Red Bull: il motore evoluto Renault potrebbe esordire a Monaco

condivisioni
commenti
Red Bull: il motore evoluto Renault potrebbe esordire a Monaco
Jonathan Noble
Di: Jonathan Noble
Tradotto da: Matteo Nugnes
17 mag 2016, 10:02

La Red Bull sarebbe pronta a rivedere i suoi piani e ad introdurre la power unit evoluta Renault in occasione del GP di Monaco se questa dovesse mostrare il passo avanti sperato nei test di questa settimana.

Race winner Max Verstappen, Red Bull Racing RB12, festeggia alla fine della gara
Max Verstappen, Red Bull Racing RB12 leads Kimi Raikkonen, Ferrari SF16-H
Esteban Ocon, Third Driver, Renault Sport F1 Team
Esteban Ocon, Third Driver, Renault Sport F1 Team
Esteban Ocon, Third Driver, Renault Sport F1 Team
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing

La squadra di Milton Keynes e la squadra ufficiale Renault stanno valutando il motore evoluto nei test di Barcellona, con l'attuale pianificazione che ne prevedeva il debutto in gara al GP del Canada del mese prossimo.

Ma se dovesse esserci un salto importante a livello di potenza, capace di portare un guadagno di qualche decimo al giro, Christian Horner ha rivelato che non è fuori questione la possibilità di velocizzare i piani ed introdurlo nella gara precedente di Monaco.

"Vediamo come andrà il test, ma se ci sarà qualche possibilità di essere più competitivi a Monaco, naturalmente ci piacerebbe portarlo" ha spiegato il team principal.

"Ma la decisione la devono prendere i ragazzi della Renault, non è nostra. Ovviamente faremo il test e poi guarderemo ai numeri".

Daniel Ricciardo ha iniziato la sperimentazione del nuovo propulsore questa mattina e, nonostante avesse completato un certo numero di giri di installazione, dopo diverse ore non aveva ancora messo a referto un tempo.

Fiducia per Monaco

Dopo aver ottenuto la prima vittoria stagionale in Spagna, Horner dice che le sperenza di ottenere un successo sono più alte nel Principato di Monaco.

La natura angusta del cittadino monegasco, sommata al fatto che non si tratta di un tracciato su cui la potenza fa la differenza, lo rende il terreno di caccia ideale per l'ottimo telaio della Red Bull.

Impaziente per queste prospettive, Horner ha detto: "Abbiamo sempre pensato che Monaco rappresentasse la nostra chance migliore per ottenere una vittoria quest'anno".

"Noi abbiamo sfruttato in Spagna una giornata in cui la Mercedes ha avuto dei problemi, ma Montecarlo dovrebbe essere una pista adatta alle nostri punti di forza, più di tutti gli altri circuiti su cui abbiamo corso finora quest'anno".

Prossimo articolo Formula 1
15 maggio 1986, trent’anni fa ci lasciava Elio De Angelis

Articolo precedente

15 maggio 1986, trent’anni fa ci lasciava Elio De Angelis

Prossimo Articolo

La Ferrari non controlla l'aumento della pressione delle gomme

La Ferrari non controlla l'aumento della pressione delle gomme
Carica commenti