Red Bull differenzia la strategia: le RB14 partiranno con le supersoft

condivisioni
commenti
Red Bull differenzia la strategia: le RB14 partiranno con le supersoft
Roberto Chinchero
Di: Roberto Chinchero
24 mar 2018, 11:02

La squadra di Milton Keynes teme di non poter lottare ad armi pari con Mercedes e Ferrari, quindi ha deciso di far qualificare Ricciardo e Verstappen con le gomme a banda rossa in Q2, studiando una strategia alternativa.

Max Verstappen, Red Bull Racing RB14 Tag Heuer, solleva scintille
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB14
Daniel Ricciardo, Red Bull Racing RB14
Max Verstappen, Red Bull Racing RB14
Max Verstappen, Red Bull Racing RB14 sparks
Max Verstappen, Red Bull Racing RB14
Max Verstappen, Red Bull Racing RB14
Max Verstappen, Red Bull Racing RB14 Tag Heuer
Max Verstappen, Red Bull Racing watches the garage TV

La Red Bull ha deciso di scompigliare le carte, e scatterà al via del Gran Premio d’Australia con pneumatici supersoft. È una decisione che dice molto dello stato attuale della squadra, e della consapevolezza dei punti di forza e delle debolezze della monoposto 2018.

La prima valutazione che sorge spontanea è che la Red Bull è convinta di non poter sopravanzare Mercedes e Ferraria parità di condizioni, almeno a Melbourne, poi si vedrà. Da qui la scelta di giocare una carta differente, ovvero differenziare la strategia di gara puntando al colpaccio se le scelte si confermeranno azzeccate.

A Ricciardo (che scatterà dall’ottava posizione per una penalità) e a un Verstappen che partirà alle spalle di Kimi Raikkonen, sarà chiesto di allungare il più possibile il primo stint di gara. Le simulazioni della Pirelli indicano intorno al giro 22 la prima sosta per chi partirà con gomme ultrasoft, mentre chi monterà al via le supersoft dovrebbe poter contare su cinque tornate in più.

Se la Red Bull riuscirà in questi giri aggiuntivi ad avere il margine per un "overcut" potrebbe crearsi una situazione favorevole, ma è difficile pensare che Verstappen e Ricciardo possano essere più performanti degli avversari con gomme fresche.

Se invece la pista dovesse confermare un degrado meno accentuato del previsto, per Verstappen e Ricciardo potrebbe essere alla portata la strategia ad una sosta, montando nell’unico pit-stop la mescola soft. Il tutto al netto di ingressi in pista della Safety Car, cosa non impossibile a Melbourne, che potrebbe diventare un jolly a favore o contro le due Red Bull a seconda delle fasi di gara.

Prossimo Articolo
Carica commenti