Red Bull: il possibile passaggio ai motori Honda non preoccupa Verstappen

condivisioni
commenti
Red Bull: il possibile passaggio ai motori Honda non preoccupa Verstappen
Di:
Tradotto da: Matteo Nugnes
14 set 2017, 13:47

Max Verstappen ha spiegato di non essere preoccupato nel caso in cui la Red Bull dovesse essere costretta a passare ai motori Honda nel 2019 e che le sue decisioni sul futuro arriveranno solo dopo le prime gare del 2018.

Max Verstappen, Red Bull Racing RB13, leads Fernando Alonso, McLaren MCL32
Max Verstappen, Red Bull Racing RB13, Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB13, Fernando Alonso, McLar
Max Verstappen, Red Bull Racing RB13
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing, Max Verstappen, Red Bull, after Qualifying
Max Verstappen, Red Bull Racing
Max Verstappen, Red Bull Racing RB13

Una delle conseguenze dello scambio di power unit tra Toro Rosso e McLaren è che la Renault ha deciso di non fornire i propri propulsori alla Red Bull oltre la fine del prossimo anno.

Di fatto, la Red Bull si trova ad avere la Honda come unica alternativa per il 2019, indipendentemente da quanti progressi farà il costruttore giapponese nei prossimi 18 mesi.

Nonostante le enormi implicazioni che potrebbe avere questo cambiamento, Max Verstappen ha dichiarato di non essere allarmato dagli sviluppi che si stanno profilando dietro le quinte.

Quando gli è stato chiesto se il possibile passaggio ai motori Honda ha cambiato i suoi pensieri sul futuro, l'olandese ha detto: "Si parla del 2019".

"Alla fine non sono io che devo prendere questa decisione. Io so che l'anno prossimo guiderò una Red Bull-Renault e poi vedremo".

"In primo luogo dobbiamo vedere cosa farò nel 2019, ma non sono preoccupato per questo. Voglio concentrarmi sull'inizio del 2018 e vedere quanto saremo competitivi".

Anche se tra la Red Bull e Verstappen c'è un contratto anche per il 2019, pare che ci siano delle opzioni che consentirebbero al figlio d'arte di lasciare in anticipo la squadra di Milton Keynes.

Verstappen ritiene inutile perdere tempo a preoccuparsi delle conseguenze della decisione della Renault di non continuare a lungo termine con la Red Bull, soprattutto perché non è impossibile che la Honda possa finalmente diventare competitiva in Formula 1.

"Potrebbe essere che il motore Honda sia molto competitivo l'anno prossimo, ma non so cosa sia stato deciso per il futuro" ha detto.

"Basta aspettare e vedere, voglio solo capire cosa succederà all'inizio del 2018 e poi sapremo..."

Le chance per Singapore

Verstappen è arrivato Singapore fiducioso che la Red Bull abbia la possibilità di ottenere un buon risultato sul cittadino di Marina Bay.

"Penso che se guardiamo a Monaco, siamo stati abbastanza competitivi anche se la nostra vettura non era ancora buona come oggi, specialmente in gara" ha spiegato.

"Quindi non vedo l'ora di cominciare il weekend. Possiamo essere forti, ma dobbiamo trovare il giusto set-up. In quel caso penso che possiamo essere davvero una minaccia per Ferrari e Mercedes".

Sulle possibilità di successo però non si è voluto sbilanciare: "E' difficile dare una percentuale, però penso che abbiamo una chance se faremo tutto bene".

Prossimo Articolo
Vettel: "Singapore? Mi piace, ma è una gara molto stressante!"

Articolo precedente

Vettel: "Singapore? Mi piace, ma è una gara molto stressante!"

Prossimo Articolo

Fotogallery: i piloti e i team arrivano al Circuito di Singapore

Fotogallery: i piloti e i team arrivano al Circuito di Singapore
Carica commenti
Sii il primo a ricevere le
ultime notizie