuti fare è arrivato a 303,0 km/h.

È parsa evidente la grande differenza fra i due top team ed è normale, quindi, che a Milton Keynes cerchino di correre ai ripari…

Red Bull Racing RB16B, dettaglio dell'ala posteriore vista a Spa che si potrebbe rivedere ad Austin

Red Bull Racing RB16B, dettaglio dell'ala posteriore vista a Spa che si potrebbe rivedere ad Austin

Photo by: Giorgio Piola

 

condivisioni
commenti
Ceccarelli: “Sarà iridato chi ora farà meno errori”

Articolo precedente

Ceccarelli: “Sarà iridato chi ora farà meno errori”

Prossimo Articolo

Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva”

Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva”
Carica commenti
Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1 Prime

Il pericolo di dare troppo peso ai team radio "clickbait" della F1

Dopo che Lewis Hamilton ha risposto agli articoli che lo etichettavano come "furioso" con la Mercedes per i suoi accesi team radio durante il Gran Premio di Russia, ha fornito un'istantanea di come la Formula 1 trasmettendo solo dei frammenti possa illuminare ma anche far travisare la situazione reale.

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono Prime

Pochi team in F1, ed i talenti si perdono

In Formula 1, al giorno d'oggi, sono presenti venti possibili sedili ai quali ambiscono alcuni tra i migliori piloti del mondo. Negli ultimi anni stiamo assistendo ad un proliferare di giovani talenti, come Oscar Piastri, il cui futuro nella categoria è però a rischio per varie ragioni. Eccone alcune...

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1 Prime

Come si allena e cosa mangia un pilota di F1

Cosa serve per diventare un pilota di Formula 1? Talento a parte, al giorno d'oggi è richiesto essere dei superatleti per resistere alle forze che si sprigionano alla guida di queste monoposto. Dieta ferrea, allenamenti rigorosi... sicuri di voler tentare questa strada?

Formula 1
15 ott 2021
Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo Prime

Montoya: i momenti magici della carriera raccontati da Juan Pablo

Dalla Champ Car alla Formula 1, dalla Nascar alla IndyCar. Juan Pablo Montoya è stato un pilota davvero versatile ed in questa intervista esclusiva racconta i 10 momenti più importanti della sua carriera.

Formula 1
13 ott 2021
Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva” Prime

Ceccarelli: “Le pressione in Mercedes è diventata nociva”

In questa puntata di Doctor F1, Franco Nugnes e Riccardo Ceccarelli analizzano l'aria che si respira in casa Mercedes dopo quanto visto in occasione del GP di Turchia, dove è sembrato mancasse una vera e propria guida in occasione delle fasi calde della corsa

Formula 1
13 ott 2021
Alonso, quando il karma colpisce in Turchia Prime

Alonso, quando il karma colpisce in Turchia

Fernando Alonso è il protagonista di questa puntata de "Il Primo degli Ultimi" dedicata al GP di Turchia di Formula 1. A pesare, sullo spagnolo, è il risultato al termine della corsa, figlio di uno sciagurato primo giro dove è sia vittima che carnefice. Oltre, ovviamente, ad una dose di karma dopo le sue dichiarazioni del giovedì

Formula 1
12 ott 2021
F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo Prime

F1: come l'arte dei pit stop si è evoluta nel tempo

Dagli anni '80 in poi i pit stop hanno rappresentato un elemento chiave nelle strategie di gara. Pat Symonds racconta come si è evoluta la tecnologia che ha spinto di recente la FIA ad intervenire per porre un freno.

Formula 1
12 ott 2021
Minardi: "Atto di nonnismo di Alonso su Schumacher" Prime

Minardi: "Atto di nonnismo di Alonso su Schumacher"

In questo nuovo video di Motorsport.com, Franco Nugnes e Gian Carlo Minardi commentano i voti stilati per il Gran Premio di Turchia. Tanti promossi e tante bocciature in un weekend in cui protagonista negativa è stata l'impulsività...

Formula 1
11 ott 2021